GTranslate

 

L'eleganza del bijou d'autore in mostra a Palazzo Reale

di Francesca Bellola

bijouxSono molte le iniziative durante la settimana della moda. Un posto d'onore viene assegnato al bijou come arte da indossare ed esibire, simbolo di bellezza ed evoluzione del costume a partire dagli anni Cinquanta agli anni Duemila. A Palazzo Reale di Milano, nelle sale degli Arazzi, sono ospitati 300 pezzi unici nella mostra tutta al femminileL'arte del bijou italiano. Dalla Dolce Vita al Prêt-à-Porter, aperta fino al 2 marzo con ingresso gratuito.

Ogni accessorio, indispensabile ad arricchire un abito e a rendere charmant tutte le donne, viene celebrato in un contesto artistico. E di arte si tratta se consideriamo che queste superbe creazioni sono firmate da stilisti e designer di fama internazionale.

La storia del “bijou” italiano è iniziata nel 1951 quando venne inserito nella prima sfilata di Alta Moda italiana organizzata da Giovanni Battista Giorgini, collezionista e antiquario ma anche abile uomo d'affari, nella sua villa Torregiani a Firenze.

L'esposizione di Milano, curata da Alba Cappelllieri e Lino Raggio, presenta serie limitate e produzioni industriali in un viaggio alla scoperta della creatività italiana unita alla qualità artigianale ed alla innovazione tecnologica.

Il percorso espositivo si divide in due sezioni. La prima è dedicata alla Dolce Vita dei famosi anni Cinquanta e Sessanta e al pret-à-porter degli anni Ottanta con le creazioni dei più grandi stilisti. La tradizione classica viene integrata dalle nuove tendenze che osano sperimentare materiali diversi come la plastica o i cristalli. Troviamo l'ironia impertinente di Moschino, le ispirazioni elevate di Ferrè, l'eleganza di Valentino, il rigore di Armani, l'effetto cromatico di Missoni, l'estro di Versace e il futurismo di Krizia solo per citarne alcuni. La seconda sala è un omaggio agli accessori d'autore dei cinque principali creatori milanesi: Sharra Pagano, Ornella Bijoux, Bozart, Unger e Ottavio Re.

Il visitatore può rivivere, tra le forme classiche del passato e quelle contemporanee, l'eleganza del bijou nell'affascinante mondo della moda: un tripudio alla magnificenza del “made in Italy”.

Pin It

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Leggi tutto...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

Falegnameria di Gregorio