GTranslate

 

Borsalino: il nuovo Museo del Cappello ad Alessandria

di Ugo Perugini

borsalinoCredo di non sbagliare definendo il cappello Borsalino un “lovemark”. Cioè non un semplice brand ma un marchio in grado di comprendere i sogni dei consumatori, di sapere valorizzare i loro desideri, di creare esperienze ed emozioni uniche.

Borsalino possiede tutte queste caratteristiche, non solo perché sono 160 anni che la società produce cappelli, quanto perché nella realizzazione di questo manufatto (è il caso di dirlo perché viene ancora realizzato a mano) converge tutta la creatività e lo stile della moda italiana, che ne fa un’icona a livello internazionale.

Borsalino è un cappello che è diventato simbolo di eleganza, classe, signorilità. E’ stato indossato da personaggi importanti tra i quali Giuseppe Verdi, Giovanni Giolitti, Winston Churchill, Herry Truman e moltissimi altri; oltre ad artisti come Humphrey Bogart in “Casablanca” e Alan Delon e Jean Paul Belmondo nell’omonimo film, diventato un classico.

galleria fotografica



Un’azienda in ripresa

Oggi, la “Borsalino” è ancora un’azienda di eccellenza nel sistema produttivo ed economico italiano, ma solo recentemente ha saputo riprendersi da una difficile crisi che due anni fa l’ha portata sull’orlo del fallimento, con gravi responsabilità dell’amministrazione, tra bancarotta ed evasione fiscale.

Oggi grazie alla famiglia Camperio, imprenditori di origine svizzera, e ad altri soci, che sono subentrati nella gestione dell’azienda, la “Borsalino” sta uscendo dal tunnel e tra le varie iniziative di rilancio del nome va segnalato il progetto di apertura del nuovo Museo del Cappello Borsalino prevista per la fine del 2017.

Il nuovo Museo “Borsalino”

Il Museo ha anche un significato importante perché il rapporto tra la fabbrica Borsalino e Alessandria è molto forte. Ricordiamo i vari interventi di welfare sociale a favore dei dipendenti dell’azienda messi in atto da Teresio Borsalino agli inizi del Novecento: cassa pensioni, cassa infortuni, cassa malattie aziendali, oltre alla realizzazione di case per i dipendenti e dell’ Educatorio per i loro figli.

Ma anche molti interventi di cui hanno beneficiato tutti i cittadini di Alessandria si devono al contributo di questa storica azienda, come l’acquedotto civico, le fognature, l’Ospizio, il Sanatorio Antitubercolare, edifici di utilità ma anche di notevole valore urbanistico, realizzati dall’architetto Ignazio Gardella.

Il Museo, grazie ai contributi del Comune, della Regione e di istituzioni private come la Cassa di Risparmio di Alessandria, occuperà il piano terra dello storico edificio con motivi classicheggianti e influenze Art Decò, realizzato nel 1888 da Gardella, nel centro della città di Alessandria, in Corso Cento Cannoni. Dall’atrio di questo edificio entravano gli operai (in massima parte donne, chiamate le “Borsaline”) e qui vi erano anche delle rotaie ferroviarie utilizzate per lo spostamento delle merci.

Il Museo verrà realizzato cercando di seguire lo “storytelling” aziendale ma anche consentendo al visitatore una esperienza immersiva anche grazie agli avanzati strumenti multimediali innovativi ideati da AT Media: tra i quali un video a 360 gradi per esplorare i locali di produzione, come se si fosse realmente nella fabbrica, la prova del cappello storico virtuale e altre soluzioni di grande suggestione.

La fabbrica a Spinetta Marengo

Da qualche anno, la fabbrica “Borsalino”è stata trasferita a pochi chilometri da Alessandria, a Spinetta Marengo. Una visita a quegli ambienti ha il sapore di un tuffo in epoche passate. Basti pensare che molte macchine risalgono alla fine dell’Ottocento e sono ancora in funzione.

Casse piene di peli di coniglio e lepre, materia prima per la realizzazione del feltro, vapore, calore, rumori meccanici, ma soprattutto movimento delle mani degli operai e delle operaie che sono davvero “mani intelligenti” capaci di grande sensibilità ed esperienza per un lavoro che mantiene il fascino e anche la creatività (e la fatica) dell’artigianato.

Il processo di produzione del cappello “Borsalino” attraverso cinquanta passaggi produttivi richiede per ogni pezzo finito un tempo di sette settimane. Ed è un procedimento che prevede continui controlli e verifiche di qualità per garantirne l’eccellenza e l’unicità.

La speranza è che la nuova gestione della “Borsalino” possa rilanciare questo marchio storico a livello internazionale per fornire alla città di Alessandria un’ulteriore opportunità per ampliare la proposta turistica già molto ricca e articolata.


galleria fotografica Foto: 

L'intervento della Sindaca  Rita Rossa con l'assessore alla Cultura della Regione 

Fabbrica a Spinetta Marengo

Locandina del film Borsalino

Vari tipi di cappelli
Pin It

Le interviste del Direttore

Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
La storia dell'Ospedale Fatebenefratelli di Milano è fortemente legata a quella della sua città e affonda le radici nel Cinquecento, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Margherita Pavoni
Il luogo senz'altro più affascinante di Bergamo Alta è la piazza Vecchia con i suoi portici e la piazzetta della Basilica di Santa [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Milano: storia di una chiesetta dimenticata e imbrattata

di Stefano Pariani
Sono in molti a Milano a conoscere la Chiesa di Sant'Antonio da Padova, nelle adiacenze del Cimitero Monumentale, luogo che raccoglie [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Other Articles

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph