GTranslate

 

Dipinti e arredi da Villa Saminiati

Dipinti e arredi da Villa Saminiati e altre committenze private. Il 4 e 5 novembre la Colasanti Casa d'Aste apre le danze autunnali. Ben 462 lotti di Fine Art pronti per essere battuti al miglior offerente in 3 tornate divise in due giorni. Esposizione fino a lunedì 2 novembre nella sede romana di via Aurelia 1249.

Il catalogo si apre al lotto 2 con il dipinto attribuito a Pietro Paolini e Simone del Tintore (stima 3.000-4.000€), mentre ai lotti successivi vengono proposti due splendidi esempi di pittura caravaggesca (6.000/8.000€ cad.). Al lotto 6 un dipinto ad olio del XVIII secolo di Giovanni Battista Tagliasacchi, il “Ritratto di Monsignor Gherardo Zandemaria” che stima 2-3 mila euro.

 

In questa prima tornata spicca senza dubbio il lotto 11, dipinto settecentesco di tematica manierista (4-6 mila). Si segnala ai lotti 12 e 13 due grandi tele raffiguranti i ritratti del Conte di Carrobio e di sua moglie in occasione della loro visita a Westminster per l’incoronazione di Edoardo VII (6-8 mila cad.). Tra gli highlight il “Ritratto di James Rennel Rodd” di Antonio Mancini, presentato in catalogo al lotto 14 con una stima di 20-30 mila euro. Colasanti dedica la seconda tornata agli arredi e oggetti d’arte: si evidenzia il lotto 147, una manifattura Castelli del XVIII secolo composta da sei mattonelle in maiolica dipinta (2.500-3.500). Di eccezionale fattura la coppia di cassettoni Luigi XVI (lotto 163, 2-3 mila), così come la particolare scrivania con alzata del ‘700 piemontese (2.500-3.500). E ancora la maestosa coppia di candelabri in bronzo con figure di vittorie alate (12-18 mila).

Il ricco catalogo prosegue con una selezione di micromosaici romani, offrendo inoltre una piccola collezione di porcellane antiche. Spicca il lotto 210, vera e propria rarità. Si tratta di un antico servizio da viaggio in porcellana Meissen risalente alla seconda metà del ‘700 stimato 3-5 mila euro. Non manca, per gli appassionati, una sezione dedicata all’arte orientale guidata da un elegante paravento in legno decorato in oro e madreperla (lotto 269, 800-1.200). 

La terza tornata propone le opere provenienti da una raffinata dimora romana. Emergono due elegantissime poltrone Frau modello 1919 (800-1.200€ cad.) e un mobile bookcase epoca Giorgio III di grande signorilità (lotto 296, stima 2-3 mila). Tornando all’arte orientale, è proposto un bel pannello dipinto su carta con motivi naturalistici (1.000-1.500€) e un tappeto Pechino decorato con draghi su fondo blu (1.500-2.500). A seguire il lotto 308: una miniatura ad olio su tela che raffigura “Papa Pio VIII nel Duomo di Milano”, opera di Giovanni Migliara (1.000-1.500). Tra le varie e numerose proposte una collezione di marmi, busti e ripiani in marmi policromi, fino ad arrivare -in chiusura di tornata- al lotto 460, un grande lampadario Rezzonico a 24 luci, manifattura di Murano (4-6 mila).

SFOGLIA IL CATALOGO

Dipinti e arredi da Villa Saminiati e altre committente private

Asta a porte chiuse in 3 tornate

Mercoledì 4 novembre | ore 15:00

Giovedì 5 novembre | ore 15:00 e ore 18:00

Esposizione fino a lunedì 2 novembre 2020

Colasanti Casa d'Aste, via Aurelia 1249, Roma

Pin It

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Read more ...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Read more ...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Remember Me

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano