GTranslate

 

IL RICHIAMO

di Nuzzo Monello

Il richiamo dei segni, dei frammenti fittili, sono per l’archeologo infrasuoni culturali diffusamente sedimentati e modulati sui piani dei rinnovamenti e cambiamenti sociali.

Sono buio, non conoscenze, fino a quando le luci del giorno e/o le luci artificiali non fissano gli oggetti e le opere dell’ingegno umano in un percorso museale, suggestivo di evocazioni di esclusive bellezze della vita quotidiana recuperata alla dignità della loro storia, di ciascuna storia che, per quanto può essere rappresentata  piccola o in frammento, altrettanto affascina al tal punto da farcele sentire come piena espressione dell’intelletto umano prima e di proprio bagaglio dopo.

Il richiamo è l’oggetto, la sua storia, il suo cammino da valore contestualizzato a sedimento consolidato: è quasi alla soglia dell’immortalità. Dimensione ove il tempo sebbene ne esprima ogni valore culturale si rarefà al principio frattale del divenire dell’uomo e delle sue storie.

I racconti, le tradizioni, i pensieri si materializzano e ristrutturano nella decifrazione delle culture che li espressero.

È l’incanto dell’ignoto che si fa luogo del cammino, del superamento, del volgere delle situazioni in concrete realtà dell’essere.  Il Museo dunque non può che ospitare, e se ciò non avviene all’uomo spetta il richiamo all’ingegno e la prospettiva del ritorno.

A Noto a Avola e ancora in troppi ecumeni è avvenuto, da troppi anni che, quei luoghi museali sono rimasti inespressi, ed ora si fa forte il mio richiamo alle volontà di ripristino. Nell’attesa pluriennale che completano i lavori, e soltanto per il tempo inoperoso, nell’attesa dei primi interventi concreti, come avviene al momento dei primi raschiamenti del piano di studio del sito, le mie opere scultoree, nate allo stesso modo delle antiche modellazioni ad arto umano, possono trovare alchenicamen

te collocazione nello stesso posto pervaso dall’anima mundi ed innalzare il richiamo ad elevazione culturale. L’argilla, materia primordiale, ancor prima della metallurgia, si è resa viva e malleabile agli intenti, dispiegando all’uomo la via dei contrari, del vuoto e del pieno, del sotto e del sopra, del permeabile e impermeabile, dell’uso comune e della rappresentazione del sacro, dell’alto e del basso, del grande e del piccolo, dell’unico e degli insiemi.

L’argilla perciò diviene espressione dell’uomo, materia privilegiata viva e per la vita. In essa, nella sua storia di sedimenti microscopici e igroscopici, e per essa, per la sua modellabilità nascono i miti e i piani dei racconti, dei sogni che inseguono l’estetica del manufatto e il bello della rappresentazione. Nasconde i contrari alchemici dell’acqua e del fuoco, la prima liquefà e il secondo cristallizza, al contrario della metallurgia, ove è il fuoco a liquefare e l’acqua a temprare. Le frequenze sonore emesse dalle cristallizzazioni della terracotta, nel silenzio dei luoghi, ben si accordano con le frequenze sonore emesse dalle variazioni cromatiche che dai volumi promanano. Le une e le altre unite richiamano l’Armonia, quell’armonia che soltanto le vicissitudini umane raccolte e composite, datate e collocate, catalogate e classificate, pianificate e raccontate riescono a far rivivere e vitalizzare i meandri culturali del cuore, dell’anima e dello spirito.

Nuzzo Monello 
Palazzo Nicolaci di Villadorata ~ NOTO

IL RICHIAMO

Sicché le sculture - Colori e Luci nelle ombre -, che definiamo moderne, ma che fanno parte a ben vedere, del tempo dei racconti umani, del richiamo perenne tra uomo e opera si sostanziano in sinfonia tra suoni e colori, quale guida, interpreti, nel silenzio del luogo museale, delle ombre tra suoni i volumi. Inascoltabili ai nostri sensi se non dopo al richiamo della flebile candela della conoscenza, acuiti i sensi nello sforzo percettivo si manifestano acuti all’orecchio e smaglianti alla vista.

Pin It

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Leggi tutto...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph