GTranslate

 

Con Rotella Milano rivive attraverso il “blob” immaginifico dei manifesti

Con Rotella Milano rivive attraverso il “blob” immaginifico dei manifesti

  Domodossola,

Recensito da Ugo Perugini

Sommario

Proprio al centro di Domodossola, nel palazzetto De Rodis, di origine medioevale - ristrutturato con estrema cura, a partire dai loggiati che si aprono su un “pozzo” verticale interno, dando respiro all’intera struttura - si è aperta la mostra che vede l’esposizione di ben 110 opere raccolte dai coniugi Poscio e che resterà aperta dall’8 giugno fino al 31 gennaio 2015.

Descrizione

RotellaCon la XXXII Biennale d’Arte di Venezia, tenutasi nel 1964, che vede il grande successo della Pop Art, anche il lavoro fino a quel momento svolto da Domenico Di Rotella, detto Mimmo Rotella(1918-2006), viene ufficialmente consacrato con una sala personale. Il 1964 è anche l’anno che fa da spartiacque nella mostra allestita a Palazzo Reale - che si protrarrà fino al 31 agosto - anno dal quale si parte a ritroso per arrivare al 1952, periodo in cui, dopo il ritorno dalla residenza alla Kansas City University, l’artista, a seguito di quella che lui stesso definirà “illuminazione zen”, si dedica alle sue sperimentazioni con i primi décollages. Rotella non utilizza il frammento cartaceo inserendolo in un’opera pittorica ma cerca di portarlo, così com’è, nel mondo dell’arte. La scoperta di Rotella è semplice e rivoluzionaria: la strada di una città è un luogo saturo di immagini, brandelli di manifesti pubblicitari strappati o da strappare, porzioni cartacee di parole tolte dal loro contesto, lacerti colorati. Se tutti questi frammenti vengono immersi in un magma materico, possono essere decostruiti, smembrati e vivisezionati grazie a un raschietto che funge da pennello sia al diritto (décollages) che al rovescio (retro d’affiches) con pezzi di ruggine, intonaco, muffe, colle, carta, terra che vi restano attaccati, a testimoniare l’eterogeneo universo urbano, quasi reperti di una ricerca antropologica di tipo arcaico. In questo modo, avvicinando l’arte alla comunicazione di massa, alla pubblicità, Rotella si spinge a decifrare il significato visivo di un’epoca, spostandosi dal frammento (opere di piccole dimensioni) al manifesto (opere più grandi) fino a entrare nella iconografia politica, in quella cinematografica (Marilyn Monroe, Elvis Presley) in quella più pubblicitaria di consumo (Coca Cola). Passando dal frammento al tutto, la sua arte diventa quasi neutra, si spersonalizza arrivando ad un approdo materico, al quale seguirà in modo graduale un carattere decisamente più rispettoso del carattere iconografico del manifesto. Sono sette le sale della Mostra dedicata a Rotella, promossa e prodotta dal Comune di Milano, Palazzo Reale, Mimmo Rotella Institute e Fondazione Mimmo Rotella, e curata da Germano Celant e Antonella Soldaini. Oltre 150 le opere esposte, alcune provenienti da importanti prestiti. Vi sono però anche opere di altri artisti, utili a contestualizzare il lavoro di Rotella e comprendere più a fondo il suo contributo di originalità, come le composizioni di Prampolini, le sperimentazioni visivo-sonore di Marinetti, le ricerche di Lucio Fontana, Burri, Warhol, e quelle degli esponenti del Nouveau Réalisme. Una mostra interessante e piena di spunti. 13 giugno – 31 agosto 2014 Orari: martedì, mercoledì, venerdì, domenica dalle 9.30 alle 19.30; giovedì e sabato dalle 9.30 alle 22.30. Biglietti: 11 euro con audio guide, ridotti 9,50 €. Info: tel. 02.87036823 Ugo Perugini
votazione 4/ 5 (Excellent) Ugo Perugini
 
Pin It

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Leggi tutto...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

Falegnameria di Gregorio