GTranslate

 

L’influenza giapponese sull’opera di Van Gogh, il film

van gogh
Chiusura 18/09/2019
di Ugo Perugini
Nexo Digital, dopo il successo di Caravaggio-L’anima e il sangue, ha realizzato un altro duco-film di grande interesse, intitolato Van Gogh e il Giappone. Sembra davvero che l’arte al cinema sia ormai stata sdoganata e raccolga sempre maggiori consensi.
Sedi varie mappa
Inaugurazione 16/09/2019
Sedi varie mappa  18/09/2019
Nexo Digital, dopo il successo di Caravaggio-L’anima e il sangue, ha realizzato un altro duco-film di grande interesse, intitolato Van Gogh e il Giappone, che sarà nelle sale il 16, 17 e 18 settembre. Per la programmazione si veda il sito www.nexodigital.it. Sembra davvero che l’arte al cinema sia ormai stata sdoganata e raccolga sempre maggiori consensi.

Meglio una sala di cinema che una sala di museo?
Non è tanto questo il punto, anche se starsene comodamente seduti a seguire le immagini che ci passano davanti anziché camminare per le stanze di un museo seguendo una guida o in modo random è molto meno stancante.
Il problema è che, nonostante la bellezza di certe immagini fotografiche, si rischi di perdere il piacere e il gusto di ammirare dal “vivo” un’opera d’arte, rinunciando a vivere in prima persona l’esperienza di percorrere un certo spazio architettonico e osservare ogni dettaglio di un dipinto o di una scultura da angolature diverse, cogliendo impressioni e stimoli del tutto personali.

Insomma, l’arte non è solo contenuto, idea, emozione astratta, è anche materia e non bisogna sottovalutare mai questo aspetto. Se i docu-film su grandi artisti, opere d’arte e movimenti sono affascinanti e ben fatti dovrebbero anche stimolare lo spettatore a recarsi al museo per apprezzare dal vero quello di cui ha visto e sentito parlare. Questo sarebbe un vero successo!

Tornando al film Van Gogh e il Giappone non possiamo che apprezzare lo sforzo del regista David Bickerstaff, la cui idea ha origine dalla mostra tenuta nel 2018 al “Van Gogh Museum di Amsterdam”, che tratta proprio del rapporto tra Van Gogh e il giapponismo.
Un rapporto particolare e complesso. Van Gogh non era mai stato in Giappone e non era nemmeno sua intenzione andarci. Lui si avvicina al giapponismo perché è alla spasmodica ricerca di un modo nuovo di vedere il mondo. La società in cui vive è in declino e non lo soddisfa più. Vuole idee nuove, un’ispirazione diversa per esprimere la sua arte.

E scoprendo le stampe giapponesi – ne comprerà 660 a prezzi ridotti sperando invano di specularci sopra - ritiene di aver trovato quello che cercava: ordine, semplicità, un certo primitivismo culturale, colori piatti, alti orizzonti, prospettive a volo d’uccello, contorni netti, posture inusuali dei soggetti. Tutti questi aspetti influenzeranno pesantemente il suo stile fino alla scelta di lasciare Parigi e recarsi ad Arles, in Provenza, luogo che gli ricorda il suo idealizzato Giappone per la vividezza dei colori della natura.

Nel film, si cerca di far capire questa sua passione e quanto essa abbia influenzato le sue opere. Sullo schermo passano lavori come il Ritratto di père Tanguy (1887), la Mousmé, il Bonzo (autoritratto dedicato a Gauguin), lo Zuavo e altri, debitori indubbiamente di quella nuova visione orientaleggiante.
Utile e stimolante anche la ricostruzione del passaggio, spesso traumatico, dal periodo storico giapponese dell’Edo, durato oltre duecentosessant’anni, con la netta chiusura all’Occidente e alle sue idee, fino all’apertura al mondo, grazie anche al contributo del Commodoro Perry.

Interessante anche la descrizione del significato e del valore delle stampe relative al genere ukiyo-e (immagini dal mondo fluttuante), frutto del lavoro di quattro importanti figure professionali: l’editore, l’artista, l’incisore e lo stampatore. Che infiammarono la fantasia del grande artista olandese.
Un film da vedere, augurandoci che stimoli qualche visita in più ai musei.

Ecco il trailer del film:
https://facebook.us14.list-manage.com/track/click?u=03d4f569d8b86210ee54c2f79&id=560b7d594f&e=2f0ad5c58c
 
L’influenza giapponese sull’opera di Van Gogh, il filmPartecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Le interviste del Direttore

Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
La storia dell'Ospedale Fatebenefratelli di Milano è fortemente legata a quella della sua città e affonda le radici nel Cinquecento, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Margherita Pavoni
Il luogo senz'altro più affascinante di Bergamo Alta è la piazza Vecchia con i suoi portici e la piazzetta della Basilica di Santa [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Milano: storia di una chiesetta dimenticata e imbrattata

di Stefano Pariani
Sono in molti a Milano a conoscere la Chiesa di Sant'Antonio da Padova, nelle adiacenze del Cimitero Monumentale, luogo che raccoglie [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Other Articles

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph