GTranslate

 

In occasione del 25 novembre, incontri e iniziative per dire basta alla violenza sule donne

Sabato al via le attività del Centro Milano Donna di viale Faenza alla presenza del sindaco Sala. In occasione del 25 novembre, incontri e iniziative per dire basta alla violenza Milano, 21 novembre 2018 – Bandiera a mezz’asta a Palazzo Marino e un ‘posto occupato’ nei teatri milanesi. In occasione della Giornata per l’eliminazione della violenza contro le donne, che si celebrerà in tutto il mondo domenica 25 novembre, Milano condanna ogni forma di violenza contro le donne. E a questi gesti fortemente simbolici, unisce azioni concrete come l’inaugurazione delle attività del Centro Milano Donna in viale Faenza, alla presenza del Sindaco Giuseppe Sala, e una ricca serie di iniziative e appuntamenti dedicati al mondo femminile.

 

Bandiera a mezz’asta a Palazzo Marino Grazie all’impegno della Delegata del Sindaco per le pari opportunità di genere, Daria Colombo, Milano ha promosso, lo scorso 8 marzo, il “Patto dei Comuni per la parità e contro la violenza di genere” e nel solco di quell’iniziativa è stata capofila presso l’Anci di una nuova importante testimonianza che vedrà coinvolti molti altri comuni (tra cui Roma, Torino, Padova, Bologna, Bari, Napoli, Cagliari). “Listare la bandiera civica a mezz’asta – spiega Daria Colombo – è un segno di lutto. E per la prima volta sarà fatto in occasione del 25 novembre. Abbiamo scelto questo gesto fortemente simbolico per dire basta alla violenza, ma anche e soprattutto per affermare l’impegno della nostra città per la sicurezza e per il diritto al rispetto di tutte le donne”. La proposta è stata condivisa e supportata dalla Commissione consiliare per le Pari Opportunità e Diritti Civili, presieduta dalla consigliera Diana De Marchi, che con un apposito Ordine del Giorno presentato in aula ha raccolto l’approvazione di tutto il Consiglio comunale.

‘Posto occupato’ nei teatri milanesi ‘Posto occupato’ è un gesto concreto dedicato a tutte le donne che a causa di violenza hanno perso la vita. Donne che prima di morire occupavano un posto nei luoghi che tutti frequentiamo. Grazie alla collaborazione tra la Delegata del sindaco per le pari opportunità di genere, la Commissione Pari Opportunità e Diritti Civili e l’Assessorato alla Cultura, in occasione del 25 novembre, molti teatri milanesi convenzionati con l’Amministrazione comunale lasceranno un posto vuoto per ricordare la donna che avrebbe potuto occuparlo prima di essere uccisa. In particolare aderiranno i teatri Carcano, Verdi, Filodrammatici, Franco Parenti, Libero, Out Off, Sala Fontana, Litta, Leonardo, Martinitt, Dell’Elfo.

E inoltre il Piccolo Teatro Strehler e Teatro Studio, Pacta dei Teatri, Campo Teatrale, Teatro I. Dal gennaio 2017 anche il Consiglio comunale milanese partecipa all’iniziativa, riservando stabilmente uno degli scranni dell’Aula al ‘posto occupato’. Centro Milano Donna in viale Faenza Con una festa di inaugurazione, alla quale parteciperanno il Sindaco Giuseppe Sala e la Delegata per le pari opportunità di genere Daria Colombo, il Centro Milano Donna di viale Faenza consegna le chiavi all’associazione “Telefono Donna”, che nel mese di luglio ha vinto il bando per la sua gestione. Sarà un centro antiviolenza ma non solo: offrirà corsi, attività di mutuo aiuto, incontri culturali, momenti di libera aggregazione. Nella giornata di sabato 24 novembre, oltre all’avvio ufficiale delle attività, verrà inaugurata anche “Stop the Violence”, una mostra sul progetto proposto dalla Onlus Pro.sa negli Slum di Lusaka, la capitale dello Zambia, per prevenire e contrastare la violenza di genere attraverso assistenza alle vittime: dal counseling alla formazione”.

Un progetto per le scuole “Be.St” Venerdì 30 novembre, all’Acquario Civico, dalle 17 alle 20, verranno presentati i risultati del progetto Be.St - Beyond Stereoptype, ideato da Fondazione punto.sud e del quale il Comune di Milano è partner insieme all’associazione Scosse. Saranno presenti l’assessore all’istruzione Laura Galimberti, l’assessore alle Politiche Sociali Pierfrancesco Majorino, la Delegata per le Pari Opportunità di genere, Daria Colombo, gli esperti che hanno contribuito alla realizzazione del modello e la dirigente scolastica della scuola Riccardo Massa nella quale si svolgerà la sperimentazione. “Be.st – spiega Daria Colombo – è il primo tentativo di intervenire nelle scuole contro gli stereotipi di genere a livello sistemico. Parlare ai giovani e sensibilizzarli contro ogni forma di violenza, non solo quella verso le donne, è l’azione più forte e incisiva che possiamo compiere per mettere in atto un vero cambiamento culturale. Giornate come il 25 novembre sono importanti per tenere alta l’attenzione e stimolare un dibattito collettivo, ma l’educazione al rispetto del prossimo, primo passo per il rifiuto della violenza, è un impegno quotidiano cui sono richiamati i singoli cittadini e le istituzioni”. Grazie alla partecipazione attiva di molte associazioni, il programma delle iniziative organizzate in occasione del 25 novembre sarà ricco di appuntamenti dedicati al tema della violenza e non solo.

Pin It

Le interviste del Direttore

Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Margherita Pavoni
Il luogo senz'altro più affascinante di Bergamo Alta è la piazza Vecchia con i suoi portici e la piazzetta della Basilica di Santa [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Milano: storia di una chiesetta dimenticata e imbrattata

di Stefano Pariani
Sono in molti a Milano a conoscere la Chiesa di Sant'Antonio da Padova, nelle adiacenze del Cimitero Monumentale, luogo che raccoglie [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Other Articles

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph