GTranslate

 

Elisabetta Viviani e la sua città Milano, tra passato e presente

vivianidi Francesca Bellola

Il successo arriva a soli sedici anni quando,giovane ragazza desiderata da tutti, giunge alla ribalta delle più importanti trasmissioni in Rai. Parliamo di Elisabetta Viviani, artista ecletticanonchè attrice, ballerina, conduttrice, cantante e show girl. Una preparazione la sua improntata allo studio, incentivato dalla madre, per emergere con sicurezzanel mondo dello spettacolo. Frequenta una scuola di danza classica e, dopo il liceo, si iscrive all'Accademia filodrammatica di Milano. Nel 1974 Elisabetta recita al Teatro Nuovo di Milano come protagonista ne “Il giorno in cui sequestrarono il Papa” accanto ad attori del calibro di Ernesto Calindri e Lia Zoppelli. La popolarità non si fa attendere. Nello stesso anno Elisabetta viene chiamata dalla Rai per interpretare la famosa operetta “No no Nanette” insieme a Claudio Lippi. L'artista, invitata a partecipare a numerose trasmissioni televisive, presta la sua immagine ad alcuni “Caroselli” diventati “cult”come “Sole bianco” e “Invernizzi”. Nel 1978 arriva il trionfo di Elisabetta Viviani con l'incisione di “Heidi”, sigla della celebre serie televisiva di cartoni animati giapponesi, che la consacrerà come la voce più amata della tv dei ragazzi.

quadro vivianiQuando si è famosi non può mancare il “gossip”. Dalla breve relazione con il goleador Gianni Rivera, capitano del Milan, nasce la figlia Nicole, oggi brillante avvocato.
Dopo la notorietà, a volte, arrivano anche i momenti bui, quelli in cui il telefono smette di squillare.

Elisabetta non si è mai arresa. Oltre a dedicarsi alla figlia ha continuato e continua tutt'ora a lavorare anche per reti minori e a partecipare a “tourneè”, sempre con la stessa professionalità. Forse non tutti sanno che Elisabetta Viviani è anche una sensibile e interessante pittrice. I soggetti che predilige sono gli scorci di Milano, in particolare il centro, il cuore pulsante della città.Così troviamo quadri che raffigurano nella loro semplicità quasi fanciullesca Porta Venezia, San Babila, piazza Cadorna. Accanto alle vetrine dei negozi più esclusivi compaiono immagini fiabesche di draghi, cerbiatti, fiori, simboli della fantasia e del gioco. Una pittura figurativa arricchita da tocchi surreali.

Incontriamo Elisabetta Viviani alla galleria Art Studio 38 di Milano dove sono esposte le sue opere fino 31 gennaio 2016. Elisabetta, estremamente gentile e disponibile, mi racconta la sua esperienza pittorica.


Quando hai iniziato questa nuova evoluzione artistica?


Ho iniziato nel 1994 a occuparmi di pittura seguendo i corsi del maestro surrealista Luigi Regianini. In seguito ho cominciato a esporre in collettive e solo da pochi anni presento le mie opere in mostre personali in tutta Italia. Da due anni collaboro con Otmaro Maestrini che pubblica annualmente una“Agenda dei Poeti” molto apprezzata.


Come definiresti il tuo stile?

La mia è una pittura figurativa ma si sente la dimensione surreale del lavoro ispirato dal mio maestro.


Di solito quanto tempo impieghi per realizzare un'opera?

Dipende dal soggetto. Ci sono lavori che riesco a concludere rapidamente e a imprimerli direttamente sulla tela così come li avevo pensati. Altri, invece, mi richiedono mesi di elaborazione.


Come nascono i soggetti dei tuoi quadri?

Prima scatto delle foto. Me ne occorrono diverse prima di capire qual'è quella che sarà impressa sulla tela. In questa esposizione ho scelto Milano ma mi piace dipingere anche i centri di altre città, come ad esempio New York.


Qual'è il tuo stato emozionale quando dipingi?

Mi fa stare bene perché sento la necessità di esternare le mie emozioni. Ricordo che nei primi anni questo non mi riusciva e quindi non ero mai soddisfatta di quello che realizzavo. Ora, finalmente penso di avere trovato il giusto equilibro tra la mente e il cuore. Equilibrio che traspare dalle figure elaborate a volte reali ma spesso frutto dell'immaginazione.

 



Pin It

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Leggi tutto...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph