GTranslate

 

Pietro Morando tra Pellizza, Carrà e Severini a Palazzo del Monferrato di Alessandria

in Via San Lorenzo, 21 Alessandria, Alessandria,

Recensito da Stefano Pariani

Sommario

La mostra ripercorre l'iter dell'artista attraverso una cinquantina di opere provenienti da collezioni pubbliche e private senza seguire un ordine cronologico, ma per accostamenti, affinità e suggestioni che derivano dai pittori a lui contemporanei, come Angelo Morbelli, Pellizza da Volpedo, Carlo Carrà, con cui Morando condivise amicizia e scambi culturali.

Descrizione

morandoAlessandria rende omaggio ad uno dei suoi pittori più celebri con una mostra allestita presso Palazzo del Monferrato e curata da Maria Luisa Caffarelli e Rino Tacchella. Pietro Morando nacque proprio qui nel 1889 e ricevette un impulso decisivo all'arte quando Angelo Morbelli, suo celebre concittadino, lo introdusse all'Accademia di Belle Arti di Brera. Suggestionato da Pellizza e sostenuto da Bistolfi, altri importanti artisti del territorio alessandrino, Morando suscitò fin da subito l'interesse di molti, elaborando uno stile che affondava le radici nel clima artistico locale, ma si apriva a nuove esperienze tutte personali. Con gli orrori del primo conflitto mondiale, vissuto in prima persona, la sua pittura si fece più essenziale, scarna, con figure dalle linee geometriche e spezzate per approdare, negli anni successivi, ad esiti che lo avvicinarono alla pittura metafisica italiana. La mostra ripercorre l'iter dell'artista attraverso una cinquantina di opere provenienti da collezioni pubbliche e private senza seguire un ordine cronologico, ma per accostamenti, affinità e suggestioni che derivano dai pittori a lui contemporanei, come Angelo Morbelli, Pellizza da Volpedo, Carlo Carrà, con cui Morando condivise amicizia e scambi culturali. Spesso l'accostamento di opere nasce da soggetti simili e mostra le diverse interpretazioni degli artisti. Troviamo così tele che ritraggono la solitudine dell'uomo L'emigrante, la famiglia Maternità, Il ritorno del figliol prodigo, la semplicità della vita di campagna Il mercato del bestiame, Il ponte sul Bormida, vedute marine, passando da uno stile ancora debitore del Divisionismo ad uno sempre più personale, sobrio ed essenziale. La poesia delle opere di Morando nasce dalla forza dei suoi soggetti, quasi sempre gente povera, contadini, facchini e viandanti, che esprimono lo smarrimento e il senso di ricerca dell'umanità. E' gente silenziosa, che non reclama nulla, che vive con pacata consapevolezza la propria quotidianità e anche la propria miseria; a queste persone Morando restituisce tutta la loro dignità. Il percorso espositivo fa nascere nel visitatore interesse, curiosità e lascia aperte strade interpretative anche in chi si accosta per la prima volta a questo pittore. Stefano Pariani Palazzo del Monferrato Via San Lorenzo, 21 Alessandria Tel. 0131/313400 [email protected] Orario d’apertura Dal 15 aprile al 30 maggio 2014 Da martedì a venerdì 16.00 – 19.00 Sabato e domenica 10.00 – 13.00; 16.00 – 19.00 Ingresso gratuito
votazione 4/ 5 (Excellent) Stefano Pariani
 
Pin It

Le interviste del Direttore

Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
La storia dell'Ospedale Fatebenefratelli di Milano è fortemente legata a quella della sua città e affonda le radici nel Cinquecento, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Margherita Pavoni
Il luogo senz'altro più affascinante di Bergamo Alta è la piazza Vecchia con i suoi portici e la piazzetta della Basilica di Santa [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Milano: storia di una chiesetta dimenticata e imbrattata

di Stefano Pariani
Sono in molti a Milano a conoscere la Chiesa di Sant'Antonio da Padova, nelle adiacenze del Cimitero Monumentale, luogo che raccoglie [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Other Articles

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph