GTranslate

 

Marco Massa: il Cantore delle emozioni in jazz

Marco Massa: il Cantore delle emozioni in jazzhttp://www.okarte.it
Chiusura 11/10/2017
di Marta Lock
Ha avuto luogo mercoledì 11 ottobre il concerto dell’artista milanese ormai noto per i suoi virtuosismi strumentali ed emotivi espressi attraverso una libertà musicale che lo fa spaziare dalle sonorità della West Coast, ai ritmi etnici e alle improvvisazioni jazzistiche, raccontando di frammenti di vita, di emozioni, di spaccati del suo percorso di vita.
Via Pietro Borsieri, 37 Milano mappa
Inaugurazione 11/10/2017
 

Ha avuto luogo mercoledì 11 ottobre il concerto dell’artista milanese ormai noto per i suoi virtuosismi strumentali ed emotivi espressi attraverso una libertà musicale che lo fa spaziare dalle sonorità della West Coast, ai ritmi etnici e alle improvvisazioni jazzistiche, raccontando di frammenti di vita, di emozioni, di spaccati del suo percorso di vita così come di quello di altre vite che hanno incrociato la sua.

E lo fa talmente in grande da essere capace di riempire un locale celeberrimo e storico come il Blue Note, entusiasmandone il pubblico di alto livello ed esigente che ormai da anni frequenta quello che è considerato il tempio del jazz e del blues milanese, sul cui palcoscenico si avvicendando ogni stagione musicisti di fama internazionale.

Massa ha suonato pezzi del suo ultimo album, Sono cose delicate, alternati a brani meno recenti e intervallati da omaggi ad altri giganti della canzone come Lugi Tenco, Lucio Dalla, Pino Daniele, insomma una panoramica sulla musica d’autore che ha trasportato il pubblico nelle atmosfere notturne della Milano artistica, silenziosa, magica proprio perché scoperta da musicista, quando tutto il resto del mondo dorme e si prepara alla prossima giornata lavorativa. È lì, in quel punto a metà tra la realtà e il sogno, che Marco si lascia andare e sorprendere dalle proprie emozioni, dai propri ricordi, da quell’estro che lo porta a mettere tutto su note per dare vita al suo stile libero, irriducibile e inclassificabile dentro uno schema predeterminato.

L’album presentato, il sesto della sua carriera, è stato prodotto e arrangiato da Stefano Barzan e ha al suo interno brani che raccontano di famiglia (Con il fiato corto), di amore (Questa è per te), del rispetto inteso nel senso più ampio del termine (Fidati di te), e ha visto la collaborazione di Nicola Stilo, di Faso di Elio e Le Storie Tese, di Francesco Baccini, di Tullio De Piscopo e del chitarrista jazz Greg Lamy. La serata ha aperto la XV edizione dell’AH-UM Milano Jazz Festival, ideato e organizzato da Antonio Ribatti, che proseguirà con il flautista Giovanni Mattaliano al Teatro Fontana la sera di giovedì 12 ottobre, il Quintetto di Nico Morelli all’Astrolabio di Villasanta (MB) venerdì 13 ottobre e si chiuderà con la doppia esibizione di Zamuner e Moriconi alle ore 21 di sabato 14, seguita dal Greg Lamy Quartet alle ore 22, entrambi in scena al Teatro Fontana di via Antonio da Boltraffio a Milano.

Insomma, un parterre di tutto rispetto per gli amanti del genere ma anche per chi vuole approcciare per la prima volta quelle note magiche nate negli Stati Uniti ma che poi hanno conquistato il mondo vedendo nascere talenti in ogni luogo, per proseguire, contaminare e innovare un classico della musica black.

AH-UM JAZZ FESTIVAL
Ufficio stampa e promozione
Carta da musica
Cell: 335.8374642 - 393.9818120
[email protected]
https://www.facebook.com/AH-UM-790963050971618/

 
Marco Massa: il Cantore delle emozioni in jazzPartecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Le interviste del Direttore

Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
La storia dell'Ospedale Fatebenefratelli di Milano è fortemente legata a quella della sua città e affonda le radici nel Cinquecento, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Margherita Pavoni
Il luogo senz'altro più affascinante di Bergamo Alta è la piazza Vecchia con i suoi portici e la piazzetta della Basilica di Santa [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Milano: storia di una chiesetta dimenticata e imbrattata

di Stefano Pariani
Sono in molti a Milano a conoscere la Chiesa di Sant'Antonio da Padova, nelle adiacenze del Cimitero Monumentale, luogo che raccoglie [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Other Articles

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph