GTranslate

 

Biennale Architettura 2021 How will we live together? 17. Mostra Internazionale di Architettura – La Biennale di Venezia

22 maggio – 21 novembre 2021 Corderie dell’Arsenale Sestiere Castello Campo della Tana 2169/F — Venezia

One Open Tower — Sneak Peek:

labiennale.org / nicolas laisné architectes

In occasione della 17. Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia curata da Hashim Sarkis in programma dal 22 maggio al 21 novembre 2021Nicolas Laisné Architectes è stato invitato a presentare alle Corderie dell’Arsenale «One Open Tower», un’Architettura-Scultura di 5 metri di altezza sintesi del manifesto progettuale dello studio francese in cui una nuova generazione di edifici — aperti, generosi, integrati, innovativi nell’utilizzo dello spazio — esplorano nuovi modi e pratiche del "vivere assieme" : la prossimità scelta

 

Progettata prima dello scoppio dell’attuale situazione sanitaria globale, One Open Tower affronta tematiche di stringente attualità non solo in risposta alla linea curatoriale indicata da Hashim Sarkis, ma soprattutto in relazione ad eventi che stanno rivoluzionando lo scenario abitativo e lavorativo su scala globale e mettono in discussione il nostro rapporto con il mondo. Le città oggi devono lottare contro l’espansione urbana prevenendo gli effetti dannosi della densità. Una delle soluzioni risiede nel modello della torre, ieri simbolo di una modernità trionfante che deve essere riesaminata alla luce delle attuali problematiche sociali. 

Da questa osservazione è nato il desiderio dell’agenzia di immaginare una Torre Sensibile, Aperta: One Open Tower. 


Nicolas Laisné Architects immagina e progetta un’architettura-scultura di un edificio capace di aumentare verticalmente la superficie abitabile. Questa creazione allegorica simboleggia la visione di un’architettura verticale, leggera, densa ed ecologicamente virtuosa. 

Basata su un principio costruttivo di facciata intelligente, One Open Tower risponde attivamente al problema del riscaldamento globale grazie a queste proiezioni esterne, accessibili e protettive. Una concezione che consente un nuovo modo di vivere tra esterno e interno, come in una casa sospesa aperta verso il cielo. 


Questa torre risponde a un nuovo desiderio di comunità essendo accessibile ai pubblici più diversi che la attraversano. Sarà ad utilizzo integrato per vivere, lavorare, divertirsi, incontrarsi in una prossimità scelta. L’edificio si integrerà pienamente nel tessuto urbano e promuoverà un nuovo stile di vita basato sullo scambio, l’interazione tra le persone per sviluppare nuove sinergie e comunità urbane coese. One Open Tower incarna le sfide del suo tempo essendo aperta a nuove prospettive, a un futuro ottimistico. 

In collaborazione con la galleria Philippe Gravier.
Philippe Gravier Gallery da ora rappresenta l’architetto Nicolas Laisné tanto per le sue architetture-sculture (compresa One Open Tower) quanto per le edizioni “proiezioni”. 

Pin It

Viaggio nell'Arte

Notizie OK ARTE

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Read more ...

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano