GTranslate

 

Maria Cristina Carlini. Ritorno alle origini

/2009_Maria-Cristina-Carlini_Senza-Titolo_tecnica-mista-su-carta_cm-80x80_ph.-Mimmo-Capurso
Chiusura 30/10/2020
Il Salotto di Milano ospita, dal 1 al 30 ottobre, la mostra “Maria Cristina Carlini. Ritorno alle origini”, a cura di Francesca Bellola, in cui l’artista percorre un viaggio che giunge agli inizi del mondo e alla nascita dell’uomo, in un’ottica di totale rispetto e armonia nei confronti della natura e del pianeta.
Corso Venezia, 7 Milano mappa
Inaugurazione 01/10/2020
Il Salotto di Milano, luxury hub situato nel cuore del quadrilatero milanese, dedicato alle eccellenze Made in Italy nell’ambito del fashion, del design e dell’arte, con questa importante mostra conferma il suo ruolo di promotore culturale nonché la sua vocazione a valorizzare le più interessanti espressioni della ricerca artistica italiana contemporanea.

Per l’occasione sono esposte una selezione di sculture di medie e piccole dimensioni realizzate con i materiali che rappresentano la cifra stilistica di Maria Cristina Carlini che vanno dal grès, al legno, passando per il bronzo e il ferro, attraverso i quali l’artista istituisce un collegamento diretto con la terra e con gli elementi naturali. Un legame indissolubile che è punto di partenza, fonte di ispirazione da cui nascono lavori che spaziano da sculture anche di dimensioni monumentali, ad arredi di design, tele e opere su carta. Di queste è possibile ammirare diversi esemplari in un'unica sala dove, in collages e serigrafie, spesso si scorgono riferimenti e rimandi alle sculture; due Libri d’artista, realizzati in ferro e impreziositi da una formella in grés, conservano al loro interno 13 disegni autografi, mentre le altre opere vivono e interagiscono con i diversi spazi espositivi.

L’utilizzo e la ricerca sui materiali grezzi o di recupero, come il legno, e l’intervento spesso minimo dell’artista denotano il profondo rispetto che Maria Cristina Carlini ha coltivato nel tempo nei confronti della materia; in opere come i Crateri viene mantenuta l’essenza della terra, una storia plasmata attraverso la mano della scultrice che porta alla luce letture e interpretazioni che accompagnano l’uomo fin dalle sue origini.
Lo sguardo sul passato parte dai singoli elementi ed evolve nella rappresentazione della Terra; nelle opere in bronzo intitolate Globo, è infatti evidente l’allusione al nostro pianeta, che appare con delle crepe e dei fili, che, come cuciture, ne tengono unite le parti. Una lettura che mostra la fragilità e la devastazione del mondo attuale, ma che vuole allo stesso tempo proiettarsi verso un futuro migliore. Afferma la curatrice Francesca Bellola “La spiritualità di questa grande artista ci porta a riflettere sulla speranza di un mondo in cui uomini e natura convivono in perfetto equilibrio. La terra come risorsa magnifica da contemplare, conoscere, amare”.
Alla memoria e alla riscoperta dell’identità dell’essere umano è dedicata l’opera in grés Libri bruciati una denuncia del tentativo di cancellare la cultura e la storia, che, spesso, si concretizza nell’atto di bruciare i libri, un simbolo che diventa sostegno e incoraggiamento alle idee e alla libertà di pensiero.

Nella sala espositiva un video offre la possibilità di conoscere più a fondo l’artista e i suoi lavori, grazie a interviste, dichiarazioni e immagini di numerose sculture esposte in diverse mostre o in permanenza in tutto il mondo.

Cenni biografici. Maria Cristina Carlini inizia a lavorare la ceramica nei primi anni Settanta in California, per poi esprimersi con l’utilizzo di diversi materiali quali grès, ferro, acciaio corten, lamiera e legno. Il suo percorso artistico comprende mostre personali e collettive in numerose sedi pubbliche e private, nazionali e internazionali e le sue sculture monumentali sono presenti in permanenza in tre continenti: Europa, America, Asia.
Nel 2010 è la prima scultrice a esporre nella Città proibita a Pechino e rappresenta Milano nell’Expo di Shangai con opere monumentali. Per Expo 2015 vengono collocate in permanenza sue due sculture monumentali: La nuova città che sale presso fieramilano Rho, presentata alla Triennale di Milano da Philippe Daverio, e Vento nel Parco dell’Arte all’Idroscalo. Nel 2019 a Parigi espone presso la Beffroi di Place du Louvre l’imponente opera Origine, nello stesso anno la scultura Impronte entra a far parte della collezione permanente del Museo del Parco di Portofino, Centro Internazionale di Scultura all’Aperto. Nel 2020 è protagonista presso lo Studio Museo Francesco Messina di Milano di un’importante mostra personale a cura di Chiara Gatti.
Vive e lavora a Milano. www.mariacristinacarlini.com

Coordinate mostra
Titolo Maria Cristina Carlini. Ritorno alle origini
A cura di Francesca Bellola
Sede Il Salotto di Milano, corso Venezia, 7 – Milano
Direttore Artistico Simona Gervasio
Date 1- 30 ottobre 2020
Inaugurazione giovedì 1 ottobre ore 15.00/17.00/19.00 p
Orario lunedì - venerdì ore 10 – 17
Ingresso libero con prenotazione consigliata

Info pubblico tel. 02.76317715 - [email protected] - www.ilsalottodimilano.it



 
Maria Cristina Carlini. Ritorno alle originiPartecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Leggi tutto...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

Falegnameria di Gregorio