GTranslate

 

Vietnam mon amour. Barbara Pellizzari

La mostra personale di Barbara Pellizzari “Vietnam mon amour”, accolta dalla Galleria Francesco Zanuso di Milano presenta, dal 4 al 26 novembre, una selezione di lavori realizzati a lacca tra cui molti inediti, creati dall’artista tra il 2015 e il 2020.

Pervase da un luminoso cromatismo, nelle opere esposte emerge l’influenza di Paesi e culture diversi, legata all’esperienza cosmopolita di Barbara Pellizzari, che ha vissuto per quasi vent’anni nel continente asiatico e tre anni in Vietnam. Questo luogo, particolarmente caro - come si evince dal titolo della mostra - le ha permesso di apprendere e perfezionare la tecnica della laccatura, caratterizzata da una lavorazione complessa e delicata che l’artista esegue magistralmente nelle sue varie fasi.

 

Le Lacche del 2015 si contraddistinguono per la commistione tra forme astratte ed elementi figurativi, sassi dipinti a mano vengono talvolta sovrapposti a sfondi monocromi a ricordare i muri vietnamiti mentre uno stile più astratto emerge nella serie Orizzonti del 2017, che evoca paesaggi marini, cieli e tramonti. Di matrice astratta sono anche le lacche dal titolo Impressione, del 2019, dove il colore è protagonista assoluto; qui le diverse tonalità affiancate tra loro si compenetrano o si esaltano a vicenda e lasciano affiorare segni e tracce degli strati sottostanti.

Tutti i lavori sono accomunati dalla sensazione diffusa di armonia e serenità, che si ritrova anche nelle opere più recenti, inedite, realizzate nel corso del 2020, nelle quali ritorna il legame con la natura, come si osserva nel ciclo Australia dalle tinte brunite, che rimandano alle terre rosse del grande continente o nella delicatezza dei dettagli delle opere a soggetto floreale Fiori e ancora nella quiete del paesaggio alberato in Pianura.

I lavori esposti, tutti realizzati su pannelli di masonite, che talvolta l’artista cosparge con gusci d’uovo, nascono dall’attenta stratificazione di resina pura alternata a una miscela di resina, foglie d’argento o d’oro e pigmenti colorati. In una ricercata e continua operazione di sottrazione e addizione, che caratterizza questa peculiare fase creativa, l’artista lava e scartavetra la superficie facendo riemergere elementi dagli strati sottostanti e aggiunge, nei punti desiderati, nuovo colore, metalli e resina. Interviene infine con l’inserimento di elementi dipinti ad olio; il risultato è una superficie setosa, che invita il visitatore alla scoperta della dimensione tattile dell’opera.

Cenni biografici. Barbara Pellizzari è nata a Torino nel 1963. Diplomata in Conservazione dei Dipinti presso Palazzo Spinelli a Firenze, consolida la sua carriera come restauratrice di capolavori del Rinascimento Italiano a Firenze e, in seguito, lavora nel settore del restauro artistico presso importanti istituzioni internazionali. Parallelamente porta avanti la sua ricerca artistica e, dal 2002, espone le sue opere in diverse collettive e personali, in particolare in Asia; tra queste si ricordano le personali in Cina, dove l’artista risiede dal 1999 al 2012, presso la galleria Interdit Creations a Shanghai e alla galleria Yi Shu 8 a Pechino. Nell’estate del 2012 si trasferisce in Vietnam dove espone a Ho Chi Minh City e ad Hanoi. Nel 2015, prima di trasferirsi a Singapore, conclude la permanenza vietnamita con una retrospettiva alla Eight Gallery di Ho Chi Minh City. Nel 2016 rappresenta lo stand Italiano ad Art Expo Malaysia, a Kuala Lumpur. Tra le sue mostre più recenti ricordiamo nel 2018 la personale alla Galerie Espace Le Marais di Parigi e nel 2019 le esposizioni presso Ponti x l'Arte e Studio Guido delli Ponti a Milano. Dopo un breve soggiorno in Svizzera, a San Gallo, nel 2018, dal 2019 l’artista torna in Italia, nelle campagne vicino a Torino, dove attualmente vive e lavora.

La Galleria Francesco Zanuso, fondata nel 2010 dall’omonimo medico e collezionista milanese con una particolare predilezione per la Scuola Romana, l’Arte Povera ed il Nouveau Realisme, prosegue nella sua fervida ricerca e nella stimolante attività espositiva con l’obiettivo di promuovere giovani artisti emergenti. Le scelte stilistiche vedono una forte attenzione rivolta alla pittura astratta e figurativa, alla fotografia, alla scultura ed al design. Situata in uno dei quartieri storici più caratteristici di Milano, la galleria rappresenta quindi un importante punto di riferimento per i collezionisti interessati alla produzione artistica contemporanea internazionale.

Coordinate mostra

Titolo Vietnam mon amour. Barbara Pellizzari

Sede Galleria Francesco Zanuso, Corso di Porta Vigentina 26, Milano

Date 4 - 26 novembre 2020

Inaugurazione mercoledì 4 novembre, ore 16 - 21

Orari lunedì-giovedì ore 15-19 | venerdì mattina e altri orari, visite su appuntamento

Ingresso libero

Info pubblico Tel. +39 335 6379291 - [email protected]

 

Ufficio Stampa

IBC Irma Bianchi Communication

Tel. +39 02 8940 4694 - mob. +39 334 3015713 - [email protected]

testi e immagini scaricabili da www.irmabianchi.it

Pin It

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Read more ...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Read more ...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Read more ...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Read more ...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Read more ...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Read more ...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Read more ...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Read more ...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Read more ...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Read more ...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Read more ...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Read more ...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Remember Me

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

Falegnameria di Gregorio