GTranslate

 

Collecting Matta-Clark La raccolta Berg Opere, documenti e ephemera

Accademia Nazionale di San Luca Roma, piazza dell’Accademia di San Luca 77 Collecting Matta - Clark La raccolta Berg Opere, documenti e ephemera  Inaugurazione: venerdì 14 dicembre 2018, ore 18.00 Apertura al pubblico: 14 dicembre 2018 - 25 febbraio 2019 A L’ Accademia Nazionale di San Luca ospita dal 14 dicembre 2018 al 25 febbraio 2019 l a mostra “Collecting Matta - Clark. La raccolta Berg. Opere, documenti e ephemera” . La mostra, frutto della collaborazione tra Harold Berg, Federico De Melis e Gianni Dessì, vuole porre l'accento sull'atto del collezionare come pratica colta e culturalmente responsabile. L' omaggio quindi duplice all’artist a americano Gordon Matta - Clark (New York 1943 – 1978) e alla figura d el collezionista Harold Berg , cileno apolide residente a Barcellona, che ha raccolto in più di dieci anni di appassionate ricerche i lavori dell’artista. Come scrive De Melis a proposito di Berg: “ Pacato, riflessivo, con pause di silenzio alla ricerca della parola puntuale, Berg ricorda che tornava dal Cile, «il 12 giugno, o luglio, del 2006»: «Quando sono salito in aereo mi è venuto fra le mani un giornale dove compariva un articolo su Gordon Matta - Clark, presentato c ome il “figlio ribelle” di Roberto Matta. Ha subito catturato la mia attenzione che esistesse un artista, di cui non avevo mai sentito parlare, e sconosciuto in Cile, figlio di un grande artista cileno quale Roberto Matta. Quest’idea di un figlio - artista d alla vita propria, totalmente avulsa da quella del padre, mi è sembrata affascinante: penso, proprio perché una settimana prima era morto mio padre» ” . La mostra è un percorso che si snoda fra opere originali di Gordon Matta - Clark , disegni, stampe fotografi che vintage, cibachrome , filmati originali e un'ampia serie di documenti quali cataloghi, libri d'artista e articoli di giornale, le ephemera , appunto, tutto proveniente dalla collezione di Berg. L’esposizione va ad intessere un'articolata e stratificata trama di storie e aneddoti capaci di restituire in maniera vivida l'intera vicenda artistica di Matta - Clark e l'atmosfera creativa che si respirava nella SoHo di New York n ei primi anni Settanta : d all’esperienza degli interventi sugli immobili dismessi al ristorante FOOD , fondato dallo stesso Matta - Clark con la sua compagna performer Carol Goodden, diven u to punto di incontro della vivace scena artistica americana , arrivando poi al gruppo Anarchitect ure , composto da artisti come Laurie Anderson, Tina Girouard, Suzanne Harris, Jene Highstein, Bernard Kirschenbaun, Richard Landry, Jeffrey Lew e Richard Nonas e lo stesso Matta - Clark . Il gruppo si caratterizzava per un'attenzione al rapporto tra architett ura , design e contesto sociale in n ome di una prassi coinvolgente e liberatoria basata su inedite relazioni spaziali e fisiche, dando una visione dell'arte e dell'architettura capace di schiudersi sino a emanciparsi dal suo concreto . Ecco allora il disegno, traccia cognitiva, calarsi nella realtà del paesaggio metropolitano, aprire varchi nella fisicità di edifici e spazi urbani e conquistare luce e aria aperta. Come sottolinea Gianni Dessì, Presidente dell’Accademia Nazionale di S an Luca : “C he Gordo n Matta - Clark sia tra i più interessanti artisti americani della generazione operante negli anni ’70 è oggi ampiamente riconosciuto. H a tracciato con la sua opera un percorso tra i più vitali, aperto a diverse discipline, punto d’incontro e di sintesi , dov e ciò che indichiamo come performance, arte con cettuale, land art, minimal art e architettura intrecciano un nodo che non smette di offrire spunti alla riflessione storica , come anche al godimento di un’arte complessa e ricca di tangenze ”. La mostra è accompagnata da un catalogo bilingue (italiano - inglese) con un’ intervista di Federico De Melis a Harold Berg , testi di Pablo Echaurren, Carol Goodden, Francesco Guzzetti, Francesco Moschini e Richard Nonas . Roma, dicembre 2018 INFORMAZIONI Mostra: Collecting Matta - Clark. La raccolta Berg: opere, documenti e ephemera Preview stampa: venerdì 14 dicembre, ore 11. 0 0 Inaugurazione: venerdì 14 dicembre 2018, ore 18.00 Apertura al pubblico: 14 dicembre 2018 - 25 febbraio 2019 Sede: Accademia Nazion ale di San Luca, piazza dell’Accademia di San Luca 77, Roma Informazioni: tel. 06 679 8850; [email protected] Orari: dal lunedì al sabato: ore 10.00 - 19.00 (ultimo ingresso ore 18.30). Chiuso domenica e i giorni festivi . Chiusura straordinaria il 24 d icembre . Il 31 d icembre sarà osservato l'orario rido t to (info: www.accademiasanluca.eu/it ) . Ingresso gratuito UFFICIO STAMPA MOSTRA: Ufficio stampa Maria Bonmassar Tel. 064825370 - 335490311 | [email protected]
Pin It

Le interviste del Direttore

Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
La storia dell'Ospedale Fatebenefratelli di Milano è fortemente legata a quella della sua città e affonda le radici nel Cinquecento, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph