GTranslate

 

L’ARTE CHIRURGICA DI GIANNI DEPAOLI, UNA MOSTRA ANTOLOGICA DAGLI INIZI ALLA PANDEMIA “FOSSILI CONTEMPORANEI” L’ARTE CHIRURGICA DI GIANNI DEPAOLI, UNA MOSTRA ANTOLOGICA DAGLI INIZI ALLA PANDEMIA

Dal 19 aprile al 8 maggio 2021 Villa Brentano, via Magenta, 25 Busto Garolfo (MI) ORARI: da Lunedì a Venerdì ore 15:00-19:00
Giovedì ore 10:00-12:00 / Venerdì ore 10:00-13:00 www.giannidepaoli.it

Gianni Depaoli artista materico autodidatta è nato il 04 marzo 1961. Vive e lavora a Candia Canavese in un ex magazzino frigorifero ribattezzato Museo Menotrenta. Dal 2007, mostre e installazioni sul degrado ambientale e umano, progetti itineranti sostenuti da musei e da Enti Istituzionali: Mare Nero Museo di Bergamo, Allarme Ambiente Museo di Scienze Genova, Rossomare GAM Genova, Biennale Italia-Cina, Biennale Venezia Padiglione Italia, Fondazione Piaggio, Ambasciata Monaco, Museo del Porto di Portofino opera site-specific, GAM Roma, numerosi Musei e Enti Istituzionali ospitano le sue opere.

La nuova sperimentazione lo porta dal 2012 a utilizzare un materiale organico che nobilita trasformandolo in opere d’ arte, pelli e inchiostro di pesci e cefalopodi, che seleziona in Asia e Nord Europa dove ha fatto esperienza. Premiato in numerose manifestazioni tra le quali la Biennale di Asolo, GemLucArt Montecarlo, Museo di Scienze Torino. Dal 2020 in seguito a vicende subìte, torna a trattare con molta più forza e rabbia i temi che gli sono stati cari fin dagli esordi: i comportamenti scellerati dell’uomo ed il conseguente deterioramento ambientale e sociale, rappresentando ora anche le conseguenze sull’uomo. Nella sua incessante ricerca di materiali organici marini testimoni del tempo, ha scoperto “le schiuse di ovature” affascinanti agglomerati che evocano il senso della Vita, ora fanno parte delle nuove opere.

Ecosostenibilità e biodiversità, questi i principi su cui si fonda il lavoro di Gianni Depaoli.
L’Artista, in definitiva, lancia un messaggio forte utilizzando il variegato e multiforme mondo dell’arte per mettere in evidenza e far riflettere, sul degrado ambientale attraverso mostre itineranti sostenute da musei e da enti istituzionali, in cui il mare e i suoi abitanti diventano protagonisti veri e puri, a loro torna la dignità e la vita.

Ed ecco che l’artista mediante l’uso di elementi apparentemente destinati a decomporsi, ci mostra come l’arte diventa il suo alleato strumento per racchiuderli e cristallizzarli mostrando il loro innegabile fascino che Depaoli ridona loro in maniera decisamente forte e lirica. Da qui nasce la realizzazione di opere e istallazioni che raccolgono significati diversi e assumono identità collegabili a vari contesti, ma sempre riconducibili al rispetto del mare restituendo anche allo scarto organico, ultimo anello della filiera produttiva, grande valore artistico e poetico.

A questa mostra, che vuole essere una sorta di mini-antologica, si aggiungono le ultime opere della serie “Siluette”, che nascono da una serie di riflessioni fatte durante la pandemia e raccontano ciò che Depaoli tratta da sempre: il degrado sociale nel quale viviamo ormai da anni che ha portato come diretta conseguenza un degrado ambientale e sanitario e una violenza sempre più incontrollata tra persone e in particolare sulle donne.

L’esposizione apre al pubblico Lunedì 19 aprile fino a Sabato 8 maggio 2021. Per visitare l’esposizion è necessario il passaggio dall’entrata principale della Biblioteca di Busto Garolfo, e seguirà gli orari della Biblioteca Comunale: da Lunedì a Venerdì ore 15:00-19:00, il Giovedì ore 10:00-12:00 e il Venerdì ore 10:00-13:00 presso Villa Brentano (piano terra), in via Magenta 25 a Busto Garolfo (MI).

L’ingresso contingentato avrà le seguenti modalità, come da disposizioni legislative Anti Covid:

i visitatori potranno avere accesso alla mostra solo se muniti di mascherina e guanti o se si igienizzano le mani con apposito gel, e se avranno la temperatura corporea inferiore a 37,5°;
l’accesso sarà consentito a massimo 3 persone per volta, e i minori dovranno essere accompagnati da un adulto. Rispettare sia all’interno che all’esterno la distanza sociale di almeno un metro.

Per informazioni:
[email protected]

Pin It

Viaggio nell'Arte

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Read more ...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Read more ...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Read more ...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Read more ...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Read more ...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Read more ...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Read more ...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Read more ...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Read more ...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Read more ...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Read more ...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Remember Me

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph