GTranslate

 

Pellizza da Volpedo e la stagione del Divisionismo in mostra a Milano

pellizza Chiusura 22/12/2018
di Stefano Pariani
E' una grande occasione quella proposta dalle Gallerie Maspes e Gallerie Enrico di Milano, che rendono omaggio a uno dei più importanti esponenti del Divisionismo italiano a 150 anni dalla sua nascita.
via Manzoni, 45 Milano mappa
Inaugurazione 12/10/2018
E' una grande occasione quella proposta dalle Gallerie Maspes e Gallerie Enrico di Milano, che rendono omaggio a uno dei più importanti esponenti del Divisionismo italiano a 150 anni dalla sua nascita.
Giuseppe Pellizza da Volpedo (1868-1907) torna protagonista nella città che ospita i suoi maggiori capolavori, il celebre “Quarto Stato” al Museo del Novecento e “Fiumana” alla Pinacoteca di Brera, a distanza di quasi un secolo dall'ultima personale, organizzata nel lontano 1920 alla Galleria Pesaro.

Una prima piccola selezione di opere incentrate sulla rappresentazione del paesaggio è esposta alle Gallerie Maspes. L'amore per la natura e i luoghi natali del pittore emergono in poetiche visioni di campagne pervase dalla calda luce del tramonto e di dolci colline boschive. Sono le zone care a Pellizza, quelle che da Volpedo, piccolo borgo del tortonese, si espandono nei luoghi limitrofi, come “Nubi di sera sul Curone” (1905). Scriveva Pellizza a Segantini in una lettera del 1894: “Io le dirò intanto che lavoro sempre con un'ardentissima passione, che vado ognora interrogando la Natura per strapparle qualche segreto, muta essa è con me spesse volte; ma io non mi stanco di tentarla, come l'innamorato vero che resistenza non teme”.
In mostra anche “Neve” (1906), dal suggestivo paesaggio silenzioso e imbiancato, il cielo plumbeo, dove una figura femminile cammina solitaria lungo un sentiero, e “Le ciliegie” (1888-89), che ritrae con genuina spontaneità il mondo contadino: protagonista un piatto pieno di rosse ciliege che attira l'attenzione di due bimbi.

L'esposizione prosegue alle Gallerie Enrico, dove i dipinti di Pellizza vengono messi in dialogo con altri capolavori di maestri del Divisionismo. Accanto ai lavori dell'artista piemontese, come “La piazza di Volpedo” (1888), che pare ancora d'impostazione macchiaiola, o il mesto “Ritorno dei naufraghi al paese” (1894), di denuncia sociale, troviamo “Primavera della vita” (1901) di Emilio Longoni e la luminosa “Maternità” (1905) di Gaetano Previati, opere di tendenza già simbolista. Vicino alla poetica di Segantini le due tele di Carlo Fornara “Pascolo alpino” (1898) e “Ora radiosa” (1924), dai filamenti di colore solari come i pascoli di montagna, mentre “Verso sera” (1891) di Plinio Nomellini ci porta in un intricato bosco di sapore quasi fiabesco dove si fa strada una bimba di ritorno dalla raccolta di frutti.

La mostra, pur non proponendo sezioni e percorsi tematici particolari, mette comunque in evidenza la sensibilità comune di artisti che diedero vita ad un periodo particolarmente vivo per l'arte italiana con il loro amore per la natura, il mondo contadino e per le cose semplici del quotidiano.
Il capolavoro di Pellizza, quel “Quarto Stato” (1898-1901) di lavoratori, braccianti, che prendono coscienza della loro dignità ed emergono dallo sfondo dell'anonimato sociale, avanzando verso di noi, verso un futuro nuovo, silenziosi e compatti, è il grande assente giustificato; la tela è conservata al Museo del Novecento di Milano, ma alle Gallerie Maspes è allestita la sua radiografia a grandezza naturale, dove è possibile osservare la genesi e la tecnica di realizzazione.

Andare a visitare i luoghi di Pellizza potrebbe essere la meta ideale di un week-end, dopo aver visto la mostra; ci si accorgerà che molti degli scorci di Volpedo, ancora pieni di ricordi delle tele del suo pittore, e la campagna collinare che la circonda sono rimasti invariati.

Pellizza da Volpedo
Gallerie Maspes, via Manzoni, 45
Gallerie Enrico, via Senato, 45
Milano
12 ottobre – 22 dicembre 2018
martedì – sabato h 10 – 13; 15 – 19



 
Pellizza da Volpedo e la stagione del Divisionismo in mostra a MilanoPartecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Leggi tutto...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

Chiusura 16/07/2020 di Stefano Pariani
Molti milanesi la ricordano ancora come la “gesetta di lusert”, la chiesetta delle lucertole, un edificio [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph