GTranslate

 

"A Love Supreme" e i demoni di John Coltrane

di Margherita Pavoni

Parlare di un disco non è mai un'impresa facile, figuriamoci approfondire un album leggenda come "A love supreme” di John Coltrane. L'album è, infatti, un capolavoro universalmente celebrato e riconosciuto anche commercialmente."

 

 

Nonostante un LP del genere meriterebbe interi libri di testo ben più adatti di un mio personale tentativo di recensione, mi accingo comunque a provarci. Per fortuna bastano un paio di ascolti per risvegliare la mia approssimata conoscenza del jazz.

John William Coltrane è stato un sassofonista e compositore statunitense, tra i più grandi capisaldi del jazz, in particolare quello modale, chiudendo il periodo bop per aprire quello del freejazz.
Nacque da un sarto con l'hobby del violino e da una casalinga e crebbe ad High Point.
Fu colpito da una serie di lutti familiari ed il suo primo contatto con la musica avvenne con i boy scout come clarinettista ed al liceo come sax contralto. 
Nel '43 si diplomò e si trasferì in cerca di un lavoro a Philadelphia dove continuò a studiare. Suonò con l'orchestra di Gillespie come sax contralto e nel '55 iniziò la preziosissima collaborazione con Miles Davis con cui inciderà “My Favourite Things”.
Raggiunse una capacità produttiva praticamente senza precedenti con “A love Supreme”.

Innanzitutto l'amore supremo non è solo il titolo, ma è anche il tema cardine attorno a cui è imperniato il discorso di Coltrane. L'amore come forma di celebrazione e ringraziamento. Trane ci racconta che l'amore supremo è figlio della sofferenza più intima, che si nutre del passato, nella speranza di un futuro migliore.
In definitiva, l'amore supremo è l'ultima tappa di un lungo percorso che qui si snoda metaforicamente in una lunga suite composta da 4 movimenti, tutti di un'eccellenza che non teme confronti, scritti di getto, dal giorno alla notte con enorme sorpresa dello stesso compositore.

Il merito, senza nulla togliere alla grandezza di musicisti come lui - primo fra tutti il pianista McCoy Tyner -, è quasi esclusivamente da attribuirsi alla voce strumentale unica ed imitatissima: quella del sax tenore di Coltrane. 
Lo strumento regala forse i frutti più belli di tutta la carriera, o quanto meno della sua fase "modale", e chiude nel migliore dei modi un cammino creativo complesso, che sfocia in un suono impetuoso e caldissimo.
La grandezza di Trane sta nei suoi fraseggi impressionanti, (la lezione di Parker è riletta in chiave moderna e più aggressiva) che vibrano nello spazio senza limiti, alla velocità della luce.
 
Partecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Le interviste del Direttore

Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
La storia dell'Ospedale Fatebenefratelli di Milano è fortemente legata a quella della sua città e affonda le radici nel Cinquecento, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Margherita Pavoni
Il luogo senz'altro più affascinante di Bergamo Alta è la piazza Vecchia con i suoi portici e la piazzetta della Basilica di Santa [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Milano: storia di una chiesetta dimenticata e imbrattata

di Stefano Pariani
Sono in molti a Milano a conoscere la Chiesa di Sant'Antonio da Padova, nelle adiacenze del Cimitero Monumentale, luogo che raccoglie [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Other Articles

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph