GTranslate

 

Walter Ravizza: scorci sull'essere

htWalter Ravizza: scorci sull'esseretp://www.okarte.it
Chiusura 18/07/2017
di Marta Lock
E’ questa l’impressione che si ha guardando le opere di Ravizza, un’esortazione a liberare l’interiorità divenendo soggetti, e non osservatori, grazie alla possibilità di personalizzarle, adattandole al sentire del momento, all’umore, al punto di vista.
corso Venezia 12, Milano mappa
Inaugurazione 18/05/2017
E’ questa l’impressione che si ha guardando le opere di Ravizza, un’esortazione a liberare l’interiorità divenendo soggetti, e non osservatori, grazie alla possibilità di personalizzarle, adattandole al sentire del momento, all’umore, al punto di vista. L’approccio dell’artista nei confronti del quadro non è più quello del creatore che nasconde un significato che deve essere compreso e interpretato, no, con lui tutto cambia e, dopo aver dato origine all’atto creativo lo lascia, se ne allontana per permettere al singolo di diventarne parte e dare all’opera un significato che si genera dal soggetto.

Il suo tipo di espressività, al quale ha dato il nome di Relazionalismo, tende a tirare fuori l’interiorità che trasforma l’osservatore da passivo ad attivo, lo invita a entrare nel dipinto dandogli la possibilità di cambiarlo di giorno in giorno. Ecco perché inserisce elementi materici, come zip o parti in cartoncino, che possono essere facilmente spostate, cambiate di forma, in base al desiderio e all’impulso di chi il dipinto lo sta guardando; ma già attraverso l’uso di luci e ombre, di colori declinati in molteplici sfumature, le sue opere sembrano essere in movimento che si plasma e si modifica in base alla stanza, all’ora del giorno, all’angolazione da cui ci si pone.

E la sua profonda e intensa ricerca sul colore si rivela anche nei lavori di digital art, dove questo termine che nella contemporaneità racchiude numerosi generi creativi – dal ritocco grafico di immagini ai collage, passando per la stampa serializzata – con Ravizza assume l’aspetto dell’opera unica, sia perché non ne produce copie, sia perché ogni parte della realizzazione è curata da lui, cominciando dalla creazione dei pennelli fino ad arrivare al gioco di sfumature, ombreggiature e tonalità sature, che danno spessore e vitalità all’immagine finale. Crea così una connessione tra la realizzazione manuale artistica, intesa nel senso più tradizionale del termine, e la sua esperienza trentennale come grafico pubblicitario che lo ha portato a guardare la realtà comunicativa da punti di vista differenti ma non necessariamente in contrasto tra loro.

La personale dell’artista milanese ha luogo nei bellissimi uffici di BeHab Group, una realtà moderna e dinamica che segue progetti di start up e non, a 360 gradi, e che desidera aprire le porte all’arte che entra in perfetta connessione con il nuovo concetto di sinergia, quello che permette a varie realtà apparentemente distanti di compenetrarsi e arricchirsi per percorrere la nuova strada della consapevolezza e dell’accettazione della diversità di approccio che però tende a voler recuperare l’emozione, nelle questioni artistiche come in quelle più pratiche

WALTER RAVIZZA
BeHab Group
corso Venezia 12, Milano
dal 18/05/2017 al 18/05/2017

ORARI
dal lunedì al venerdì
dalle 9.00 alle 18.00

Ingresso gratuito

CONTATTI
Tel.: 02-35982543
[email protected]
www.behabgroup.com

 
Walter Ravizza: scorci sull'esserePartecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Leggi tutto...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

Chiusura 16/07/2020 di Stefano Pariani
Molti milanesi la ricordano ancora come la “gesetta di lusert”, la chiesetta delle lucertole, un edificio [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph