GTranslate

 

Triennale Milano organizza anche quest’anno i campus estivi Summer Escapes, realizzati in collaborazione con i Ludosofici e rivolti a bambini e ragazzi dai 7 agli 11 anni. Questa edizione del progetto è sostenuta da Scalo Milano Outlet & More, che ha permesso di offrire gratuitamente i campus a famiglie provenienti dagli otto municipi periferici coinvolti nel progetto QuBì – la ricetta contro la povertà infantile a Milano, un programma finalizzato a contrastare il fenomeno della povertà infantile promuovendo la collaborazione tra le istituzioni pubbliche e il terzo settore.


Afferma Stefano Boeri, Presidente di Triennale Milano: “In un’ottica di inclusività e allargamento dei pubblici siamo felici di presentare la sesta edizione dei campus estivi Summer Escapes, un’occasione unica per aprire Triennale ai più giovani, che saranno il pubblico di domani, e per avvicinare quelle fasce che con più difficoltà possono accedere alle nostre attività. Ringraziamo Scalo Milano Outlet & More che sostiene il progetto e i Ludosofici per la straordinaria capacità di offrire proposte education e formative coniugando una visione filosofica alle attività caratterizzanti Triennale”. 

“Abbiamo a cuore Milano e per questo abbiamo scelto di sostenere Triennale Milano, dando il nostro concreto contributo ad un'iniziativa culturale di grande valore per il futuro dei più giovani. Permettere alle famiglie meno fortunate di poter far vivere ai propri figli un'esperienza unica di gioco, crescita e socializzazione, dopo un anno così difficile, è per noi motivo di grande orgoglio. Questo progetto rientra nel nostro costante impegno di responsabilità sociale; vogliamo restituire al territorio esperienze culturali di valore ed inclusione per dimostrare supporto alla nostra comunità. Ringraziamo Triennale per averci accolto in questo significativo progetto per la città", afferma Davide Lardera, Amministratore Delegato di Scalo Milano Outlet & More.

Grazie alla collaborazione tra Triennale Milano e Scalo Milano Outlet & More oltre 100 bambini sono stati coinvolti nell’iniziativa e avranno la possibilità di partecipare alle attività del campus, che si svolgono in tutta sicurezza nel Giardino e nel nuovo spazio Education di Triennale Milano, e di visitare le mostre scoprendo il design, l’arte e l’architettura.

Sono in programma otto settimane di campus (dal 14 giugno al 23 luglio e dal 23 agosto al 3 settembre, dal lunedì al venerdì) e ogni settimana coinvolgerà una delle otto zone di Milano selezionate. Scalo Milano Outlet & More mette a disposizione dei partecipanti del quartiere coinvolto anche il trasporto dei bambini in Triennale, agevolando così le famiglie.

Le attività di Summer Escapes quest'anno sono rivolte solo ai bambini e ragazzi selezionati e coinvolti nel progetto QuBì.
 
Il campus Summer Escapes in Triennale – Il futuro è adesso
In questi ultimi dodici mesi in cui la vita di bambini e adulti è stata stravolta, la casa si è trasformata in scuola, parco giochi, palestra, ufficio, in un porto sicuro o in un limite. Una casa, oltre che dagli spazi, è composta dagli oggetti che ospita e che accoglie, ed è a partire da qui che si struttura il tema del campus organizzato da Triennale Milano quest’anno.

Ogni settimana sono previsti una serie di laboratori in cui i bambini trasformano le voci e le emozioni racchiuse negli oggetti portati da casa in strumenti che serviranno a scrivere un grande racconto collettivo, e a immaginare, disegnare e progettare nuovi presenti, andando a costituire una wunderkammer degli oggetti del futuro.

I campus si svolgono insieme al team dei Ludosofici e con degli ospiti speciali, garantendo massima sicurezza e inclusività. Tra questi, prenderanno parte alle attività di questa edizione sound-artist, fotografi ed esperti di urban culture, designer, architetti, grafici ed editori.

Pin It

Viaggio nell'Arte

Notizie OK ARTE

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Read more ...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Read more ...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Read more ...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Read more ...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Read more ...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Read more ...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Read more ...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Read more ...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Read more ...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Read more ...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Read more ...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Remember Me

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano