GTranslate

 

"Little Versailles" di Colorno

artisti costruttori di pace
di Margherita Pavoni
Esiste un castello, la cui vista evoca tipicamente fasti e grandezza del mitico Ducato di Parma. Intorno al 1500 circa, Colorno vide la propria trasformazione da costruzione militare a residenza signorile ospitando, in ordine, le famiglie: S.Severino, Farnese e Borbone.
Piazza Garibaldi 26 - Colorno mappa
 
Esiste un castello, la cui vista evoca tipicamente fasti e grandezza del mitico Ducato di Parma. Intorno al 1500 circa, Colorno vide la propria trasformazione da costruzione militare a residenza signorile ospitando, in ordine, le famiglie: S.Severino, Farnese e Borbone.
L'architetto Galli Bibbiena fece le ultime ristrutturazioni dando l'aspetto attuale che ha reso famosa Colorno come "Piccola Versailles". La primissima "donna di Colorno" fu Barbara S. Severino che frequentava poco il castello per il suo clima caldo.
Le prime undici stanze degli appartamenti ducali si scorgono attraverso un cannocchiale prospettico costituito da ben undici porte in linea che danno sui famosi giardini.
Elemento di pregio sono i pavimenti tutti diversi fra loro.
Le piccole dimensioni delle stanze fanno da cornice a salottini "nippo-cinesi" come da gusto francese dell'epoca.

Alla morte senza eredi maschi di Antonio Farnese, il ducato di Parma passò ai figli di Elisabetta farnese e del Re di Spagna Filippo V di Borbone: Carlo e Filippo.
Grazie proprio a quest'ultimo ed alla moglie Luisa Elisabetta, furono chiamati esperti francesi a dare il tocco trasformante gli interni della reggia fino a renderla simile a Versailles, da cui il famoso riferimento che la accompagna ancora oggi.

La sala grande e l'osservatorio sono probabilmente gli elementi di maggiore spicco per ciò che concerne gli interni. Dall'Ottocento la pavimentazione iniziò ad essere lignea, mentre le pareti rimanevano spesso ricoperte solo da sete.

Nel 1815 il congresso di Vienna assegnò alla moglie del deposto imperatore Napoleone, Maria Luigia d'Austria, il Ducato di Parma, con la clausola che alla sua morte tornasse ai Borbone. Durante la "reggenza " di Maria Luigia per la città è un periodo di grandi costruzioni. Il palazzo vive un periodo in cui il suo valore viene fortemente considerato e  avvengono solo attenti restauri atti a mantenere inalterato lo splendore raggiunto nella seconda metà del '700. 
Dopo la cessione ai Savoia, il castello è ancora una volta spogliato di tutto il mobilio che viene spartito tra i familiari, mentre alcuni splendidi pezzi fanno sfoggio di sé ancora oggi al Quirinale.

A concludere, la provincia di Parma lo adibì il castello di Colorno a sede ospedaliera.
Solo verso la fine degli anni '70 sono iniziati i lavori di ristrutturazione ed il lento riarredo degli interni con pezzi anche non originali, ma pur sempre inerenti le epoche in cui la nostra Colorno risplendeva quasi come Versailles.
La cappella di S. Liborio fu ricostruita, (con tanto di passaggio diretto dai suoi appartamenti), dal piccolo duca Ferdinando di Borbone. E' l'unico edificio non manomesso nei secoli e chiunque fosse a servizio della corte poteva scegliere di avere sepoltura sotto il suo tetto.
Annessi ad essa, gli appartamenti privati di Ferdinando, davano direttamente sul fiume e la redistribuzione, con parallelo abbellimento degli interni, contrasta ancora oggi con l'anonimato della facciata.

Molto suggestivo l'osservatorio astronomico e, più in generale, gli ambienti (pochi) in cui davvero si respira aria di corte settecentesca, emerge in tal senso il netto contrasto
con le stanze spoglie e l'assenza di mobilio non proprio all'altezza di una struttura di questo rango.

La vista dei giardini, in questi giorni, seppur sempre sbalorditiva dalle finestre della corte, lascia l'amaro in bocca se ci troviamo a passeggiare fra le meravigliose aiuole e le fontane (spente) in antitesi con le fotografie forse più prettamente estive e fiorite.
 
Partecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Leggi tutto...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph