GTranslate

 

Sound, Music! 2019, Sogno di una notte di mezza estate con la Filarmonica della Scala

Sound, Music! 2019, Sogno di una notte di mezza estate con la Filarmonica della Scala: il capolavoro di Shakespeare per i bambini con la musica di Mendelssohn, tra attività in classe e gli spettacoli con Francesco Micheli al Conservatorio di Milano. Nona edizione del progetto che avvicina alla musica i bambini della primaria. Affiancano i musicisti della Filarmonica gli allievi dell’orchestra e il coro del Conservatorio di Milano che collabora al progetto. Ingresso libero per le famiglie sabato 6 aprile alle 17.30 Sound, Music!, il progetto didattico gratuito della Filarmonica della Scala, realizzato in collaborazione con il Main Partner UniCredit e pensato per i bambini delle scuole primarie milanesi, è dedicato quest’anno alla commedia di Shakespeare Sogno di una notte di mezza estate.

 

Venerdì 5 (per le scuole) e sabato 6 aprile alle 17.30 (ingresso libero) alla Sala Verdi del Conservatorio di Milano, Francesco Micheli, che dal 2011 firma il format nato proprio con il “Sogno” shakesperiano, fa rivivere le vicende dei quattro protagonisti, Lisandro, Ermia, Demetrio e Elena, sulle note di Felix Mendelssohn, in uno spettacolo destinato a grandi e piccini. Le musiche di scena scritte per la commedia, l’op. 61 considerata da molti il capolavoro più grande del compositore romantico, sono eseguite dalla Piccola Filarmonica della Scala e dell’Orchestra da Camera del Conservatorio di Milano dirette da Alessandro Ferrari, con la partecipazione del coro del Conservatorio diretto da Maria Grazia Lascala.

Le voci soliste sono di Viviana Nebuloni, Beatrice Fasano, Eleonora De Prez e Anna Cocchetti. La nona edizione del progetto, totalmente gratuito per le scuole e a ingresso libero per il pubblico e le famiglie, gode del patrocinio del Comune di Milano ed è realizzata grazie alla collaborazione del Conservatorio di Milano. Gli studenti, membri dell’Orchestra da Camera, suoneranno fianco a fianco con i musicisti della Filarmonica della Scala, partecipando all’intera realizzazione dello spettacolo: un’importante occasione di crescita artistica per gli allievi che coinvolge anche il coro dell’istituzione di alta formazione musicale milanese, creando un nuovo legame tra due fondamentali realtà musicali della città. Sound, Music! coinvolge gratuitamente ogni anno mille studenti delle scuole primarie. Il percorso didattico propedeutico, che è parte integrante del progetto, si svolge tra febbraio e marzo nelle scuole che partecipano all’iniziativa e permette ai bambini di avvicinarsi alla musica con l’attività in classe.

Un quaderno illustrato, corredato di estratti audio dal Sogno di una notte di mezza estate op. 61 di Mendelssohn, realizzato dalla Filarmonica della Scala con i testi di Silvia Lorenzi, musicista e didatta, e le illustrazioni a matita di Allegra Agliardi, viene distribuito gratuitamente agli studenti partecipanti. Il volume consente di procedere passo dopo passo nella comprensione delle vicende narrate dalla commedia, e nella conoscenza dei temi musicali, attraverso una serie di unità didattiche di approfondimento: giochi ritmico-melodici, rielaborazioni creative, disegni, interazioni con i compagni. Lo scopo è di fornire agli insegnati uno strumento per fare musica con gli alunni, attraverso molteplici stimoli che fanno leva sulla loro creatività e immaginazione. Al termine del percorso sarà Francesco Micheli a coinvolgerli con la musica e il teatro, rendendoli partecipi degli spettacoli conclusivi. Tutti i materiali didattici sono distribuiti gratuitamente. La versione digitale è disponibile sul sito www.filarmonica.it anche per scuole, insegnanti, genitori e bambini che prenderanno parte liberamente allo spettacolo di sabato 6 aprile 2019.

Pin It

Le interviste del Direttore

Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
La storia dell'Ospedale Fatebenefratelli di Milano è fortemente legata a quella della sua città e affonda le radici nel Cinquecento, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Margherita Pavoni
Il luogo senz'altro più affascinante di Bergamo Alta è la piazza Vecchia con i suoi portici e la piazzetta della Basilica di Santa [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Milano: storia di una chiesetta dimenticata e imbrattata

di Stefano Pariani
Sono in molti a Milano a conoscere la Chiesa di Sant'Antonio da Padova, nelle adiacenze del Cimitero Monumentale, luogo che raccoglie [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Other Articles

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph