GTranslate

 

SIDE

artisti costruttori di pace
Chiusura 30/10/2020
In occasione della settimana dell’arte contemporanea romana, la galleria Art GAP è lieta di ospitare, dal 24 al 30 ottobre 2020, la mostra SIDE di Monticelli & Pagone, a cura di Federica Fabrizi. Inoltre, per l’evento RAW 2020, mercoledì 28 ottobre dalle 18:00 alle 18:30 avrà luogo un piccolo concerto in cui si esibiranno Chiara Ritoni con il brano “Tre per Uno” composto da Cristiana Colaneri e Nico Ciricugno con il brano “Sestam” composto da Pasquale Sabatelli.
Via di San Francesco a Ripa 105/a mappa
Inaugurazione 24/10/2020
SIDE, il titolo della mostra, è l’acronimo di “Social Identity model of Deindividuation Effects”: un modello sviluppato nell'ambito della teoria dell'identità sociale (Russell Spears e Martin Lea, 1995) nel quale si sostiene che la deindividualizzazione trae origine da processi di rinsaldamento dell’identità sociale, in cui il soggetto rafforza la percezione di sé come elemento integrante del gruppo e non come individuo, unico e irripetibile. Anonimato, transazione dal sé personale a quello sociale, ridotta identificabilità con la totale perdita di consapevolezza della propria identità e omologazione di massa. Tematiche affrontate da Alessandro Monticelli & Claudio Pagone nelle raffinate e sofisticate opere esposte nella galleria Art GAP. Alienazione delle menti e volti distrutti a cui si contrappone l’esaltazione del corpo, abbellito e impreziosito, per il bisogno di conformarsi alla società dell’immagine e dei consumi. Individui in equilibrio instabile in una dimensione priva di senso umano, deindividualizzato dove tutto è soggiogato da copioni stereotipati. Un non – luogo, definito da ampie pennellate corpose dal duo artistico sulmonese, in cui la persona perde la sua collocazione nel mondo in cui domina la dispersione del sé, l’ignoranza, l’omologazione, la manipolazione e il controllo sociale. La società di massa fa precipitare l’individuo in crisi anche mediante l’utilizzo persuasivo dei mezzi di comunicazione, come quelli usati dal regime nazista e fascista, primo fra tutti la pubblicità: carismatica e fatale, con cui Monticelli & Pagone instaurano un rapporto intenso e attento nelle opere esposte. Tutti uguali come delle controfigure, delle copie degli altri che per sentirsi à la page accettano i modelli comportamentali e gli stili di vita dettati dalla moda e dalla pubblicità per sentirsi parte di un “tutto”. Quel “tutto” che fagocita l’unicità. Quel “tutto” che controlla e sorveglia mediante le strategie panoptiche del consumo gli individui, lasciandoli vivere nell’illusione di essere liberi ma in realtà sono fruitori passivi plasmati dai clichè della società. Quella società che sfrutta i media come mezzi per veicolare i propri valori, disvalori per Adorno: moda, consumismo, conformismo, stampa, radio, pubblicità… come strumenti di manipolazione delle coscienze e strumenti di potere che trasformano l’uomo contemporaneo da unicum a essere generico. Con questa mostra gli artisti vogliono gridare a gran voce che l’Arte, non quella ridotta a merce o oggetto, è il rimedio contro questo mondo omologato. L’arte è conoscenza libera e disinteressata che si rivolge alle idee e sottrae l’individuo dalla catena di bisogni e desideri quotidiani (Schopenhauer).
Alessandro Monticelli (1973) & Claudio Pagone (1976) dal 1999 sono un duo che lavora come un singolo. Vivono e lavorano tra Sulmona e Roma. Le loro opere sono la convergenza di un procedimento che parte da percorsi diversi canalizzati in un’unica destinazione da cui si origina il loro brand-binomio M&P: la sophisticated NeoPop Art. Nelle loro opere la provocazione è sempre dietro l’angolo. Infatti grazie a diverse opere di denuncia sociale come La Venere dell’Immondizia, molto apprezzata da Pistoletto stesso, e le 500 multe a regola d’arte, hanno scatenato reazioni nel sistema massmediatico grazie al quale hanno raggiunto una diffusa notorietà nel mondo dell’arte contemporanea conquistando pubblico e critici. Degno di nota anche il loro intervento all’acquedotto di Sulmona su cui hanno rappresentato sulle 13 lunette delle 21 arcate i 13 miti ovidiani, trasformandolo in una vera e propria opera d’arte contemporanea che dialoga con l’architettura del passato. Le loro opere sono conservate nell’archivio “Arte del XXI secolo” della Soprintendenza speciale per l’arte contemporanea di Roma, nell’archivio di arte contemporanea “Via Farini” di Milano e nell’archivio di arte contemporanea “Futuro” di Roma. Inoltre, molti lavori sono parte di numerose collezioni private. La loro sfida? Proporre nuove tematiche con forme di comunicazione distanti dai modelli prestabiliti dai luoghi “ufficiali”, sfidando i confini concettuali e fisici dell’arte contemporanea.

TIPOLOGIA: Mostra personale
INAUGURAZIONE: sabato 24 ottobre 2020 ore 18.30
DATE: da sabato 24 ottobre a venerdì 30 ottobre 2020
LUOGO: ART G.A.P. Gallery (ROMA)
CURATORE: Federica Fabrizi
ARTISTI: Alessandro Monticelli & Claudio Pagone
EVENTO RAW 2020: mercoledì 28 ottobre dalle 18:00 alle 18:30 – concerto di Chiara Ritoni e Nico Ciricugno sulle musiche composte da Cristiana Colaneri e Pasquale Sabatelli.
Indirizzo: Via San Francesco a Ripa, 105/a, 00153, Roma, RM
Orari: lun./ ven. 15:30 – 19:30
Telefono: 06.9360201
E-mail: [email protected]
Sito ufficiale: www.artgap.it
Facebook: ART GAP
Instagram: Art_GAP_Gallery

È consigliata la prenotazione telefonando ai numeri 069360201 e 3934498680 oppure via email al seguente indirizzo [email protected] Infine è possibile utilizzare il pulsante di prenotazione nella pagina Facebook di Artgap.
 
SIDE Partecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Read more ...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Read more ...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Read more ...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Read more ...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Read more ...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Read more ...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Read more ...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Read more ...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Read more ...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Read more ...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Read more ...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Read more ...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Remember Me

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

Falegnameria di Gregorio