GTranslate

 

Villa Bernasconi a Cernobbio: vivere il Liberty

villa bernasconidi Ugo Perugini
Non ci sono molti esempi di edifici Liberty nel nostro Paese. Ma, uno dei più belli e meglio conservati (e ristrutturati) si trova a Cernobbio ed è Villa Bernasconi. Merita una visita, visto che ci si arriva in meno di un’ora da Milano.
Largo Campanini 2 Cernobbio
Venne costruita nel 1905/6 da Davide Bernasconi, imprenditore delle tessiture di seta, che già dal 1861 operava nel settore e all’epoca poteva vantare ben 40 telai meccanici.

Fece erigere la sua villa nell’area industriale di Cernobbio, quindi non sulle rive del lago, come tutte le ville “di delizia” costruite dalla nobiltà e della nascente borghesia milanese. Ma è egualmente un piccolo gioiello, una “casa alla moda”, come la chiamò qualcuno, all’avanguardia, oltre che per l’architettura, ispirata all’Art Noveau, per i confort che era in grado di offrire ai suoi ospiti, davvero innovativi per l’epoca: riscaldamento, gas, luce elettrica e garage, dove il Bernasconi parcheggiava la sua fuoriserie, una delle prime nella zona.
Anche perché, come avrete capito, la villa non era una casa vacanza ma era abitata tutto l’anno ed era il vero fulcro della “cittadella della seta”, eretta al centro degli uffici, dei magazzini, delle case degli operai e anche dell’asilo infantile per i figli delle maestranze.

dudovichLui, il Bernasconi, dalla torretta della villa aveva una visione di insieme del suo “regno” e ne poteva controllare l’andamento anche se era un imprenditore illuminato per l’epoca. Lo testimoniano i numerosi documenti raccolti dai suoi operai che erano trattati come persone di famiglia e aiutati quando si trovavano in difficoltà. Anche se non bisogna mai dimenticare che a quei tempi si lavorava 12 ore al giorno!

Ma vediamo da vicino la particolarità di questa abitazione, davvero un piccolo gioiello artistico, che venne realizzata su progetto dell’architetto Alfredo Campanini, seguendo lo stile floreale, tanto che venne denominata anche “villa fiorita”.

Per capire il suo particolare stile architettonico facciamo un passo indietro. L’Art Noveau nasce durante la Belle Ėpoque, ed è caratterizzata da linee curve astratte, dall’abbellimento di ogni aspetto della quotidianità, ricorrendo spesso all’artigianato locale: ecco, allora, le grandi vetrate per far entrare aria e luce, l’utilizzo di ferro e ghisa, con ringhiere che sono un profluvio di foglie, palme, rose, fiori, farfalle, frutti e bacche, ninfee. E, anche - non poteva essere diversamente - bachi da seta, i principali artefici della fortuna economica del padrone. Inutile dire che in questdavidei decori, tanto raffinati, si sente, eccome!, l’influsso dell’arte giapponese, appena riscoperta.

A Villa Bernasconi si capovolge il significato di Museo. Il museo è la villa stessa e va goduta nella sua pienezza, anche perché chi vi entra viene trattato da ospite e può visitarla in lungo e in largo in piena libertà! Un luogo accogliente che propone un tuffo nel passato, con la scoperta della vita della famiglia del proprietario e della sua industria, attraverso sistemi interattivi e multimediali, grazie a istallazioni tecnologiche che fanno in modo che gli oggetti della casa possano parlare e “dialogare” con i visitatori.

Ma la Villa di volta in volta propone attività, iniziative diverse ed eventi collaterali, legati sempre alla musica, all’arte, all’artigianato e laboratori soprattutto dedicati ai più giovani. In questo periodo e fino al 16 febbraio 2020, ad esempio, sarà possibile ammirare l’esposizione di otto grandi manifesti realizzati da Marcello Dudovich, grande maestro della cartellonistica triestino (la mostra principale è ospitata al vicino Museo m.a.x. di Chiasso).

Villa Bernasconi si trova a Cernobbio, Largo Campanini 2. Orari d’apertura: da lunedì a venerdì 14-18; sabato-domenica 10-18. Biglietti 8 euro. Per informazioni: www.villabernasconi.eu
 
Villa Bernasconi a Cernobbio: vivere il LibertyPartecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Le interviste del Direttore

Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Margherita Pavoni
Il luogo senz'altro più affascinante di Bergamo Alta è la piazza Vecchia con i suoi portici e la piazzetta della Basilica di Santa [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Milano: storia di una chiesetta dimenticata e imbrattata

di Stefano Pariani
Sono in molti a Milano a conoscere la Chiesa di Sant'Antonio da Padova, nelle adiacenze del Cimitero Monumentale, luogo che raccoglie [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Other Articles

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph