GTranslate

 

Articolo di Vanessa Maggi
Inaugurazione La storica dell'arte Vanessa Maggi spezza una lancia a favore dell'artista rispetto alle polemiche sorte di recente intorno alla mostra fiorentina in tre sedi prestigiose. Tuttavia, si pone come intermediaria tra la bellezza di un'espressione artistica innovativa e pregna di significati, e il bisogno di adattabilità dell'artista alla morale comune, nonché allo spettatore, alle ingerenze dell'arte. Interesantissimo da leggere!   - Chiusura 02/10/2016
Firenze Piazza della Signoria - Palazzo Vecchio- Forte di Belvedere mappaJan Fabre - Spiritual Guards. Alchimista del nuovo millennio. Articolo di Vanessa Maggi
15/04/2016
mappa La storica dell'arte Vanessa Maggi spezza una lancia a favore dell'artista rispetto alle polemiche sorte di recente intorno alla mostra fiorentina in tre sedi prestigiose. Tuttavia, si pone come intermediaria tra la bellezza di un'espressione artistica innovativa e pregna di significati, e il bisogno di adattabilità dell'artista alla morale comune, nonché allo spettatore, alle ingerenze dell'arte. Interesantissimo da leggere! 02/10/2016 Firenze Piazza della Signoria - Palazzo Vecchio- Forte di Belvedere
Jan Fabre - Spiritual Guards. Alchimista del nuovo millennio
Articolo di Vanessa Maggi

La ricerca di Jan Fabre è rivolta alla scrupolosa osservazione del corpo, nella sua fragilità e nella sua difesa, domandandosi sul destino futuro dell’uomo. Uomo e animale interagiscono continuamente nella sua opera, e questo induce alla trasmutazione di corpi che resistono al deterioramento naturale e alla morte. La sua arte è “una resistenza poetica in nome della bellezza…un esercizio nella morte e nella vita come preparazione alla morte” (www.janfabre.be).
L’esposizione di Jan Fabre a Firenze, solleva non poche questioni, sulla natura umana, il suo bisogno di comprensione, e il rapporto dialettico dell’uomo col mondo animale. Come in uno specchio, le opere di Fabre riflettono le paure più recondite dell’uomo moderno, il quale oggi, forse plagiato dal mondo consumistico e globalizzato, spesso non s’interroga più sul proprio destino, e sulle manipolazioni scientifiche, genetiche, mediatiche, e politiche, che lo investono, e dalle quali è soggiogato continuamente, in modo disarmato. Eppure, curiosamente, reagisce alla produzione artistica di Jan Fabre. Il mondo delle polemiche non sempre ha tuttavia vita lunga, soprattutto se non ha radici coerenti, o se giudica l’arte senza conoscerla, e Jan Fabre non è interessato a polemiche fini a se stesse, semmai, a diffondere un messaggio coerente. Da anni utilizza infatti animali impagliati nelle performance e nelle arti figurative, destando scalpore per la violenza delle immagini, che mostrano spesso bestiole infilzate o “ricomposte,” all’interno di nuove raffigurazioni. Nulla da eccepire nei confronti dei deboli di cuore, o di chi non apprezza presentazioni brutali come queste. Nondimeno, bisogna approfondire il mondo sconosciuto prima di delimitarlo.
Varcando le sedi dell’esposizione fiorentina, si percepisce un’intima relazione, significativa e simbiotica, con le opere del passato storico, racchiuso gelosamente tra le mura del mondo mediceo. Jan Fabre ha avuto certamente un passato di “dissezione”, quando, interessato ai meccanismi della metamorfosi animale, fu ispirato dall'entomologo omonimo (Jean-Henri Fabre 1823–1915), e trasportato nei meandri dell’interrogazione sulla vita e sulla morte, nei processi trasformativi e di decomposizione dei corpi animali, e quindi umani. Ciò che muove il suo infinto interesse, non consiste quindi soltanto nel mondo animale, ma nella incessante interazione tra quello e l’umano. Nelle molteplici e differenziate espressioni performative, condotte in un arco temporale piuttosto lungo sin dagli anni settanta, ha spesso utilizzato animali vivi con risultati non sempre del tutto convincenti, e attualmente, già morti e imbalsamati, tentando di diffondere complessi messaggi esistenziali. Procurando uno shock emotivo immediato, figlio delle azioni performative brutali sul corpo (già dai settanta), adopera animali in modo provocatorio, per smuovere la morale comune, che spesso si rivela inspiegabilmente inerte poi, nei confronti delle continue persecuzioni che gli animali oggi subiscono. L’interesse verte soprattutto sul regno degli insetti, i loro principi di metamorfosi, nonché l’ingegno, che eleva, per intrinseca intelligenza di gruppo, ma anche sulla relazione del mondo felino del gatto, in fusione dualistica con la figura dell’artista, negletto e incompreso per secoli. A livello estetico, l’ammasso plurimo e variegato di coleotteri, scarabei, teschi che s’imboccano di scoiattoli, nei contrasti variopinti di verde smeraldo e pelame, che rivestono spade, corazze, forme antropomorfe, oggetti, rimandano distintamente alle investigazioni alchemiche che Francesco I realizzava all'interno dello studiolo di Palazzo Vecchio, o di quando, celato al mondo, custodiva gelosamente i “segreti”, nei propri camerini di Pratolino. Jan Fabre, come un novello alchimista calato nel mondo antico, si rivolge però all'uomo contemporaneo, non celato, ripercorrendo l’analisi minuziosa dell’eredità fiamminga. Indagando attentamente il mondo animale, lo rielabora e ricompone in nuove e inusitate forme. Adotta il sapere scientifico dell’uomo rinascimentale, nell'investigare, sezionando e adattando (Leonardo e Michelangelo), quelle forme animali e umane, e giocando con le espressioni, negli autoritratti antropomorfi di cera. La ricerca si manifesta in maniera visibile come nuova vanitas del tempo che scorre, nell'ineluttabile caducità della vita e della morte, indagando la trasmutazione fisica, nell'intento di eludere questa volta, il naturale corso del deterioramento. Se gli artisti del Seicento con i memento mori traevano lezioni etiche per l’osservatore, l’artista moderno non dà lezioni, ma intenta un dialogo. I diavoli, gli animaletti grotteschi reinventati, le deformazioni corporee e le antropomorfizzazioni, trovano riscontri in precedenti arcimboldeschi, nei monstra delle Wunderkammern, e in Hieronymus Bosch. Insomma, un universo infinto e mutevole, colto, che ha già fagocitato il passato storico, in cui l’uomo si fa insetto, carnefice, manipolatore. Ma anche dove l’artista parla all’uomo, attraverso i suoi atti performativi, in cui ad esempio batte più volte le mani sulla corazza della finzione e della falsità. Nella meticolosa, maniacale considerazione del corpo fisico e delle sue inevitabili trasformazioni, risiede la domanda sul futuro dell’esistenza umana. Se certamente le invasioni bronzee del belga stridano un poco con la bellezza estetica e morale di Donatello, Cellini, Giambologna, o Michelangelo, creando nella cittadinanza fiorentina un certo dissenso (come lo crearono d’altronde, le orrende rotondità di Botero, ma anche le deformità di Bandinelli e Ammannati), tuttavia; osservate all’interno del circuito del Belvedere e del Palazzo Vecchio, esprimono tutto il loro contenuto intrinseco, e il chiaro dialogo con quelle. Le sculture in piazza Signoria infatti, si incastrano nel tessuto scultoreo museale storico e storicizzato, in un primo momento in modo invadente, eppure a veder bene, il carapace allude a Cosimo I, e la vasca che lo contiene sembra esserci sempre stata. Nel rapporto dialettico col classico, in maestose opere bronzee, l’artista ritrae se stesso all’opera, per concettualizzare il desiderio di organizzare il mondo in modo innovato, in assoluta libertà, giocando pure con gli elementi, non senza una buona dose di autoironia. Sebbene si possano non amare gli autoritratti bronzei, si dovrebbe apprezzare nondimeno il senso ludico e concettuale. Il disseminato campo di battaglia al Belvedere, svela brandelli di armature dorate, residui di una battaglia tra animali fantastici, ibridi e l’uomo, che all’interno delle performance, è esso stesso animale ibridato, rivestendo la medesima corazza. Spiritual guards investe gli esseri umani della nomina di “guardiani spirituali”, con il compito di lottare per la difesa della bellezza e dell’immaginazione, e poco importa se questa battaglia si affronti armati, o in modo pacifico. L’importanza risiede nel vivere una vita in modo eroico ed avventuroso.
Come animalista vegetariana, non mi schiero a favore di chi oltraggia gli animali, ma in questo caso, con una buona dose di umanità e di umiltà (come storica dell’arte, spettatrice e pittrice), debbo spezzare una lancia in favore dell’artista. Sebbene restino senza attrattiva oggettivamente gli animali morti trafitti, o gettati dai davanzali, credo fermamente nel bisogno smisurato di estrinsecazione artistica, anche attraverso l’uso di animali impagliati (purché morti da tempo, come accertato, e possibilmente per cause naturali). Considero stupefacenti difatti, le realizzazioni create con miriadi di coleotteri o bestiole addentate da teschi umani, sebbene riponga fiducia nella sconfinata creatività e maestria di un artista come Fabre, il quale può raggiungere inevitabilmente i medesimi esiti, studiando effetti con elementi costitutivi fittizi, quali la cera, la ceramica, le pelli, i legni, i metalli, la plastica, o quant’altro. Che poi, la stima dell’intrinseca bellezza di un’immagine apparentemente noir, incrocio tra grottesco e aulico, come le corazze, le spade, i globi, i teschi, va fatta risalire all’atavica memoria umana. Le radici nell’arte e nella storia dell’uomo sono plurime: dai teschi inca, alle vanitas seicentesche, agli scalpi di popolazioni tribali incastonati di madreperla, alle strabilianti e inquietanti dissezioni umane realizzate in cera da Vesalio, o di quelle custodite nella non lontana Specola fiorentina. In onore e in nome della scienza, sin troppi animali sono stati impagliati e si osservavano con sgomento nelle teche settecentesche degli antichi studioli di molti entomologi europei. Eppure, il tempo e la storia hanno portato all’assuefazione, e all’accettazione. In nome della scienza e della scoperta, ogni anno si perpetuano strane mutilazioni, ibridi, modificazioni genetiche su animali ed esseri umani, ma se è un artista a rispondere con i medesimi mezzi, ecco sollevarsi un vortice di inutili baruffe, dettate dalla cattiva informazione, che è sempre figlia della paura del nuovo, e dell’attaccamento al vetusto. Occorre schiudersi al nuovo, penetrandolo giustamente, poiché come in questo caso, reca un dispaccio saturo di speranza e fiducia nell’uomo, svelando una chiara sensibilità umana nell’artista. Parola di medievista- contemporaneista.

Vanessa Maggi
Storica dell’arte
[email protected]
[email protected]

Jan Fabre - Spiritual Guards. Alchimista del nuovo millennio. Articolo di Vanessa Maggi
Pin It

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Carezza Violenta

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

Chiese e dimore antiche

Genova: l'incanto di un presepe in marmo del '400

di Stefano Pariani
In periodi di festività come questo [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Il fascino senza tempo dei Giardini della Guastalla

di Stefano Pariani  Nei giorni d'estate come questi, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani Non di rado il termine “stupore” [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

Correva l'anno 1487 quando, secondo [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

Simbolo dell'epoca comunale e della [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

C'è una fervida creatività che [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

L'immagine del treno e della sua [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

La storia di Milano – le pagine [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

galleria fotografica La chiamavano [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

redatto da Stefano Pariani: Appena fuori dall'abitato [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

galleria fotografica

Ci sono luoghi, a volte nemmeno [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto