GTranslate

 

Surreal Objectivity. Works from the 1920s and 1930s from the Nationalgalerie.

htSurreal Objectivity. Works from the 1920s and 1930s from the Nationalgalerie. tp://www.okarte.it
Chiusura <abbrclass="value" title="23/04/2017">23/04/2017
< class="value" title="Dalla Collezione Scharf-Gerstenberg della Galleria Nazionale di Berlino, i capolavori della Nuova Oggettività sono esposti a confronto con le opere dei grandi esponenti del Surrealismo, in una mostra che inquadra l’aderenza dei due processi, piuttosto che la loro declamata diversità, in una dialettica che si esplicita, quasi nella medesima dichiarazione d’intenti. Mostra di grande interesse. Ce ne parla Vanessa Maggi">Dalla Collezione Scharf-Gerstenberg della Galleria Nazionale di Berlino, i capolavori della Nuova Oggettività sono esposti a confronto con le opere dei grandi esponenti del Surrealismo, in una mostra che inquadra l’aderenza dei due processi, piuttosto che la loro declamata diversità, in una dialettica che si esplicita, quasi nella medesima dichiarazione d’intenti. Mostra di grande interesse. Ce ne parla Vanessa Maggi
Musei Statali Berlino, Schloßstraße il 70 14059 Berlino. mappa
Inaugurazione 13/10/2016
Surreal Objectivity. Works from the 1920s and 1930s from the Nationalgalerie

Recensione di Vanessa Maggi

Dalla Galleria Nazionale di Berlino, i capolavori della Nuova Oggettività sono esposti a confronto con le opere dei grandi esponenti del Surrealismo, in una mostra che inquadra l’aderenza dei due processi, piuttosto che la loro declamata diversità, in una dialettica che si esplicita, quasi nella medesima dichiarazione d’intenti. Sebbene sul piano stilistico la Nuova Oggettività risponda a un’aderenza più “realistica”, l’attenzione all'elemento surreale, celato, segna l’evidente affinità con il movimento parigino. E’ quanto si propone questa mostra circostanziando i due lemmi che si fanno adiacenti. Sorti attorno alle due guerre, i due movimenti artistici sono affrontati con uno sguardo nuovo, di esplicito ricongiungimento. Se i conseguimenti dei surrealisti, attraverso la sovversione anche politica della società contemporanea, sono stati dichiarati in termini diacronici e sincronici come più dilatati e influenti, la Neue Sachlichkeit si diffonde altrettanto ampiamente, come fenomeno europeo, mutuando i termini solo in apparenza. Denominata anche Realismo Magico, dagli albori del ’25 sta già in parallelo col Manifesto Surrealista del ’24, mostrando, nel percorso che pare interessato al dato oggettivo, come precisamente lo annulli, erodendolo dall'interno, sotto una placida raffigurazione pittorica. Un messaggio diverso quindi, si celerebbe dietro quell’esperienza artistica tedesca, il cui termine fu coniato per la prima volta nella Mannheim Kunsthalle, in cui l’ossimoro, si apparenta a quanto il Surrealismo operava. In contrasto con le avanguardie precedenti, gli attivisti politici del surrealismo, ma anche coloro che preferirono lo straniamento in pagine fantastiche e occulte della raffigurazione, respingevano gli orrori della guerra, quale approdo inevitabile dei valori positivisti borghesi, che in nuce minavano lo scoppio bellico. E verrebbe da pensare, che tale fu pure per la Nuova Oggettività.
Nelle analogie, le due “correnti” si schierano entrambe a favore di un’arte che inquadri non soltanto i conseguimenti della società contemporanea, ma anche le sue stesse “profondità psicologiche”, non attraverso una lente ludica e disincantata, bensì, rilevandone lo spaccato esistenziale, realizzato tramite “l’elemento surreale”, spesso occultato, dietro l’apparente senso di “ritorno all’ordine”. Se in precedenza gli artisti ricercavano un proprio mondo con personali espedienti tecnici ed espressivi, adesso la visione si sposta, dal realismo soggettivo a una concezione oggettiva, onnicomprensiva del mondo, quasi casuale, permeata di sostanza misteriosa.
Nell’occasione, un’ampia gamma di nomi noti da Otto Dix a Christian Schad, sino ad Alexander Kanoldt, sono giustapposti, assieme ai meno noti di Paula Lauenstein, Fritz Burmann e Curt Querner, ai grandi del surrealismo, da Max Ernst a René Magritte. Il confronto consentirà di riconoscere la convergenza con i lati più “misteriosi, assurdi, e paradossali” della Neue Sachlichkeit. Insomma, un’opportunità per capire come nella storia dell’arte i confini tra diverse movimenti, mossi da analoghi processi teorici, filosofici, sociali, o politici, siano spesso connessi. E si intuisce come siano fuorvianti le etichette che ancora incasellano le ricerche artistiche, nei limiti cronologici della storia, a volte più diluiti e sfumati di quanto non si creda. Si apprezza così in maggior misura il clima di coloro che, prima ancora che come artisti, hanno risposto alla guerra e ai suoi disastri da uomini; talvolta in modo provocatorio, talaltra con un ripiegamento su di sé, seguendo comunque un preciso e intimo appello: la volontà di chiarire il proprio dissenso. Esternato con i disparati sistemi dell’arte, spesso occultati, ci pone oggi dinanzi a una riflessione, su quanto ancora i percorsi dell’uomo, siano ripetuti nella storia.
Vanessa Maggi
[email protected]
Pin It

Le interviste del Direttore

Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
La storia dell'Ospedale Fatebenefratelli di Milano è fortemente legata a quella della sua città e affonda le radici nel Cinquecento, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Margherita Pavoni
Il luogo senz'altro più affascinante di Bergamo Alta è la piazza Vecchia con i suoi portici e la piazzetta della Basilica di Santa [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Milano: storia di una chiesetta dimenticata e imbrattata

di Stefano Pariani
Sono in molti a Milano a conoscere la Chiesa di Sant'Antonio da Padova, nelle adiacenze del Cimitero Monumentale, luogo che raccoglie [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Other Articles

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph