GTranslate

 

Emilio Tadini. “Fiabe al lago”

Spazio espositivo: PALAZZO PARASI, via Giovanola Cannobio (VB) Lago Maggiore. Accessibile ai diversamente abili solo al 1^ piano
Periodo: da sabato 19 giugno a domenica 29 agosto 2021
Inaugurazione: sabato 19 giugno 2021, ore 17:30.
PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA, obbligo di mascherina e distanziamento; rivolgersi a [email protected]; SMS o WhatsApp +39 348 7340347 tel. +39 0323 840809
Orari di apertura: martedì-mercoledì ore 16:00/19:00; giovedì-domenica ore 10:30/12:30; venerdì-sabato ore 10:30/12:30-16:00/19:00;

L’ARTISTA
Le sale espositive di Palazzo Parasi di Cannobio ospiteranno la personale di Emilio Tadini (Milano 1927 - 2002), Fiabe al Lago, a cura di Vera Agosti.
La mostra è realizzata in collaborazione con l’Archivio eredi Francesco e Michele Tadini, la Casa Museo Spazio Tadini e la Fondazione Marconi di Milano.


L'artista, pittore, disegnatore, scultore e designer, è stato anche scrittore, traduttore, poeta, critico d'arte e letterario, giornalista, collaborando per anni con Il Corriere della Sera. Dal 1997 al 2000 è stato Presidente dell'Accademia di Brera. Inoltre, ha scritto e condotto trasmissioni televisive culturali. Ha esposto con successo in Italia e all’estero. Nel 2001 si è tenuta un’ampia retrospettiva a Palazzo Reale a Milano. La sua ricerca figurativa e onirica indaga il mistero dell'uomo, muovendosi tra l'influenza della Pop Art inglese, la Metafisica di De Chirico e altre suggestioni.

CITTÀ DI CANNOBIO

www.cannobiocultura.it - [email protected] SMS o WhatsApp 0039 348 7340347 tel.+390323840809
LA MOSTRA
Oltre trenta opere, tra acrilici su tela e sculture, in vetro e in metallo, dalle piccole alle grandi dimensioni, per un’antologica rappresentativa dei momenti salienti della ricca produzione dell'artista, dalle prime prove degli anni '50 con Le Figure, le Cose, a all'ultima ricerca dedicata alle Fiabe, che dà il titolo alla rassegna.
L’omaggio va al Lago Maggiore, dove Tadini si recava con la famiglia, ospite dell'amico fraterno Valerio Adami (che ha esposto a Palazzo Parasi nel 2016), con il quale aveva costituito la Fondazione Europea del Disegno di Meina.
L’esposizione segue un percorso cronologico che si sviluppa dall'alto, partendo dalla sala video sul lavoro di Tadini. I grandi cicli su cui si è concentrata l’attenzione dell’artista hanno spesso confini labili, poiché una serie nasceva nel momento in cui un’altra non era ancora completamente interrotta. I dipinti sono costruiti secondo una logica di sovrapposizione di piani temporali differenti, in cui convivono memoria e realtà, tragico e comico. Ogni opera è aperta a una pluralità di senso e di interpretazione. significato.
Passando per Vita di Voltaire. Il magistrato in campagna (1967), Color & Co. Paesaggio nello
studio (1969), Viaggio in Italia (1971), Museo dell’uomo (1974), Angelus Novus (1978),
Disordine in corpo classico (1982)… , il pubblico incontra i filosofi che danzano (Il ballo dei
filosofi, anni ‘90) il valzer del pensiero nella Città (Città italiana, 1988) tra i Profughi (No
particular place to go, 1989), emblema della condizione umana e dello smarrimento che
proviamo tutti noi, quando perdiamo i nostri punti di riferimento. La soluzione pare essere la
Fiaba (Fiaba dei Tre Pittori, anni ‘90), l’immaginazione, con cui forgiamo la nostra identità e
possiamo essere finalmente liberi. In esposizione anche alcuni lavori mai pubblicati, come la
serie de La fiaba di Sant’Amleto (2000), ispirata all’opera shakespeariana e immagine guida
dell’esposizione.
Il rapporto tra la figura e la parola scritta è sempre stato fondamentale per l’autore, in un
gioco di contaminazioni. Parole dipinte, o scolpite, parole nella pittura, o nella scultura, come
nei suoi splendidi Fiori. Non per nulla Umberto Eco definiva Emilio Tadini “scrittore che
dipinge, pittore che scrive”.

LO SPAZIO
L’esposizione si iscrive nel quadro delle mostre pensate per valorizzare una storica
costruzione risalente al XIII secolo adibita per tanti anni a luogo di giustizia e di governo. Il
Palazzo della Ragione, meglio conosciuto come Palazzo Parasi, è stato accuratamente
restaurato dall’Amministrazione Comunale, di concerto e sotto l’alta vigilanza della
Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio della regione Piemonte. Si tratta
di un imponente edificio che sorge a ridosso della Torre Comunale del XII secolo. Al piano
terra è presente un portico coperto con volte a botte che conserva lapidi, stemmi e rilievi del
XIV secolo e due tombe romane. Ai piani superiori sono state realizzate due aree destinate a
spazio espositivo, una delle quali particolarmente interessante per il diretto contatto con le
antiche capriate

 

Partnership:  Archivio eredi Francesco e Michele Tadini
 Casa Museo Spazio Tadini
 Fondazione Marconi, Milano
Curatela e testo critico: Vera Agosti
Catalogo: edizioni città di Cannobio
Accoglienza: Rete museale dell’Unione del Lago Maggiore
Pin It

Viaggio nell'Arte

Notizie OK ARTE

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Read more ...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Read more ...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Read more ...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Read more ...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Read more ...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Read more ...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Read more ...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Read more ...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Read more ...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Read more ...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Read more ...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Remember Me

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

Falegnameria di Gregorio