GTranslate

 

Petra si presenta alla trentaquattresima edizione di Modenantiquaria

PETRA, dall’8 al 16 febbraio, in concomitanza con Modenantiquaria Nuova veste e nuovo impulso al più country dei Saloni europei.

Petra si presenta alla trentaquattresima edizione di Modenantiquaria (dall’ 8 al 16 febbraio 2020) in una veste completamente nuova.
Il popolare Salone dedicato agli arredi da giardino, sia esso storico che contemporaneo, giardino di città o di mare, campagna o montagna, orizzontale o verticale, piccolo o enorme, cambia volto pur mantenendo le caratteristiche che lo hanno portato a diventare l’appuntamento fieristico specializzato tra i più attesi e amati d’Europa.

Ancora una volta, molta attenzione viene riservata all’allestimento centrale affidato quest’anno a Marie Claire Maison, il magazine internazionale colto, elegante, eclettico e cosmopolita che rappresenta un universo coinvolgente in cui arredo, arte, cultura e lifestyle dialogano e si fondono per raccontare una vera "Maison Experience".

Archi, colonne, nicchie vegetali e statue di antiche divinità. Sono i segni distintivi del Teatro Marittimo di Villa Adriana, singolare e scenografica struttura architettonica in cui Adriano, imperatore romano dal 117 al 138, amava ritirarsi per meditare, riposare e contemplare il bello; un’oasi di quiete nella sua grande dimora, vera e propria cittadella ai piedi del colle sul quale si erge Tivoli.
È questa l’ispirazione dell’allestimento firmato Marie Claire Maison e pensato per Petra, appuntamento in calendario dall’8 al 16 febbraio 2020 all’interno di Modenantiquaria.
Nato da un concept di Bruno Tarsia, stylist di Marie Claire Maison, il progetto si configura come una rilettura in chiave contemporanea del nitore formale di matrice classica e che, nell’ambito della fiera, vuole essere anche un piccolo eden dove concedersi un momento di relax. Archi e statue evocano un mondo quasi atemporale, come nei quadri della fase metafisica di de Chirico, il quale sosteneva: «Senza la scoperta del passato non è possibile comprendere il presente».
Altrettanto pertinente il rimando letterario alle Memorie di Adriano di Marguerite Yourcenar: «... Nel cuore di quel ritiro, m’ero fatto costruire un asilo ancor più celato, un isolotto di marmo al centro d’un laghetto contornato di colonne, una stanza segreta che un ponte girevole, così lieve che si può con una mano sola farlo scivolare nella sua corsia, uscire alla riva, o, piuttosto, segreta da essa. In quel padiglione feci trasportare due o tre statue a me care, e quel piccolo busto d’Augusto fanciullo che Svetonio m’aveva dato ai tempi della nostra amicizia; all’ora della siesta, mi recavo là per dormire, per pensare, per leggere. Sdraiato sulla soglia, il mio cane allungava innanzi a sé le zampe rigide; un riflesso di luce si riverberava sul marmo; Diotimo, per rinfrescarsi, posava la gota al fianco levigato d’una vasca. Io pensavo al mio successore».

Ufficio Stampa
Studio ESSECI di Sergio Campagnolo

Pin It

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Leggi tutto...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph