GTranslate

 

Pierluca Cetera "Dopamina" Mostra Personale

artisti costruttori di paceChiusura 30/12/2019
Inaugura il 6 dicembre 2019 la personale di Pierluca Cetera Dopamina, organizzata dalla fondazione per l’arte e le neuroscienze di Maglie (LE) del dott. Francesco Sticchi nell’ambito delle conferenze sul tema “Emozioni I° parte – la Ricerca”. La mostra prosegue fino al 15 dicembre, dal 16 al 30 dicembre 2019 solo su appuntamento.
via Thaon de Revel, 25 Maglie (LE) mappa
Inaugurazione 06/12/2019
Inaugurazione
Venerdì 6 dicembre 2019 ore 19.00
Conferenza ore 19.30
Dal 6 al 15 dicembre ore 19:00-22:00
Dal 16 al 30 dicembre su appuntamento

La personale di Pierluca Cetera (Taranto, 1969) Dopamina mette in mostra i sentimenti e le emozioni umane attraverso una selezione di opere che l’artista ha realizzato tra il 2013 e oggi. La mostra, alla Fondazione per l’arte e le neuroscienze di Maglie (LE), inaugura venerdì 6 dicembre 2019 alle ore 19:00 e resterà aperta fino al 15 dicembre dalle 19:00 alle 22:00, mentre dal 16 al 30 su appuntamento. Il ciclo di conferenze “Emozioni I° parte – la Ricerca”, si svolgerà ogni sera, dal 6 al 15 dicembre nelle sale della mostra alle 19.30 e affronteranno il tema della Mente Emotiva.

Pierluca Cetera ama definirsi pittore, la sua tecnica, infatti, attinge alla tradizione della storia dell’arte dei grandi maestri, primi tra tutti per lui: Caravaggio, Velasquez, Goya e El Greco. Artisti della luce e dei forti contrasti, in cui la tecnica pittorica è strumento per lasciar emergere le profonde dimensioni del vivere umano: la natura, la sessualità, il sacro, la morte, la memoria, la solitudine. Cetera recupera tecniche in disuso come la pittura bituminosa, che ha visto il declino dall’affermarsi dell’impressionismo in poi, e compie una personalissima ricerca attraverso la pratica da copista di opere famose. Attraverso un percorso molto personale rielabora, attualizzandola, sia la tecnica pittorica che la copia stessa dei soggetti: realizza schizzi veloci di personaggi tratti da grandi opere famose che ridisegna poi a memoria. In questo modo ricompone i personaggi da lui scelti attraverso l’arricchimento del suo ricordo personale.

Le sue figure umane sono sempre collocate in ambientazioni sospese, indefinite, talvolta in veri e propri vuoti quasi bidimensionali. Esse si stagliano nette, nella loro definizione tridimensionale, o attraverso la citazione di dettagli ambientali, e, in questo modo, collocano la narrazione in uno stato sospeso, indefinito, dove il racconto riguarda, appunto, le storie delle emozioni e dei sentimenti umani piuttosto che veri e propri fatti della realtà e dell’agire umano. Il suo spazio è uno sfondo che tende a ribaltare i soggetti delle figure dipinte, rendendoli da oggetti osservati ad osservatori. I visi di Cetera sembrano scrutare il fruitore dell’opera, gli sfondi scuri richiamano, reinterpretandolo, il senso d’infinito dei fondi oro delle tavole trecentesche, trasformandoli in vuoti ambientali in cui il tempo è sospeso come nel limbo del tempo della mente.

La personale di Pierluca Cetera (Taranto, 1969) Dopamina mette in mostra i sentimenti e le emozioni umane attraverso una selezione di opere che l’artista ha realizzato tra il 2013 e oggi. La mostra, alla Fondazione per l’arte e le neuroscienze di Maglie (LE), inaugura venerdì 6 dicembre 2019 alle ore 19:00 e resterà aperta fino al 15 dicembre dalle 19:00 alle 22:00, mentre dal 16 al 30 su appuntamento. Il ciclo di conferenze “Emozioni I° parte – la Ricerca”, si svolgerà ogni sera, dal 6 al 15 dicembre nelle sale della mostra alle 19.30 e affronteranno il tema della Mente Emotiva.

Pierluca Cetera ama definirsi pittore, la sua tecnica, infatti, attinge alla tradizione della storia dell’arte dei grandi maestri, primi tra tutti per lui: Caravaggio, Velasquez, Goya e El Greco. Artisti della luce e dei forti contrasti, in cui la tecnica pittorica è strumento per lasciar emergere le profonde dimensioni del vivere umano: la natura, la sessualità, il sacro, la morte, la memoria, la solitudine. Cetera recupera tecniche in disuso come la pittura bituminosa, che ha visto il declino dall’affermarsi dell’impressionismo in poi, e compie una personalissima ricerca attraverso la pratica da copista di opere famose. Attraverso un percorso molto personale rielabora, attualizzandola, sia la tecnica pittorica che la copia stessa dei soggetti: realizza schizzi veloci di personaggi tratti da grandi opere famose che ridisegna poi a memoria. In questo modo ricompone i personaggi da lui scelti attraverso l’arricchimento del suo ricordo personale.

Le sue figure umane sono sempre collocate in ambientazioni sospese, indefinite, talvolta in veri e propri vuoti quasi bidimensionali. Esse si stagliano nette, nella loro definizione tridimensionale, o attraverso la citazione di dettagli ambientali, e, in questo modo, collocano la narrazione in uno stato sospeso, indefinito, dove il racconto riguarda, appunto, le storie delle emozioni e dei sentimenti umani piuttosto che veri e propri fatti della realtà e dell’agire umano. Il suo spazio è uno sfondo che tende a ribaltare i soggetti delle figure dipinte, rendendoli da oggetti osservati ad osservatori. I visi di Cetera sembrano scrutare il fruitore dell’opera, gli sfondi scuri richiamano, reinterpretandolo, il senso d’infinito dei fondi oro delle tavole trecentesche, trasformandoli in vuoti ambientali in cui il tempo è sospeso come nel limbo del tempo della mente.
 
Pierluca Cetera Partecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Leggi tutto...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

Chiusura 16/07/2020 di Stefano Pariani
Molti milanesi la ricordano ancora come la “gesetta di lusert”, la chiesetta delle lucertole, un edificio [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph