GTranslate

 

Cascina Pozzobonelli: a due passi dalla Stazione Centrale un gioiello Bramantesco

artisti costruttori di pace
Chiusura 30/12/2018
di Stefano Pariani
Per conoscere bene Milano, si sa, occorre spesso andare alla ricerca dei suoi tesori artistici e delle vestigia della sua storia, nascosti in angoli poco battuti della città. Talvolta però capita di averli sotto gli occhi tutti i giorni e non ci si fa caso. In viale Andrea Doria, di fianco alla Stazione Centrale, ci sono i resti di Cascina Pozzobonelli, una costruzione risalente all'epoca rinascimentale.
viale Andrea Doria - Milano mappa
Inaugurazione 30/12/2018
Per conoscere bene Milano, si sa, occorre spesso andare alla ricerca dei suoi tesori artistici e delle vestigia della sua storia, nascosti in angoli poco battuti della città. Talvolta però capita di averli sotto gli occhi tutti i giorni e non ci si fa caso. In viale Andrea Doria, di fianco alla Stazione Centrale, ci sono i resti di Cascina Pozzobonelli, una costruzione risalente all'epoca rinascimentale. La zona è ad alta frequenza di passaggio, eppure in pochi si accorgono di un porticato e di una piccola cappella ottagonale, anche perché l'edilizia novecentesca, negli anni, è stata impietosa ed ha congestionato l'antica costruzione tra strade e palazzi.

La Cascina Pozzobonelli fu eretta attorno al 1492 per volere di Gian Giacomo Pozzobonelli, appartenente ad una delle famiglie più influenti di Milano, come villa suburbana per la villeggiatura in un luogo che ai tempi era aperta campagna. Composta da casa padronale e rustici, la cosiddetta cascina si articolava in un palazzo a pianta rettangolare con due cortili e ampi saloni; dal lato nord si apriva un portico a dieci arcate terminante con una piccola cappella ottagonale, le uniche parti giunte fino a noi. Il Pozzobonelli ne fece la propria dimora di delizie e svaghi, mentre in città aveva la residenza urbana, il Palazzo Pozzobonelli, ancor oggi visibile in via Piatti.
La sua triste fine coincide con il declino della famiglia Pozzobonelli verso la fine del Settecento: il Palazzo fu demolito a più riprese tra il 1898 e il 1907, con l'apertura di viale Andrea Doria e l'inizio della costruzione della Stazione Centrale.

La parte superstite del portico si presenta con una serie di leggere colonne che reggono archi in mattone scoperto e al suo interno sono ancora visibili, anche se molto deperiti, affreschi a monocromo. La cappella a pianta centrale presenta un tamburo ottagonale con aperture a oculo su ogni fianco, sovrastato da un alto lanternino, che rimanda ai modi di Bramante e in particolare a Santa Maria delle Grazie. La cascina Pozzobonelli si inseriva così in pieno clima culturale della corte di Ludovico il Moro.
Sarà stato proprio il grande Bramante a realizzare l'edificio? L'ipotesi è verosimile e, in ogni caso, la costruzione riconduce senz'altro all'ambito bramantesco.

Una curiosità: nel portico è raffigurata una veduta del Castello Sforzesco che mostra la torre, detta “del Filarete”, prima del crollo del 1521. Da questa immagine prese spunto Luca Beltrami quando agli inizi del Novecento ricostruì la torre nell'ambito dei restauri del Castello.

Oggi accanto al piccolo porticato e alla cappella sono sorti anonimi edifici che ospitano diversi hotel, che si dispongono quasi come un abbraccio attorno all'antica struttura. Un'accortezza che, quantomeno, non ha totalmente deturpato i resti di un pezzo della vivace epoca rinascimentale di Milano, che oggi andrebbe recuperato con opere di restauro e di valorizzazione. In un periodo in cui si sta dibattendo sulla riapertura dei Navigli per rilanciare l'immagine di Milano, pensare anche di riportare all'attenzione di tutti quel che resta di antichi gioielli cittadini non sarebbe una cattiva idea, anzi potrebbe essere un buon proposito per l'anno nuovo. Il nostro, intanto, è quello di fermarci per dare un'occhiata alla Cascina Pozzobonelli la prossima volta che passiamo dalla Stazione Centrale e portare indietro nel tempo per qualche istante la nostra immaginazione.


 
Cascina Pozzobonelli: a due passi dalla Stazione Centrale un gioiello BramantescoPartecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Leggi tutto...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph