GTranslate

 

Roma - Magic Lantern Film Festival, in collaborazione con Fondazione smART – polo per l’arte, presenta
Prime Time: un programma di screening ed eventi che intende approfondire le modalità e le diverse
espressioni attraverso cui l’immagine in movimento è adottata dalle poetiche di alcuni protagonisti dell’arte
emergente italiana, con l’intento di dare visibilità agli immaginari e alle metodologie degli artisti e filmmaker
coinvolti.


Il ciclo di presentazioni mira a investigare e portare alla luce le variazioni linguistiche ed estetiche del video
da parte di artisti provenienti da una generazione cresciuta nel pieno della rivoluzione digitale, andando ad
analizzare le modalità con le quali si usa, si studia, si interpreta il materiale a disposizione, ci si rapporta con
il pubblico e ci si relaziona ai contesti diversi.
Prime Time si propone di ragionare sulle rapide trasformazioni a cui è sottoposto il mezzo filmico, in grado
di adattarsi ai mutamenti sociali e tecnologici e al contempo capace di plasmarne i contenuti
instancabilmente. Ogni appuntamento consiste in una proiezione di una selezione di film seguita da un
talk in cui l'artista, affiancato da un interlocutore appartenente alla stessa generazione, introduce la propria
poetica e metodologia a partire dalle sue influenze culturali: artisti, registi, punti di riferimento che sono
stati fondamentali per l'evoluzione della propria ricerca.
Il ciclo di presentazioni vuole porsi come un momento di dibattito critico e di confronto tra l’artista e il
pubblico, con l’obiettivo di mettere in luce le variazioni linguistiche ed estetiche inerenti la dimensione del
video che emergono nei lavori di artisti cresciuti con la rete, ove l’acceso all’informazione, sul presente e
del passato, sembra essere infinito.
Andando ad analizzare le modalità con le quali l’immagine in movimento viene prima percepita e
appropriata, poi elaborata e interpretata, Prime Time si addentra nelle ricerche, nelle visioni, negli sguardi e
nei desideri dei protagonisti delle arti visive del futuro che hanno scelto di lavorare con il mezzo video,
spesso in modo sperimentale e interdisciplinare.
Il secondo appuntamento di Prime Time è mercoledì 23 giugno con Beatrice Favaretto, dalle ore
17.00 proiezione video e alle 19.00 conversazione tra l’artista e Michele Bertolino.
Beatrice Favaretto è nata a Venezia nel 1992. Nel 2015 si laurea presso l’Accademia di Belle Arti di Venezia e nel
2018 ottiene una laurea specialistica in Nuove Tecnologie per l’arte - Cinema e Video Arte presso l’Accademia di
Belle Arti di Brera. Nel 2020 ha vinto con The Pornographer il premio Artists’ Film Italia Recovery Fund promosso
dallo Schermo dell’Arte; l’opera entrerà a far parte della collezione della Gamec di Bergamo. E’ stata finalista al Ducato
Prize 2020 e borsista a Castro Projects a Roma. Tra le mostre recenti: Art City Bologna 2021, Cassero LGTBI+,

Bologna (2021); Indistinti Confini, Cinema Giorgione, Venezia (2019); Premio Francesco Fabbri per 'arte
contemporanea, Villa Brandolini, Pieve di Soligo (2018); Diaspora, Chiesa di San Carlo, Reggio Emilia (2018).
Attualmente vive e lavora a Roma.
Magic Lantern Film Festival è un'indagine tematica semestrale sull'interstizio tra arte visiva e cinema. Il festival
aspira ad agire sia come strumento per la diffusione di linguaggi artistici che utilizzano il cinema come mezzo ideale
con cui dare forma all';immaginazione, sia come momento di indagine critica di autori, idee e generi. Magic Lantern Film
Festival è un progetto ideato e curato da Maria Alicata, Adrienne Drake e Ilaria Gianni.

Calendario appuntamenti
Mercoledì 16 giugno: Giulio Scalisi in conversazione con Maria Vittoria Di Sabatino
Mercoledì 23 giugno: Beatrice Favaretto in conversazione con Michele Bertolino
Mercoledì 30 giugno: Anouk Chambaz in conversazione con Giulia Mangoni
Mercoledì 22 settembre: Perla Sardella
Mercoledì 29 settembre: Stefania Carlotti

Ingresso libero fino ad esaurimento posti
Prenotazione obbligatoria
[email protected]
Per ulteriori informazioni:
[email protected]
www.magiclanternfilmfestivalrome.org
www.fondazionesmart.org

Pin It

Viaggio nell'Arte

Notizie OK ARTE

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Read more ...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Read more ...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Read more ...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Read more ...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Read more ...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Read more ...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Read more ...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Read more ...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Read more ...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Read more ...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Read more ...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Remember Me

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano