GTranslate

 

Va online “Hi Dubai” il docu-reality di cultura e lifestyle lanciato col più alto share negli Emirati Arabi, scritto da Benedetta Paravia

Benedetta Paravia è Ideatrice, produttrice e regista del nuovo format televisivo dal titolo “Hi Dubai” che documenta storie vere, raccontate da ventiquattro protagoniste femminili in sette reportage tematici realizzati in loco. (Le donne emiratine sono state scelte tra le famiglie più note, mentre tra le donne internazionali, la celebrity vip della serie è l'attrice e star egiziana Safia Alemari). Un lungo lavoro di ricerca di contenuti e di storie dal forte impatto televisivo ed emotivo,con l’obiettivo generale di mostrare l’autodeterminazione femminile, dimostrando quanto la modernità della donna di oggi sia costituita di libertà di parola e pensiero, proprio in un paese islamico quale gli Emirati Arabi.
Dopo il successo della messa in onda sul canale televisivo Dubai One, da pochi giorni la serie tv è stata lanciata sul web, su un altro canale del Governo di Dubai: www.dubaipost.ae così da poter seguire le storie raccontate dalle 24 donne di diverse nazionalità, culture e religioni che vivono a Dubai (dodici sono emiratine e dodici espatriate internazionali). La serie completa sarà online entro gennaio 2019.
E’ andata in onda in prima serata e in prima assoluta, sul canale televisivo Dubai One(l’equivalente di Rai Uno) dal 30 Novembre al 2 Dicembre 2018, ovvero durante il periodo di celebrazioni della Giornata Nazionale degli Emirati Arabi Uniti, poichè il valore dei contenuti erano in perfetto target e linea editoriale, finalizzati a promuovere lo spirito fiero e patriottico degli Emirati Arabi Uniti.

Sette gli episodi, della durata di 25 minuti ciascuno che per il web sono stati divisi in 26 brevi episodi:
1- Gli EMIRATI ARABI UNITI, 2 – La GIOVENTù (gli Emirati Arabi vantano il primato della più giovane Ministro al mondo, la 21enne Shamma Al Mazroei), 3 – La TOLLERANZA (anche qui gli Emirati Arabi sono l’unico paese al mondo ad avere un Ministero per la Tolleranza per la convivenza di valori tra le 280 nazionalità presenti sul territorio), 4 – La FELICITA’ (un altro primato è il Ministero della Felicità, creato per favorire alla comunità un benessere interiore), 5 – La CULTURA, 6 – Lo SPORT, 7 – Il FUTURO.
Celebrando le storie di successo, emancipazione e realizzazione personale delle ventiquattro donne che hanno partecipato volontariamente per amore del paese, Benedetta Paravia ha inteso produrre anche un tributo al suo paese di adozione, sfatando luoghi comuni spesso riferiti ai paesi islamici, sottolineando il ruolo della donna nel mondo arabo in generale e negli Emirati Arabi nello specifico. La produzione è stata patrocinata dalla prima Ministro della Tolleranza della storia: S.E. Sheikha Lubna bint Khalid Al Qasimi che fu anche la prima Ministro delle finanze donna nel mondo e dal Ministero della Cultura e quello dello Sport emiratini.
Tra le protagoniste della serie - visibile anche su www.hidubai.ae  - figurano anche due italiane residenti a Dubai: la blogger Simona Briggiotta aka Samira Cooper madre di 3 gemelli di cui 2 disabili e l’esperta di Fondi Sovrani Celeste Lo Turco. Madrina della serie, l'attrice egiziana Safia Alemari che è anche Ambasciatore di Pace alle Nazioni Unite. Benedetta Paravia è anche la presentatrice ufficiale della serie, sempre vestita in abiti eleganti e sobri, affiancata dall’emiratina Suaad Al Hammadi che preferisce invece condurre il proramma in abiti arabi tradizionali.
Pin It

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Leggi tutto...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

Chiusura 16/07/2020 di Stefano Pariani
Molti milanesi la ricordano ancora come la “gesetta di lusert”, la chiesetta delle lucertole, un edificio [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph