GTranslate

 

Ray Charles, cinque classici immortali

di Margherita Pavoni
Se Ray Charles è da tutti definito “The Genius” un motivo c'è, alcuni talenti sono predestinati a diventare immortali. Pochi artisti sono stati capaci di fondere tanti generi in modo così trasversale, principalmente nel nome del soul.
Ray, infatti, non è stato solo il padrino di quest'ultimo, ma un vero e proprio pioniere della musica contemporanea. Questa volta ripercorrerò la carriera dell'artista tramite 5 capolavori impressi, credo comunque impressi nella memoria di tutti noi.
"I Got a Woman"
Verso la fine del 1954, Ray conquistò la sua prima posizione nella classifica riservata alla black music. Il Rhythm and Blues che si basava sul brano “It Must Be Jesus” dei Southern Tones. Un testo laico dal ritmo gospel per un brano che, nel corso degli anni, sarebbe stato d'ispirazione a tutto il filone soul.


Se con “I Got a Woman” Ray aveva gettato le basi, con "What'd I Say" Ray reinventò un genere. Nel 1959 questo brano fu una vera e propria rivoluzione. Improvvisato in un serata, impressionò così tanto il pubblico che un anno dopo l'artista decise di inciderlo.
Con questo canzone il soul raggiunse definitivamente la scena mainstream, come figlio legittimo del Rhythm and Blues. Sacro e profano, gospel e allusioni sessuali, successo e scalpore.Con questo pezzo immortale Ray influenzò ogni genere musicale che avrebbe sfondato negli anni successivi, compreso il rock.
Non a caso è stato dal 1959 in poi il pezzo finale di ogni sua esibizione. 

"Georgia on My Mind"
Canzone del 1930, scritta da Steve Garrell e Heagy Charmichall, è stata portata al successo più sfrenato dallo stesso Ray divenendo un altro classico del suo immenso ed incredibile repertorio. Nel 2000, tra l'altro, Ray invitò l'artista Giorgia a cantare il pezzo omonimo con lui, dopo aver scoperto di esserne la musa ispiratrice.

"Hit The Road Jack"
Altro brano immortale del padrino del soul, interpretato negli anni da tantissimi cantanti, compreso il nostro Adriano Celentano. Il testo narra il dialogo fra una donna ed il suo convivente. Una storia decisamente moderna, dove lei lascia il suo uomo perché è rimasto senza denaro e prospettive, quindi impossibilitato a mantenere le promesse di un futuro migliore.

"I Can't Stop Loving You"
Scritta nel 1957 dal musicista country Don Gibson, venne portata al successo grazie al trasporto e alla profondità dell'inconfondibile voce di Ray.
Ancora oggi è una delle canzoni più ascoltate in assoluto.
 
Ray Charles, cinque classici immortaliPartecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano