GTranslate

 

La cucina di Marchesi: musica e arte a braccetto

di Ugo Perugini

marchesiGualtiero Marchesi è un nome importante nell’arte della cucina. Potremmo definirlo un mito. Per coloro che si occupano di gastronomia per i quali è “il” Maestro, ma anche semplicemente per chi ama i sapori e i gusti genuini e vuole che ci sia qualcuno che continui a preservare la tradizione e l’originalità di una cultura culinaria, di cui il nostro Paese deve andare fiero.

Marchesi non ama la definizione di “chef” e ha ragione. In cucina, secondo la sua filosofia, esistono tre livelli di professionalità: l’esecutore, il compositore e l’artista. Non per nulla questa suddivisione richiama i criteri di selezione operati nei conservatori di musica. L’alta cucina è musica. Musica per palati raffinati.

 marchesi

A lui chiediamo, un po’ ingenuamente, lo confessiamo, quali siano le caratteristiche per diventare un “cuoco artista”.

Non esistono – ci risponde in modo deciso – L’artista nasce artista. Ci sono tanti bravi professionisti che non saranno mai artisti. La grande cucina si fa e si gusta quando c’è la qualità. Diventa alta quando c’è di mezzo la mano di un artista. Il suo colpo di genio non ha nulla a che fare con il desiderio puerile di stupire ad ogni costo.”

 

marchesi

Molto tranchant, non c’è che dire. E qualche “chef” che ama stupire il suo pubblico con “effetti speciali” dovrebbe riflettere a lungo sulle sue parole.

Ma da un “genio” come Marchesi non ci si può aspettare altro. Qualcuno può dubitare del fatto che in un piatto possa veicolarsi un messaggio di cultura. Eppure, è così! Si mangia ogni giorno per nutrirsi e per sopravvivere, è naturale. Ma si può mangiare anche per ricevere delle emozioni non soltanto legate ai profumi e ai sapori del cibo ma anche a quello che il cibo in quanto storia, mito, simbolo può trasmetterci.

Allora chiediamo ancora al Maestro Marchesi. “Possiamo dire che per mangiare bene bisogna usare non solo la bocca ma anche il cervello?”

Marchesi sorride, perché è d’accordo: “Senza tenere acceso il cervello non si va da nessuna parte. Tutto nasce da un’idea messa in pratica. Bach diceva che non è importante come tocchi il tasto, perché tutto è già nella composizione.”

Ancora una metafora musicale. Era quasi d’obbligo perché Marchesi ama la musica, visto che nella sua famiglia sono numerosi coloro che si sono dedicati, e con successo, a quest’arte. Ma Marchesi ama anche, e tantissimo, la pittura e la scultura. Ce lo dimostra quando lo sfidiamo, amabilmente, a un giochetto semplice: abbinare a qualche suo piatto un’opera di pittura o scultura.

marchesi

Per l’antipasto penso a Pollock e al mio “dripping di pesce”. Come secondo, Fontana, da cui ho preso l’ispirazione per “Il rosso e il nero”. Infine, il dessert, “zabaglione” leggero (fatto al sifone) con spaghetti fritti di riso. Mi viene in mente il mio amico scultore pugliese, Salvatore Sava.”

Ma sentiamo dalle stesse parole di Marchesi, che nella circostanza dimostra una grande capacità critica, cosa pensa del lavoro di Sava: “Quelle corolle lapidee – metafore d’ogni contrasto, d’ogni antinomia del mondo, nella tensione verso gli astri e nell’abbandono declinante dell’avvizzimento, nella battaglia tra la perfezione e l’irregolarità, tra il liscio e il ruvido, tra la durezza inesorabile del marmo e la grinzosità del calcare, tra la geometria e i fantastici deliri – mi dicono, nella più complessa delle semplicità, tutto quanto c’è da dire sul ruolo della Forma, per se stessa, per il suo piccolo villaggio arroccato e per la sua appartenenza allo spazio infinito, in cui fondarsi, in cui collocarsi come tessera musiva il cui posto è già stato assegnato dalla notte dei tempi e da un destino irrevocabile...” Che dire? Anche in queste sue parole troviamo un Marchesi che sa esprimere con una sensibilità poetica non comune tutto il suo mondo immaginifico, decisamente più ricco di quanto ci si possa aspettare.

 

Pin It

Le interviste del Direttore

Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
La storia dell'Ospedale Fatebenefratelli di Milano è fortemente legata a quella della sua città e affonda le radici nel Cinquecento, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Margherita Pavoni
Il luogo senz'altro più affascinante di Bergamo Alta è la piazza Vecchia con i suoi portici e la piazzetta della Basilica di Santa [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Milano: storia di una chiesetta dimenticata e imbrattata

di Stefano Pariani
Sono in molti a Milano a conoscere la Chiesa di Sant'Antonio da Padova, nelle adiacenze del Cimitero Monumentale, luogo che raccoglie [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Other Articles

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph