GTranslate

 

Dipinti e arredi da Villa Saminiati

Dipinti e arredi da Villa Saminiati e altre committenze private. Il 4 e 5 novembre la Colasanti Casa d'Aste apre le danze autunnali. Ben 462 lotti di Fine Art pronti per essere battuti al miglior offerente in 3 tornate divise in due giorni. Esposizione fino a lunedì 2 novembre nella sede romana di via Aurelia 1249.

Il catalogo si apre al lotto 2 con il dipinto attribuito a Pietro Paolini e Simone del Tintore (stima 3.000-4.000€), mentre ai lotti successivi vengono proposti due splendidi esempi di pittura caravaggesca (6.000/8.000€ cad.). Al lotto 6 un dipinto ad olio del XVIII secolo di Giovanni Battista Tagliasacchi, il “Ritratto di Monsignor Gherardo Zandemaria” che stima 2-3 mila euro.

 

In questa prima tornata spicca senza dubbio il lotto 11, dipinto settecentesco di tematica manierista (4-6 mila). Si segnala ai lotti 12 e 13 due grandi tele raffiguranti i ritratti del Conte di Carrobio e di sua moglie in occasione della loro visita a Westminster per l’incoronazione di Edoardo VII (6-8 mila cad.). Tra gli highlight il “Ritratto di James Rennel Rodd” di Antonio Mancini, presentato in catalogo al lotto 14 con una stima di 20-30 mila euro. Colasanti dedica la seconda tornata agli arredi e oggetti d’arte: si evidenzia il lotto 147, una manifattura Castelli del XVIII secolo composta da sei mattonelle in maiolica dipinta (2.500-3.500). Di eccezionale fattura la coppia di cassettoni Luigi XVI (lotto 163, 2-3 mila), così come la particolare scrivania con alzata del ‘700 piemontese (2.500-3.500). E ancora la maestosa coppia di candelabri in bronzo con figure di vittorie alate (12-18 mila).

Il ricco catalogo prosegue con una selezione di micromosaici romani, offrendo inoltre una piccola collezione di porcellane antiche. Spicca il lotto 210, vera e propria rarità. Si tratta di un antico servizio da viaggio in porcellana Meissen risalente alla seconda metà del ‘700 stimato 3-5 mila euro. Non manca, per gli appassionati, una sezione dedicata all’arte orientale guidata da un elegante paravento in legno decorato in oro e madreperla (lotto 269, 800-1.200). 

La terza tornata propone le opere provenienti da una raffinata dimora romana. Emergono due elegantissime poltrone Frau modello 1919 (800-1.200€ cad.) e un mobile bookcase epoca Giorgio III di grande signorilità (lotto 296, stima 2-3 mila). Tornando all’arte orientale, è proposto un bel pannello dipinto su carta con motivi naturalistici (1.000-1.500€) e un tappeto Pechino decorato con draghi su fondo blu (1.500-2.500). A seguire il lotto 308: una miniatura ad olio su tela che raffigura “Papa Pio VIII nel Duomo di Milano”, opera di Giovanni Migliara (1.000-1.500). Tra le varie e numerose proposte una collezione di marmi, busti e ripiani in marmi policromi, fino ad arrivare -in chiusura di tornata- al lotto 460, un grande lampadario Rezzonico a 24 luci, manifattura di Murano (4-6 mila).

SFOGLIA IL CATALOGO

Dipinti e arredi da Villa Saminiati e altre committente private

Asta a porte chiuse in 3 tornate

Mercoledì 4 novembre | ore 15:00

Giovedì 5 novembre | ore 15:00 e ore 18:00

Esposizione fino a lunedì 2 novembre 2020

Colasanti Casa d'Aste, via Aurelia 1249, Roma

Pin It

Viaggio nell'Arte

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Read more ...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Read more ...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Read more ...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Read more ...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Read more ...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Read more ...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Read more ...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Read more ...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Read more ...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Read more ...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Read more ...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Remember Me

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph