GTranslate

 

di Ugo Perugini

triennaleSi è aperta alla Triennale di Milano la prima mostra personale italiana dell’artista, francese d’origine ma inglese d’adozione, Marc Camille Chaimowicz che resterà aperta dal 14 ottobre all’8 gennaio 2017, a cura di Eva Fabbris e sotto la direzione artistica di Edoardo Bonaspetti. Nato a Parigi, ora vive tra Londra e la Borgogna. Ha esposto in numerose mostre personali di arte contemporanea come Indipendenza a Roma (2016) Nottingham (2011) e in numerose collettive tra cui il Walker Centre di minneapolis (2016). Mentre suoi lavori sono esposti nei più importanti musei del mondo: State Hermitage Museum Pietroburgo, MAM/ARC Parigi, Tate Modern Londra.

Chaimowicz è un personaggio che ha molti punti in comune con le esperienze artistiche legate alla metafisica – la Triennale con i famosi “Bagni misteriosi” di de Chirico appare il luogo più adatto ad ospitare l’evento – ed è stato uno dei precursori di quell’approccio multidisciplinare che ha saputo mettere insieme con gusto e intelligenza arti visive con design, teatro, coreografia, architettura, installazione.

Un’idea “metafisica” che si rifà, in particolare, al quadro “Il figliol prodigo” di Giorgio de Chirico (1973), ch

galleria fotografica

e troviamo esposto, grazie alla concessione della Fondazione che porta il suo nome, proprio all’ingresso della sala, quasi ad esergo dell’intera esposizione. In quel quadro, infatti, un padre e un figlio sono all’interno di un luogo spoglio, che crea un senso di inquietudine irreale, onirica, dove palpabile è il senso dell’attesa, in un’atmosfera di sospensione, emotivamente molto carica. Stessa atmosfera che riconosciamo nell’opera di Chaimowicz, dal titolo lunghissimo, “We Chose Our Words With Care, That Neon-Moonlit Evening; It Was If We Were Party To A Wonderful Alchemy (1975-2008), che è un sipario squarciato in tre punti dai quali è possibile spiare un ambiente dove probabilmente poco prima si era avuto un momento gioioso, ora terminato, in cui si odono ancora dei rumori di acqua che scorre, e si intuisce, attraverso gli oggetti sparsi, un vago senso di attesa malinconica, anche se piena di mistero e speranza.

Il richiamo all’intimità domestica, alla malinconia, ma anche, in certi casi, alla ribellione è frequente in Chaimowicz, nei suoi mobili, nelle opere architettoniche, nei suoi archi spezzati, come forte è l’aspirazione trascendente con le sue scale, o i modellini come il Project For A Rural House (2003-2016), nel quale apprezziamo la dimensione e temperatura emotiva e contenutistica che conduce sempre a una visione meditativa della vita che gli viene anche dalla sua formazione, alla quale hanno contribuito maestri come Jean Cocteau, Jean Genet, Gustave Flaubert.

Un personaggio che fonde diverse discipline artistiche in un gioco armonico mai gerarchico tra le diverse modalità espressive e che ha saputo cogliere il valore del fare creativo senza confini tra arti alte e basse, trovando una comunanza di intenti e finalità tra artisti e artigiani. Di Chaimowicz è da sottolineare anche l’impegno come insegnante, tanto che qualcuno l’ha definito l’artista degli artisti perché spesso citato dai più giovani come riferimento imprescindibile alla loro ricerca creativa.

Marc Camille Chaimowicz. Maybe Metafisica - Triennale – viale Alemagna 6 – Milano ingresso: intero € 6,00; ridotto: € 5,00/4,00.

Pin It

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Leggi tutto...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano