GTranslate

 

Associazione Stravinsky: e va in scena il talento

Associazione Stravinsky: e va in scena il talentohttp://www.okarte.it
Chiusura 02/10/2017
di Marta Lock
Il bellissimo Palazzo Visconti di Modrone, in via Cino del Duca 8, a un passo da piazza San Babila, si è acceso lunedì 2 ottobre delle luci e della musica di talentuosi artisti russi e italiani. Sì perché l’Associazione italo-russa Stravinsky, fondata dal soprano Larissa Yudina, si propone fin dalla sua costituzione, di unire e creare un ponte tra le due grandi culture apparentemente distanti ma in realtà unite dal filo rosso dell’amore per l’arte e per la musica.
via Cino del Duca, 8 Milano mappa
Inaugurazione 02/10/2017
Il bellissimo Palazzo Visconti di Modrone, in via Cino del Duca 8, a un passo da piazza San Babila, si è acceso lunedì 2 ottobre delle luci e della musica di talentuosi artisti russi e italiani. Sì perché l’Associazione italo-russa Stravinsky, fondata dal soprano Larissa Yudina, si propone fin dalla sua costituzione, di unire e creare un ponte tra le due grandi culture apparentemente distanti ma in realtà unite dal filo rosso dell’amore per l’arte e per la musica.

Sul palcoscenico della splendida sala principale del Palazzo costruito nel XVII secolo e ornato di meravigliosi affreschi, si sono alternati musicisti e cantanti di fama internazionale: la pianista Cristiana Nicolini, la violinista Julia Berinskaja le cui note uscivano da un prezioso Gudagnini del 1745, l’incredibile violoncellista Alexander Zumbroskiv, il giovanissimo pianista Victor Filoscia, l’altro sorprendente violinista, Matteo Fedeli che si è esibito con un violino del 1709 accompagnato dal pianista Carlo Balzaretti, il grande tenore portoghese Carlos Cardoso e, ovviamente la talentuosa padrona di casa, il soprano Larissa Yudina accompagnata al pianoforte dalla professoressa e compositrice Tatiana Zaitseva.

Le melodie di grandi compositori, a partire da Verdi, passando per Chopin e per finire a Tchaikovsky solo per citarne alcuni, eseguite e cantate in maniera impeccabile dai virtuosi musicisti e cantanti partecipanti all’evento, hanno avvolto il numeroso pubblico presente e hanno riecheggiato nelle sale di un affascinante palazzo i cui muri, in altre epoche e in altri tempi, hanno ospitato tanti altri concerti, feste, assistendo al cambiamento dei tempi, delle abitudini, degli usi e dei costumi di generazioni di nobili amanti dell’arte e della musica, quella che è sopravvissuta e sopravvivrà anche alle future trasformazioni ed evoluzioni.

Il concerto è stato intervallato da un sentito momento folkloristico con l’esibizione del gruppo Ansambl dall’Irkutsk che mantiene e ricostruisce il patrimonio culturale dell’Atlantide Siberiana esibendosi in canti in polifonia tipici della canzone popolare tradizionale. 

Molto bello anche il momento dedicato alla moda con la sfilata degli abiti di Vanilla Style, pensati dalla stilista Natalia per esaltare la femminilità e far sentire ogni donna una principessa; l’uscita delle modelle è stata accompagnata nella prima parte dal violoncello di Zumbroskiv e nella seconda dalle note di una composizione della Zaitseva dedicata alle vittime del terremoto di Amatrice del 2016.

Al concerto è seguita una lotteria per sostenere l’importante progetto dell’Associazione Stravinsky di dare vita a una scuola italo-russa per i bambini di entrambe le nazionalità e dove le due culture si possano interfacciare, armonizzare, contaminarsi e fondersi per rompere i confini e creare, perché no, qualcosa di nuovo, nuovi stili, nuove concezioni artistiche, nuove visioni. E poi il succulento buffet offerto da uno degli sponsor, il Vigneto dei Salumi, ha terminato una serata emozionante e ricca di cultura.

Foto di Stefano Rizzi e Mauro Giordano
 
Associazione Culturale Italo Russa
Stravinsky Russkie Motivi
Cell.: 338-5624180
[email protected]
 
Associazione Stravinsky: e va in scena il talentoPartecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Viaggio nell'Arte

Notizie OK ARTE

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Read more ...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Read more ...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Read more ...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Read more ...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Read more ...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Read more ...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Read more ...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Read more ...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Read more ...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Read more ...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Read more ...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Remember Me

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph