GTranslate

 

"Little Versailles" di Colorno

artisti costruttori di pace
di Margherita Pavoni
Esiste un castello, la cui vista evoca tipicamente fasti e grandezza del mitico Ducato di Parma. Intorno al 1500 circa, Colorno vide la propria trasformazione da costruzione militare a residenza signorile ospitando, in ordine, le famiglie: S.Severino, Farnese e Borbone.
Piazza Garibaldi 26 - Colorno mappa
 
Esiste un castello, la cui vista evoca tipicamente fasti e grandezza del mitico Ducato di Parma. Intorno al 1500 circa, Colorno vide la propria trasformazione da costruzione militare a residenza signorile ospitando, in ordine, le famiglie: S.Severino, Farnese e Borbone.
L'architetto Galli Bibbiena fece le ultime ristrutturazioni dando l'aspetto attuale che ha reso famosa Colorno come "Piccola Versailles". La primissima "donna di Colorno" fu Barbara S. Severino che frequentava poco il castello per il suo clima caldo.
Le prime undici stanze degli appartamenti ducali si scorgono attraverso un cannocchiale prospettico costituito da ben undici porte in linea che danno sui famosi giardini.
Elemento di pregio sono i pavimenti tutti diversi fra loro.
Le piccole dimensioni delle stanze fanno da cornice a salottini "nippo-cinesi" come da gusto francese dell'epoca.

Alla morte senza eredi maschi di Antonio Farnese, il ducato di Parma passò ai figli di Elisabetta farnese e del Re di Spagna Filippo V di Borbone: Carlo e Filippo.
Grazie proprio a quest'ultimo ed alla moglie Luisa Elisabetta, furono chiamati esperti francesi a dare il tocco trasformante gli interni della reggia fino a renderla simile a Versailles, da cui il famoso riferimento che la accompagna ancora oggi.

La sala grande e l'osservatorio sono probabilmente gli elementi di maggiore spicco per ciò che concerne gli interni. Dall'Ottocento la pavimentazione iniziò ad essere lignea, mentre le pareti rimanevano spesso ricoperte solo da sete.

Nel 1815 il congresso di Vienna assegnò alla moglie del deposto imperatore Napoleone, Maria Luigia d'Austria, il Ducato di Parma, con la clausola che alla sua morte tornasse ai Borbone. Durante la "reggenza " di Maria Luigia per la città è un periodo di grandi costruzioni. Il palazzo vive un periodo in cui il suo valore viene fortemente considerato e  avvengono solo attenti restauri atti a mantenere inalterato lo splendore raggiunto nella seconda metà del '700. 
Dopo la cessione ai Savoia, il castello è ancora una volta spogliato di tutto il mobilio che viene spartito tra i familiari, mentre alcuni splendidi pezzi fanno sfoggio di sé ancora oggi al Quirinale.

A concludere, la provincia di Parma lo adibì il castello di Colorno a sede ospedaliera.
Solo verso la fine degli anni '70 sono iniziati i lavori di ristrutturazione ed il lento riarredo degli interni con pezzi anche non originali, ma pur sempre inerenti le epoche in cui la nostra Colorno risplendeva quasi come Versailles.
La cappella di S. Liborio fu ricostruita, (con tanto di passaggio diretto dai suoi appartamenti), dal piccolo duca Ferdinando di Borbone. E' l'unico edificio non manomesso nei secoli e chiunque fosse a servizio della corte poteva scegliere di avere sepoltura sotto il suo tetto.
Annessi ad essa, gli appartamenti privati di Ferdinando, davano direttamente sul fiume e la redistribuzione, con parallelo abbellimento degli interni, contrasta ancora oggi con l'anonimato della facciata.

Molto suggestivo l'osservatorio astronomico e, più in generale, gli ambienti (pochi) in cui davvero si respira aria di corte settecentesca, emerge in tal senso il netto contrasto
con le stanze spoglie e l'assenza di mobilio non proprio all'altezza di una struttura di questo rango.

La vista dei giardini, in questi giorni, seppur sempre sbalorditiva dalle finestre della corte, lascia l'amaro in bocca se ci troviamo a passeggiare fra le meravigliose aiuole e le fontane (spente) in antitesi con le fotografie forse più prettamente estive e fiorite.
 
Partecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Iscriviti al Concorso Cattedrali

Certamen internazionale letterario ed artistico sulle Grandi Cattedrali d'Occidente

CertamenData l'emergenza storica che stiamo vivendo la rivista Ok Arte su idea del direttore artistico Melinda Miceli organizza un concorso internazionale letterario ed artistico allo scopo
di conservare la memoria e rinverdire il fasto e l'antico splendore di queste Opere Divine, veri e propri libri di pietra.
Rivisitazioni letterarie dell'arte sacra, gotica, romanica, barocca delle grandi cattedrali delle città saranno vagliate da una selezionatissima giuria di esperti in grado di selezionare anche componimenti esoterici e ricercati.
La partecipazione è gratuita e si può scegliere di partecipare in concorso o fuori concorso


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Carezza Violenta

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

Chiese e dimore antiche

Genova: l'incanto di un presepe in marmo del '400

di Stefano Pariani
In periodi di festività come questo [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Il fascino senza tempo dei Giardini della Guastalla

di Stefano Pariani  Nei giorni d'estate come questi, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani Non di rado il termine “stupore” [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

Correva l'anno 1487 quando, secondo [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

Simbolo dell'epoca comunale e della [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

C'è una fervida creatività che [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

L'immagine del treno e della sua [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

La storia di Milano – le pagine [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

galleria fotografica La chiamavano [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

E' finalmente tornata visitabile [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

“Faceva il palo nella banda dell'Ortica, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

redatto da Stefano Pariani: Appena fuori dall'abitato [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto