GTranslate

 

Vendo il nulla. Il marketplace come forma d’arte contemporanea

artisti costruttori di pace
Chiusura 12/05/2021
“Vendo il nulla” è un’azione d’arte digitale incentrata sulla rappresentazione del nulla e sull’annullamento iconico dell’oggetto attraverso la piattaforma elettronica che viene impiegata come supporto dell’opera stessa.
Inaugurazione 12/04/2021
  12/05/2021
Vendo il nulla. Il marketplace come forma d’arte contemporanea

Azione su ebay dal 12.04.2021

Opera e progetto di: Maurizio Di Feo

In collaborazione con: Art In Gallery | Milano


“Vendo il nulla” è un’azione d’arte digitale incentrata sulla rappresentazione del nulla e sull’annullamento iconico dell’oggetto, privandolo della propria funzionalità.
La performance digitale attraverso una costruzione logica, materializza artisticamente il nulla e lo smarrimento esistenziale.

La piattaforma elettronica viene impiegata come supporto dell’opera stessa e non come vetrina espositiva. La rete internet è utilizzata come mezzo di creazione artistica e non come canale per la diffusione di oggetti estetici.
L’intera azione mira ad attivare un’operazione culturale e sociologica.

Maurizio Di Feo usando il marketplace come supporto espressivo, propone un catalogo di articoli dove il nulla è tangibile attraverso la mancanza di qualcosa, piuttosto che di tutto.
Il pubblico pur aggiudicandosi le aste online, dal valore simbolico, non riceverà nulla di materiale. La ricevuta elettronica varrà come documento di attiva partecipazione alla performance digitale e comproverà l’acquisto di un bene immateriale ancora più raro, la consapevolezza al consumo.

VENDO IL NULLA | Il marketplace come forma d’arte contemporanea

Link di accesso tramite il sito web: https://www.mauriziodifeo.it

Info e contatti: [email protected]

 
Vendo il nulla. Il marketplace come forma d’arte contemporanea Partecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Viaggio nell'Arte

Notizie OK ARTE

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Read more ...

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano