GTranslate

 

The Material Body of Art

http://www.okarte.it
  La galleria A plus A di Venezia ha il piacere di annunciare la mostra The Material Body of Art, che inaugurerà il giorno 13 dicembre 2016 alle ore 18.00.  - Chiusura 28/02/2017
Calle Malipiero San Marco 3073 Venice 30124, Italy mappaThe Material Body of Art
Inaugurazione 13/12/2016
mappa La galleria A plus A di Venezia ha il piacere di annunciare la mostra The Material Body of Art, che inaugurerà il giorno 13 dicembre 2016 alle ore 18.00. 28/02/2017 Calle Malipiero San Marco 3073 Venice 30124, Italy
La mostra si svolge in concomitanza con la terza edizione della VENICE INTERNATIONAL PERFORMANCE ART WEEK, dove la galleria A plus A è stata invitata a partecipare curando una sezione dedicata ai perfomers provenienti dai paesi dell’Est Europa. La manifestazione, intitolata Fragile Body – Material Body, avrà luogo a Venezia presso Palazzo Mora e Palazzo Michiel, dal 10 al 17 Dicembre 2016.

The Material Body of Art è una mostra collettiva che riunisce negli spazi della Galleria A plus A opere degli artisti cechi Jiří Kolář, Běla Kolářová, Milan Knížák, degli sloveni OHO, Irwin e Matej Stupica, del bosniaco Mladen Miljanović e della montenegrina Lenka Đorojević; artisti accomunati dall’uso della tecnica del collage. In questo contesto, il collage si identifica come una forma d’arte che partendo dagli anni Sessanta scandisce un’estetica tipica nei Paesi dell’Est Europa, legata alle peculiarità della vita del regime totalitario che aveva portato allo sviluppo di un immaginario collettivo declinato attraverso opere realizzate utilizzando oggetti di uso comune.

La mostra ha come punto di partenza la ricerca emersa negli anni Sessanta, in cui gli artisti esponenti dell’avanguardia ceca si affermano come raffinati ma al contempo determinati oppositori di una società che poteva essere contestata attraverso l’ironia. L’esibizione prosegue poi con gli artisti sloveni del gruppo Irwin, i quali negli anni Ottanta hanno vissuto il sistema totalitario come una forma di transizione, fino ad arrivare a esponenti più giovani: lo sloveno Matej Stupica, il cui lavoro si sviluppa in parallelo all’artista montenegrina Lenka Đorojević e il bosniaco Mladen Miljanović.

Si tratta di lavori che dichiarano quelle che sono le icone di un consumo di massa svoltosi al di fuori, ma allo stesso tempo contemporaneamente e parallelamente, al contesto capitalista occidentale. Si tratta dunque di opere in cui la realtà e l’universalità del consumo di massa penetra profondamente nella struttura dei lavori artistici. La forma del collage in queste opere crea dialogo e tensione sia con l’atto performativo artistico, sia con la realtà politica ed economica del tempo. In questa tecnica si cristallizza dunque la quotidianità fisica dell’artista, rimandando alla vita vissuta. Non sorprende infatti che quegli artisti che hanno utilizzato il collage come medium nelle proprie opere, siano gli stessi che si sono spesso confrontati con la performance.

La terza edizione della Performance Art Week offre quindi la possibilità di creare un confronto tra due espressioni artistiche: da un lato la performance che utilizza il corpo umano per prepotentemente irrompere nella realtà stessa, dall’altro invece il collage come mezzo che permette alla quotidianità umana e ai suoi oggetti di penetrare nell’arte, come è già avvenuto nel Dada.

Il 13 dicembre dalle ore 11.00 alle 13.00 presso il teatrino di Palazzo Grassi si terrà una tavola rotonda per analizzare i fenomeni della performance nell’Europa dell’Est. Artisti e curatori si confronteranno sulla questione delle forme d’arte nate in un sistema come per esempio quello della ex-Jugoslavia.

Un ringraziamento a Miroslava Hájek per la collaborazione.The Material Body of Art
Pin It

Le interviste del Direttore

Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
La storia dell'Ospedale Fatebenefratelli di Milano è fortemente legata a quella della sua città e affonda le radici nel Cinquecento, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Margherita Pavoni
Il luogo senz'altro più affascinante di Bergamo Alta è la piazza Vecchia con i suoi portici e la piazzetta della Basilica di Santa [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Milano: storia di una chiesetta dimenticata e imbrattata

di Stefano Pariani
Sono in molti a Milano a conoscere la Chiesa di Sant'Antonio da Padova, nelle adiacenze del Cimitero Monumentale, luogo che raccoglie [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Other Articles

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph