GTranslate

 

Mostre personali di FABRIZIO CADOPPI (BICIO), LORETTA CAVICCHI, GIOVANNI TRIMANI

La Galleria d’Arte Contemporanea Wikiarte
in Via San Felice 18 – Bologna
sabato 02 marzo 2019 ore 18.00 si terrà l’ apertura delle mostre personali di FABRIZIO CADOPPI (BICIO), LORETTA CAVICCHI, GIOVANNI TRIMANI

dal martedì al sabato dalle 11.00 alle 19.00 14 marzo chiusura ore 15.00

durante la serata presenzierà la Dott.ssa Denitza Nedkova 

dal 02 marzo al 14 marzo 2019 dal martedì al sabato dalle 11.00 alle 19.00
14 marzo chiusura ore 15.00

Nel pianeta successivo il piccolo principe vide una sedia. Era vuota. Il piccolo principe non aveva mai visto una sedia e si avvicinò. Senza saperlo quello che fece fu sedersi. Era su una spiaggia e la sedia era rivolta verso il mare. Si sedette tenendo le gambe sollevate, stringendole tra le braccia. Riusciva a stare tutto rannicchiato come una noce. Chiuse gli occhi. (Antoine de Saint- Exupéry,Il piccolo Principe).

….. traccia, fatica, impotenza, potere, simbolo, posizione, riposo, appoggio, trono, fisico, struttura ….  Parole evase dal sistema sintattico di un racconto e itineranti in quello cognitivo della comprensione convergono inevitabilmente nel luogo più fisico del corpo – la sedia. Un’orma della presenza reale della nostra struttura morale, la sedia offre riposo ma non pernotto, offre immobilità ma non stasi, invita a fermarsi ma non di rimanere. Andare avanti dipende da come sei. La sedia è un progetto, un’attività cognitiva che nella stabilità fisica trova l’instabilità concettuale: tre piedi sono pochi, cinque già inutili. Il flusso delle complessità del mondo - da ideologie e psicologie, processi evolutivi e tecnologie, a doveri e piaceri – è espresso, senza faticare in terminologie, dalla seggia. Ecco, allora, la vera domanda: se la sedia non è un oggetto ma uno strumento per essere, che forma deve avere? Quella mentale, confermano i lavori di Giovanni Trimani. Una morfologia polimorfa e policroma sita in una sintassi pluridimensionale rende il racconto – quello che realizziamo in contatto con ogni sedia del ChairMan – ottimale. La sequenza lineare di lettura si trasforma in un flusso interpretativo dove stare sopra, sotto, davanti, dietro, accanto o di fronte alla sedia non determina più la nostra comprensione di essa, ma soprattutto la nostra strumentalizzazione del suo messaggio insito.

Un essenzialità lessicale e strutturale compone un messaggio aperto e disponibile a ogni integrazione. Una frase semplice con pochi complementi e senso compiuto che attende il suo sviluppo narrativo è quella sostanziale per l’intervento pittorico a cui Fabrizio Cadoppi sottopone le sue tele. L’l’intenzionale contrasto cromatico e stilistico, volto a frazionare la raffigurazione in profondità, scandisce chiaramente la metrica di una poetica che rimane sempre fedele a se stessa. Ogni tela funzione, dunque, non come frase a se stante ma come unità morfo-lessicale di un cluster semantico fisicamente esteso in una narrazione spaziale che supera la bidimensionale superficie del quadro e invade quella pluridimensionale del suo contesto. Artista, opera e fruitore si trovano ad agire quali parti strutturali di un’unica stessa sintassi spaziale e agentiva, indispensabile per la realizzazione dell’immagine quale evento estetico. Le risonanze degli oggetti artistici, le volumetrie ambientali delle loro intersezioni e la connettività con l’organismo percettivo che ne scaturisce determinano l’espansione, perchè di direzione non si più parlare, del flusso esperienziale nel godimento dell’opera che non è altro che la sua comprensione ovvero realizzazione.  Bicio da una personale forma  visiva a una grammatica congenita nella cognizione umana che governa ogni canale commutativo dell’essere e gli permette la lettura dell’infinità di espressioni estetiche.

L’utilizzo - ossessiva, costante, invariabile - di un mezzo d’espressione è una scelta ben precisa, che porta dietro di sé un modo di approcciarsi al mondo. Se lo scultore è colui che segue la materia, che si muove con essa, il pittore è qualcuno che sta fermo e la scava. Si possono portare avanti diverse discipline contemporaneamente, ma come ogni persona tende a tenere un determinato atteggiamento mentale nei confronti di ciò che la circonda, anche l’artista ha un linguaggio che gli corrisponde più di altri. Nonostante la preferenza espressiva – palese per natura – le richieste dell’ambiente fisico creano scontri con le altri linguaggi il cui rispondere presume inevitabilmente l’applicazione di una lingua nuova. Loretta Cavicchi emerge come poetica, silenziosamente e gradualmente,  da una griglia di tratti semplici che colpiscono per primi il sistema visivo. I cosiddetti low-level features dei fenomeni estetici sono, di fatti, la struttura imprescindibile sulla quale erigere la comprensione della realtà. Quando l’artista basa il suo dialogo con il fruitore su un canale archetipico e universale di comunicare è per innescare un rapporto di fiducia quale massima assicurazione è il prodotto estetico di per sé. La sua lettura è semplice ma nello stesso tempo complessa per la sua natura portante ma esigente una stratificazione continua di contributi intimi e personali.
Pin It

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Leggi tutto...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph