GTranslate

 

Tutte le donne del MUDEC. Nell'ambito del palinsesto 2020 “I talenti delle donne” al via

MILANO CITTÀ MONDO #05 “La città delle donne” Un palinsesto per scoprire nuove narrazioni e nuovi modi di vivere e tessere le trame della città  attraverso lo sguardo, la cura e la sensibilità delle donne del mondo Inaugurazione e presentazione del palinsesto: giovedì 13 febbraio 2020 dalle 18.30 – MUDEC- Auditorium È alle donne che hanno reso e rendono grande Milano con i loro talenti, il loro ingegno e il loro sguardo che per tutto il 2020 sarà dedicato il quinto focus del progetto “Milano Città Mondo#”, un appuntamento annuale dedicato alle numerose comunità internazionali presenti in città a cura del MUDEC e dell’Ufficio Reti e Cooperazione Culturale del Comune di Milano, con la collaborazione delle associazioni internazionali che abitano la città. Dopo Eritrea/Etiopia, Cina, Egitto e Perù, quest’anno il quinto focus non coinvolge tanto una comunità specifica, quanto le donne del mondo a Milano, così come ha fortemente voluto il Comune nell’ambito del palinsesto 2020 “I talenti delle donne”.

Afrodiscendenti, cittadine di origine asiatica, donne arabe e dell’Europa orientale, così come quelle dell’America Latina si confrontano e si raccontano in prima persona attraverso il cinema, la letteratura, la poesia, la musica, la cucina, la danza, la cultura giovanile offrendo nuovi sguardi plurali e multiculturali sulla città.

Si parte giovedì 13 febbraio, con una inaugurazione serale alle 18:30 al MUDEC all’insegna della condivisione e dell’emozione.  A presentare il ricco palinsesto di Milano Città Mondo, che proseguirà con incontri ed eventi fino a giugno, saranno l’assessore alla cultura Filippo Del Corno, la direttrice del Polo Arte Moderna e Contemporanea Anna Maria Montaldo e Randa Ghazy, scrittrice e giornalista. La serata prevede le performance artistico-musicali di Zelie Adjo, cantautrice del Togo che si esibirà proponendo brani dal suo ultimo album Tsoèke, e Aram Ghasemy, danzatrice dell’Iran che proporrà un suo spettacolo multimediale composto da danze fusion che mescolano tradizione e innovazione e contemporaneamente da una proiezione video di immagini artistiche, musica e poesie.

Il cuore della serata sarà dedicato alla presentazione del palinsesto. Questi alcuni temi oggetto di narrazioni e incontri:

Incontrarsi a Milano: Il mondo in una stanza - 27 febbraio, MUDEC, ore 18,30.

Le donne amano incontrarsi e discutere, in luoghi possibilmente curati e accoglienti. Sempre di più nascono spazi di imprenditoria femminile che hanno lo scopo di creare luoghi di aggregazione e di discussione, che non prescindono dalla bellezza e dall'estetica. Per le donne di tutto il mondo la forma è anche un po' sostanza: sono nati così Aspirin, Gogol Ostello, Casa Araba, casa del tè Xin Cha…, tutti aperti, voluti e gestiti da donne di provenienze diverse e dove la bellezza è di casa, per tutti.

 

Raccontarsi a Milano: Narrazioni al femminile.

primo incontro 12 marzo, MUDEC ore 18,30.

Questo sarà il tema di due incontri in cui si confronteranno donne che scrivono e pubblicano in italiano e racchiudono nei loro scritti tutta la complessità e la bellezza di appartenere a mondi diversi. Con Nicoletta Vallorani (Unimi e scrittrice), Randa Ghazy (scrittrice) Daniela Finocchi (Concorso Lingua Madre) e Thamina Akter, Marie Moise e Addes Tesfamariam. Letture e narrazioni di tante scrittrici che hanno scelto la lingua italiana per esprimersi e uscire dal silenzio. 

 

Nascere a Milano: 7 maggio, Mudec, ore 18,30.

Esperienze e culture della nascita a confronto, sia tra generazioni sia nel confronto con la cultura del luogo in cui si è scelto di vivere, in un discorso che unisce le donne e le tradizioni, attraverso fili antropologici di riconoscimento e appartenenza tra culture diverse.

 

Innamorarsi a Milano: amori sconfinati 14 maggio, Mudec, ore 18,30.

Milano come luogo dove si incontra il mondo, nascono le attrazioni per l'altro da sé, che spesso non è in continuità con le aspettative tradizionali famigliari. Amore come atto creativo e di libertà: sfida alle convenzioni e bellezza e difficoltà di relazionarsi, ogni giorno, con culture diverse. Il multiculturalismo è costruito con impegno, passione e qualche fatica e sarà un regalo per le future generazioni. Le donne sono le protagoniste: sono loro a scegliere e a imporsi. Un incontro tra esperienze, poesia, letteratura, teatro, racconto artistico.

 Emigrare a Milano. La mia Nonna. 21 maggio, MUDEC, ore 18,30.

Ragazze copte e musulmane hanno trovato un filo rosso nelle loro esperienze di un tempo - esperienza poi condivisa da molte - scoprendo che tutte avevano avuto una "nonna" italiana, una figura di italiana casalinga o pensionata mentore che le aveva accolte, accudite, aiutate a fare i compiti, a parlare con le maestre... Il loro progetto si chiama infatti "La mia Nonna" e sarà una specie di human library che prevede anche la presenza di alcune "nonne" - quelle sopravvissute, almeno. È una storia della Milano accogliente, che allarga il cuore.

 

Lavorare a Milano: 28 maggio e 4 giugno, MUDEC, ore 18,30.

Due incontri per raccontare le eccellenze e start up di ieri e di oggi; confronti tra le donne emigrate di prima generazione e le seconde generazioni, giovani che arrivano oggi da mondi lontani e portano un'idea ‘contemporanea’ del loro Paese, ormai sconosciuto a chi è emigrato da tempo. Focus sulla moda e su altre forme di creatività delle afrodiscendenti e non solo.

 

Il palinsesto, in via di ultimazione, è prodotto in collaborazione con singole e associazioni, ed è frutto dello scambio tra donne di diversa origine che hanno trovato temi comuni e differenze e che hanno accettato di collaborare con il Comune di Milano per produrre incontri e dare visibilità a tante donne che abitano e animano Milano. Tutti gli incontri al Mudec si svolgeranno al giovedì alle ore 18,30, dal 13 febbraio al 21 giugno e sono a ingresso libero fino ad esaurimento posti. Molti saranno gli incontri diffusi in altri luoghi della città.

 

La cabina di regia che ha coadiuvato l’Ufficio Reti e Cooperazione Culturale è formata da cinque donne, professioniste attive nella società civile e nel mondo della cultura e capaci di essere un ponte tra diverse culture. Sono Jada Bai, Kibra Sebhat, Nadeesha Uyangoda, Randa Ghazy, e Ana Pedroso con origini, nell’ordine, da Cina, Eritrea, Sri Lanka, Egitto e Cuba.

 

Milano Città Mondo #05 “La Città delle Donne” sarà presente con una specifica sezione all’interno del 30° Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina FESCAAAL che si svolgerà in diverse sedi, dal 21 al 26 marzo.

 

La Città delle donne si concluderà con la realizzazione, nel mese di giugno, di un’opera di un’artista sul muro retrostante il Mudec, che affiancherà quella di Sef 01 realizzata lo scorso anno in occasione di Milano Città Mondo #04 Perù.

Il catalogo della Città delle Donne verrà presentato a Bookcity 2020.

 

Per info sul palinsesto in continuo aggiornamento: www.mudec.it

FB: milanocittamondo

 

Milano Città Mondo è un progetto del Comune di Milano, MUDEC e Ufficio Reti e Cooperazione Culturale insieme alle associazioni rappresentative delle comunità internazionali a Milano. L’obiettivo è conoscere le culture del mondo che abitano Milano e rendere protagonisti i cittadini che di quelle culture sono testimoni, per raccontare la pluralità e la ricchezza dei loro mondi di provenienza ma anche gli influssi e i meticciamenti che creano un nuovo sviluppo della città. Inoltre, attraverso ricerche sul campo, lasciare testimonianza negli archivi del Mudec della presenza e storia delle numerose comunità internazionali che compongono la città.

 

 

UFFICI STAMPA:

24 ORE CULTURA - GRUPPO 24 ORE: Elettra Occhini | [email protected] | tel.02/30.22.3917

COMUNE DI MILANO: Alessia Testor

Pin It

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Leggi tutto...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph