GTranslate

 

Milano ritrova la cripta della chiesa di san Sepolcro

di Stefano Pariani

Chiesa San SepolcroE' finalmente tornata visitabile dopo 50 anni di chiusura e dopo i recenti restauri la cripta della chiesa di San Sepocro a Milano, luogo che si lega strettamente alla storia più antica della città meneghina. Entrarvi significa infatti mettere piede letteralmente su centinaia di anni e respirare un'atmosfera che ha quasi del surreale. Leonardo nel “Codex Atlanticus” realizzò una pianta a volo d'uccello di Milano ed indicava la chiesa come il vero centro della città, il punto dove anticamente, in epoca romana, si trovava l'incrocio tra il Cardo e il Decumano; si è dunque nel cuore della città, luogo non solo fisico, ma anche simbolico.

 

Inoltre per la pavimentazione vennero utilizzate grandi lastre di pietra provenienti dal lastricato dell'antico foro romano del IV secolo e ciò aggiunge ulteriore valore storico alla cripta, significa cioè ritrovare un “pezzo” della Mediolanum romana e camminare sulle stesse lastre calpestate da Sant'Ambrogio e dagli Imperatori che ebbero residenza a Milano nel breve periodo in cui fu capitale dell'Impero.

Chiesa San SepolcroLa chiesa di San Sepolcro risale al 1030, quando un monetiere di Milano fece erigere sul luogo dove si trovava, per l'appunto, l'antico foro una chiesa inizialmente dedicata alla Santissima Trinità, che in seguito cambiò il suo nome in quello attuale, nel 1100, quando Gerusalemme fu riconquistata durante le Crociate. La cripta, quasi una chiesa sotterranea, è attraversata da snelle colonne che sostengono una serie di arcate, che si susseguono in maniera suggestiva. Un tempo affrescato, il sacro luogo conserva ora solo pochissimi brani decorati, tra cui un Cristo trionfante affiancato da Maria Maddalena e una donna coronata, forse Sant'Elena, la madre di Costantino che ritrovò, secondo tradizione, la vera croce di Cristo sul Calvario.

L'affresco, risalente al XIV secolo, mostra le figure in posizione frontale e ieratica, una accanto all'altra, con colori prevalentemente tendenti al rosso e all'ocra: la Maddalena, raffigurata con mani oranti, è tutta ricoperta dai lunghi e fluenti capelli, mentre Sant'Elena indossa un'elegante veste decorata. Al centro della cripta si trova una copia del sepolcro di Cristo, realizzata da uno scultore campionese, in cui secondo tradizione si troverebbe la terra prelevata dai crociati a Gerusalemme. Accanto al sepolcro troviamo una statua in terracotta policroma seicentesca raffigurante San Carlo Borromeo in preghiera; il Santo infatti era solito pregare in questa cripta due volte alla settimana, passando anche intere notti in adorazione del sepolcro. In una delle nicchie è collocata una grande palma in rame, originariamente pensata come fontana, voluta da Federico Borromeo nel 1616.

In questi giorni la riapertura della cripta sta attirando l'attenzione di molti milanesi e turisti: per la maggior parte una vera scoperta, per tutti, forse, la suggestione di poter godere di un silenzio mistico sotto il caos metropolitano e carico di millenni storia.

Pin It

Le interviste del Direttore

Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
La storia dell'Ospedale Fatebenefratelli di Milano è fortemente legata a quella della sua città e affonda le radici nel Cinquecento, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph