GTranslate

 

Alessandro Trovati al Festival Fotografico Europeo

Alessandro Trovati al Festival Fotografico Europeohttp://www.okarte.it
Chiusura 15/04/2018
Lo sport in bianco e nero A cura di Federicapaola Capecchi
Via Don Testori 14 Castellanza mappa
Inaugurazione 18/03/2018
Lo sport in bianco e nero

A Cura di Federicapaola Capecchi

AL FESTIVAL FOTOGRAFICO EUROPEO 2018
dal 18 marzo al 15 aprile 2018


Federicapaola Capecchi, curatrice e agente di Alessandro Trovati, tra i più grandi fotografi sportivi del mondo, è lieta di annunciare che la mostra personale “Lo sport in bianco e nero”, da lei ideata e curata, è inserita nella settima edizione del Festival Fotografico Europeo 2018. Sarà a Villa Pomini dal 18 marzo al 15 aprile 2018.

La mostra ha visto la sua anteprima assoluta a Casa Museo Spazio Tadini nel maggio 2017, e fin da subito ha riscosso successo tanto da doverla prolungare fino al 2 luglio 2017. Due fotografie de Lo sport in bianco e nero sono state esposte anche alla Prima Triennale della Fotografia Italiana a Palazzo Zenobio a Venezia, ricevendo la menzione d'onore del Comitato Scientifico. Roberto Mutti - critico fotografico, giornalista, docente e Direttore Artistico di Photofestival – in un'intervista realizzata in occasione della mostra (https://youtu.be/A8LjjkPIVAk) - esprime il suo apprezzamento per la scelta di approfondire le potenzialità e il valore della fotografia sportiva quanto della decisione di metterla in parete come fotografia d'autore.
La mostra – Villa Pomini a Castellanza dal 18 marzo al 15 aprile 2018 - propone una selezione delle fotografie di Alessandro Trovati incentrata sul bianco e nero e sulla narrazione che in esso si muove. Si contano sul palmo delle mani i fotografi sportivi che perseguono una ricerca fotografica in bianco e nero e Alessandro Trovati si distingue per la capacità di fissare l'attimo come il gesto atletico, di dare una suggestione particolare alla prestazione atletica così come a tutta la situazione, per la sua immaginazione, la sua capacità di porre occhio e sguardo creando fotografie esclusive, in cui anche l'individualità e l'intimità del soggetto acquistano una forza narrativa forte, restituendoci spesso anche dei ritratti umani. Il suo fotografare, notevole per empatia, forza e racconto, e ancor più in bianco e nero, è la narrazione di passioni ed emozioni complesse e Alessandro Trovati riesce a tramandare queste storie nel tempo.
La presentazione della mostra al Festival Fotografico Europeo la trovate qui: http://europhotofestival.archiviofotografico.org/2018/02/27/lo-sport-in-bianco-e-nero-di-alessandro-trovati/

Il Festival Fotografico Europeo, ideato e curato dall'AFI - Archivio Fotografico Italiano, in questa sua settima edizione propone oltre quaranta mostre, seminari, workshop, proiezioni, multivisioni, letture dei portfolio, presentazione di libri, concorsi. Un programma espositivo articolato che muove dalla fotografia d’archivio al reportage d’autore, dalla fotografia d’arte all’architettura, dalle ricerche creative alla documentazione del territorio. Grandi autori divengono il faro per i giovani emergenti, in un confronto dialettico teso a stimolare dibattiti e ragionamenti, attorno a temi d’attualità, di storia, d’arte e di ricerca. Un Festival e una direzione artistica che ha scelto di riconoscere a questo tipo di fotografia sportiva la stessa dignità della fotografia d'autore.
Come d'altra parte è. “Alessandro Trovati ha infatti un suo stile unico, caratteristico e specifico, uno stile nuovo che va al di là del genere stesso, della disciplina di genere, e della stessa forza delle immagini”. - dice di lui la curatrice Federicapaola Capecchi - “La mostra Lo sport in bianco e nero celebra uno dei primi – il primo in Italia - a fare della fotografia sportiva ricerca d'autore, così come le sue scelte e capacità narrative, la sua sperimentazione artistica, il suo linguaggio unico e creativo”.

Tutto questo è l'inizio di un percorso a lungo termine che Federicapaola Capecchi e Alessandro Trovati hanno deciso di intraprendere, nel momento in cui si sono conosciuti, e hanno deciso di lavorare insieme.
È stato anche realizzato un nuovo sito – http://www.alessandrotrovati.com –, sono in programmazione diversi eventi ed esposizioni in Europa, è iniziato un progetto fotografico i cui soggetti/attori sono danza e fotografia sott'acqua, e molte altre idee e progetti verranno portati avanti.

“Ciò che desidero è valorizzare nel migliore dei modi il suo fotografare. E far capire quanto la sua, a prescindere dal soggetto sport, sia grande fotografia. Quella che sa cos'è la luce, e sa giocarvi con maestria, quella che ha la consustanziale attitudine a far emergere maggiormente forme e dettagli grazie ai passaggi chiaroscurali (e avviene anche col colore), quella in cui le ombre assumono la stessa importanza degli oggetti, delle persone, degli spazi che le producono, che ha ritmo, tempo, le pause; tutto si staglia in modo netto e assume una forte espressività” - dice Federicapaola Capecchi del suo lavoro con e su Alessandro Trovati - “La fotografia di Alessandro Trovati ha inquadrature sapienti, sempre molto equilibrate, articolate, che chiedono all’osservatore di essere attivo in ogni senso, muovendo l’occhio e lo sguardo in ogni spazio e tempo della fotografia, oltre ogni soggetto attivo o passivo o in primo piano. Anche nei coni d’ombra. Perché è lì, in quella formula visiva e narrativa che conchiude ogni sfumatura e azione, che si svela il senso della realtà che ha scelto di raccontare”.

Nel frattempo Alessandro Trovati porta avanti, sempre, anche il compito principale della fotografia sportiva: essere notizia, fatto, documentazione giornalistica, e, spesso, anche reason why commerciale. È appena tornato dagli Olympics winter games PyeongChang 2018 e una sua fotografia di Sofia Goggia, medaglia d'oro, è copertina di Sport Week del 3 marzo 2018; ha seguito la Ski World Cup 2017/2018 e una delle sue fotografie nella tappa di Cortina, sempre di Sofia Goggia, è divenuta foto della Campagna Audi – Main Partner della Federazione Italiana Sport Invernali - “vittoria a Cortina gioco da ragazze”; fotografo per numerosi altri eventi invernali 2017/2018, Nazionali e Internazionali, sia per AP che per Pentaphoto.
Il Festival Fotografico Europeo 2018 è posto “sotto l’alto patrocinio del PARLAMENTO EUROPEO”, con il patrocinio della Provincia di Varese e delle Amministrazioni comunali di Legnano, Busto Arsizio, Castellanza, Olgiate Olona, Cairate, Varese, Milano-Municipio 6; con il partenariato di FUJIFILM Italia, European Image Art Association, DIGIMAG-Grenoble, Festival Européen de la Photo de Nu di Arles, con la collaborazione del Museo MA*GA della città di Gallarate, delle Officina Open Galleria Università del Melo di Gallarate, dell’Istituto Italiano di Fotografia di Milano, di Phographers.it, della Fondazione 3M, Fondazione AEM Gruppo a2a, con l’apporto tecnologico di EPSON Italia, STAMPA-SU-TELA.it, PUNTO MARTE EDITORE.

LO SPORT IN BIANCO E NERO
FESTIVAL FOTOGRAFICO EUROPEO 2018 – VILLA POMINI, CASTELLANZA
18 marzo – 15 aprile 2018
http://europhotofestival.archiviofotografico.org

ALESSANDRO TROVATI
http://www.alessandrotrovati.com

+39 3477134066
[email protected]
 
Alessandro Trovati al Festival Fotografico EuropeoPartecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Le interviste del Direttore

Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
La storia dell'Ospedale Fatebenefratelli di Milano è fortemente legata a quella della sua città e affonda le radici nel Cinquecento, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Margherita Pavoni
Il luogo senz'altro più affascinante di Bergamo Alta è la piazza Vecchia con i suoi portici e la piazzetta della Basilica di Santa [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Milano: storia di una chiesetta dimenticata e imbrattata

di Stefano Pariani
Sono in molti a Milano a conoscere la Chiesa di Sant'Antonio da Padova, nelle adiacenze del Cimitero Monumentale, luogo che raccoglie [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Other Articles

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph