GTranslate

 

Bacio di Hayez: nuovo allestimento non solo per romantici

di Ugo Perugini

hayezE’ stato presentato il 23 settembre alla Pinacoteca di Brera, il “Bacio”, il famoso quadro di Francesco Hayez, diventato un’icona della città di Milano, in un nuovo allestimento, al centro di una parete della sala 37, interamente dedicata alle opere del grande pittore veneto ma milanese d’adozione. Non ce n’è solo uno di baci. Ora lo scopriamo leggendo il bel libretto curato da Isabella Marelli ed edito da Skira. Hayez ne ha dipinte diverse versioni, non solo ad olio ma anche ad acquarello. Anche perché lui di baci se ne intendeva. Le donne gli piacevano molto e si dice che abbia avuto diverse amanti, non solo tra le sue modelle, nonostante fosse sposato e anche in là con gli anni. Certo, nessuno può rinnegare il valore “risorgimentale” dell’opera che rappresenta un soldato che saluta l’amata prima di andare in guerra.

Nessuno contesta le simbologie sottese: i tricolori di Italia e Francia, fusi insieme, nella rappresentazione delle vesti dei personaggi, gli accenni allo stemma sabaudo, in una versione successiva, ecc. Ma l’aspetto romantico non può passare in secondo piano, se è vero che in certi casi queste opere furono anche un galante pensiero per le donne che aveva sedotto come, ad esempio, Adele Appiani e Carolina Zucchi. Ci riporta con i piedi per terra la sempre lucida analisi storico culturale di Sandrina Bandera che ricorda la necessità di ogni Paese giovane, come era l’Italia di allora, di dare un senso alla propria storia. Secondo Bandera, Hayez rientra tra i personaggi che all’epoca favorirono la crescita di un sentimento unitario: Manzoni, con i “Promessi Sposi” per la lingua, Verdi con la musica e i cori (ricordiamo il “Nabucco”) e Hayez con i sentimenti, attraverso “Il bacio”. Che progetto è questo di Brera? Non è un restauro, non è una mostra, non è la presentazione di un nuovo approfondito volume sull’artista. E’, però, un modo intelligente per ridare vita a un’opera bellissima, celeberrima, diventata un’icona e, proprio per questo motivo, quasi destinata alla sua banalizzazione o a una lenta consunzione. Insomma per ridare “occhi nuovi” al pubblico con i quali vedere il lavoro di Hayez si è pensato a un percorso a tappe. Oltre alla nuova collocazione in Brera, accanto ad altre opere come il Ritratto di Alessandro Manzoni e la Betsabea, si è ricorsi all’aiuto della tecnologia, cioè postazioni multimediali di facile uso che consentono di ricostruire attraverso testi, immagini, sonori, filmati, l’atmosfera storica, umana, politica intorno a questa opera. Per l'occasione si è anche data a 20 giovani studenti di Brera la possibilità di rielaborare il tema del bacio in base alle loro interpretazioni espressive. E le opere realizzate finiranno a un’asta benefica. Perché non bisogna mai dimenticare la solidarietà. Per queste iniziative si deve ringraziare, tra gli altri, la società Temantica (video di presentazione:https://www.youtube.com/watch?v=A5dilVDgL7A realizzato da VIVA srl), Milano città al bacio® al sito www.milanocittaalbacio.it e BCC Barlassina. Pinacoteca di Brera, via Brera 28

Pin It

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Read more ...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Read more ...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Remember Me

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano