GTranslate

 

Mostre personali di LUCA BOATTA, MICHELE LIPARESI e ROBERTO RE

 Galleria d’Arte Contemporanea Wikiarte in Via San Felice 18 – Bologna
sabato 30 marzo 2019
ore 18.00  mostre personali di LUCA BOATTA MICHELE LIPARESI ROBERTO RE
durante la serata presenzierà la Dott.ssa Denitza Nedkova

Gli esseri umani sono una specie altamente dipendente dal senso della vista e quando l’energia elettromagnetica della luce penetra la retina ed agisce sui fotorecettori si avviano processi che attraversano come un raggio tutta la massa cerebrale. E la prima cosa che “vede” le caratteristiche salienti – ovvero i low-level features- dell’immagine, le sue linee, il suo colore, la sua luce. Quest’ultime sono, in effetti, gli elementi portanti nella poetica di Luca Boatta che – attraverso il tratto pittorico – effettua un’analisi proto-scientifica della nostra vista. A citare il neuro-esteta Semir Zeki, l’arte risulta lo strumento più semplice per svelare il funzionamento della mente. Perciò Boatta riesce, inconsciamente, a proporre alla nostra vista la sua stessa immagine attraverso la mappa strutturale del suo funzionamento o, per dirla meglio con Kandinskij, “il colore è un mezzo per esercitare un influsso diretto sull'Anima. Il colore è il tasto. L'occhio è il martelletto. L'Anima è un pianoforte con molte corde. L'artista è la mano che con questo o quel tasto porta l'anima a vibrare.” (Lo spirituale nell'arte, 1909)

L’instabilità della forma e la sua dipendenza dagli agenti circostanziali interessa l’azione creativa di Michele Liparesi. Azione che nasce dalla natura intrinseca del materiale – malleabile ma freddo – si sviluppa nell'imprinting con l’autore e si esprime nel contatto con il fruitore. Il contatto è il contenuto. Nella sintassi spaziale che la nostra presenza psicofisiologica instaura con le risonanze degli oggetti e la geometria del context, il significato di ogni fenomeno emerge proprio dall'interazione con esso. Similmente le creature leggere, reticolari e instabili della fauna costruita da Liparesi reagiscono a ogni variazione della dimensione che abitano e dialogano con le sue presenze - noi compresi – proiettando il proprio essere e modellando, a sua volta, il habitat. Questa interazione complessa tra forze multiple e compresenti – formante il sociale come il soggettivo - determina quella svolta ontologica post-strutturalista che apre la strada a un nuovo materialismo – post-umano ma organico – che nel realismo agentivo tra inanimato e organico trova la sua ragion d’essere.

La dipendenza intrinseca del mondo materiale dall'immateriale meccanismo cognitivo degli esseri viventi permette non solo l‘infinita declinazione della resa formale – ovvero il sistema degli oggetti diverso per ogni cultura, gruppo e individuo - ma anche quella dell’elaborazione mentale. In questa prospettiva le caratteristiche figurative che noi attribuiamo con tanta certezza alle cose che ci circondano sono, invece, formulazioni culturalmente locali con limitata valenza fenomenica. La lingua geometrica e spigolosa dell’espressione artistica di Roberto Re ne è la dimostrazione. Frammentare un oggetto, ovvero privarlo della configurazione d’aspetto attribuitagli da una determinata realtà, non significa privarlo della sua struttura, bensì riproporla attraverso un’apparenza diversa. Ed è quest’ultima che genera, di conseguenza, una nuova espressione formale e così a seguire in un ritmo frattale dal quale scaturisce, prima di tutto, la bellezza della natura espressa nella sezione aurea dell’imperfezione organica.

Denitza Nedkova

Pin It

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Leggi tutto...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

Falegnameria di Gregorio