GTranslate

 

Milano: Francesco Palmisano - Segni

PalmisanoArtStudio 38 ospita, dal 15 al 30 gennaio, la mostra personale “Segni” di Francesco Palmisano. L'artista milanese, dopo avere attraversato diverse fasi di sperimentazione, pur esprimendosi con una pittura informale, giunge ad un arte più concettuale. L'esposizione, a cura di Francesca Bellola, ripercorre la serie di tele, alcune di grandi dimensioni, che indagano sulla essenza del segno primitivo come forma primaria di comunicazione.

 La produzione, iniziata nel 2008, interrotta più volte e terminata solo nel 2017, si sviluppa a partire da una traccia singola fino a identificarsi in una associazione di linee (esclusivamente nere), cercando la legittimazione del semplice gesto. Una spontaneità comunicativa che arriva quasi alla "negazione" del segno stesso in quanto dimenticato dalle moderne tecnologie comunicative. Dunque un linguaggio essenziale, privo di fronzoli, ma di forte impatto e significato come lo era nelle civiltà primitive. L'esposizione presenta, inoltre, alcuni dipinti monocromi che fanno parte della produzione “Blu meccanico”. La commistione tra il blu, la tinta che unifica il cielo e il mare e la geometria semplice, diventa astrazione visiva di un congeniale meccanismo che regola l'esistenza dell'uomo.

ARTSTUDIO 38 Milano, Via Canonica, 38 Vernissage martedì 15 gennaio ore 18.30 15 – 30 gennaio 2019

Pin It

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano